sabato, Febbraio 24, 2024

Sostenibilità alimentare: la vinaccia come fonte di sostanze bioattive per produrre farmaci e alimenti funzionali

La vinaccia come risorsa rinnovabile La vinificazione è una delle...

IkB-zeta: the hidden in-plain-sight immune regulator for transcriptional moonlightning

Our immune system is remarkably powerful. It quickly assembles...

La salute mentale risente del sonno, ma riguardo ai ritmi circadiani? Quali sono le nuove possibilità di intervento?

I ritmi circadiani e la malattia mentale Un team internazionale...

Declino cognitivo: le dimensioni contano, a cominciare dal cervello…

I fattori che influenzano la salute dei nostri vasi sanguigni, come il fumo, l’alta pressione sanguigna, l’obesità e il diabete, sono collegati a cervelli meno sani, secondo una ricerca pubblicata oggi sull’European Heart Journal. Lo studio ha esaminato le associazioni tra sette fattori di rischio vascolare e le differenze nelle strutture di parti del cervello. I legami più forti sono stati con aree del cervello note per essere responsabili delle nostre più complesse capacità di pensiero e che si deteriorano durante lo sviluppo della malattia di Alzheimer e della demenza senile. I ricercatori, guidati dal dott. Simon Cox, un ricercatore senior presso il Center for Cognitive Aging and Cognitive Epidemiology presso l’Università di Edimburgo (Regno Unito), hanno esaminato le risonanze magnetiche del cervello di 9.772 persone, di età compresa tra 44 e 79 anni. Tutti erano iscritte allo studio di Biobank nel Regno Unito – uno dei più grandi gruppi di persone della popolazione generale a disporre di dati disponibili sull’imaging cerebrale, nonché informazioni generali sulla salute e mediche. Questo è il più grande studio al mondo su singolo scanner di più fattori di rischio vascolari e imaging cerebrale strutturale. I ricercatori hanno cercato associazioni tra la struttura del cervello e uno o più fattori di rischio vascolare, tra cui fumo, ipertensione, diabete, alti livelli di colesterolo e obesità misurati dall’indice di massa corporea (BMI) e dal rapporto vita-fianchi . Questi sono stati tutti collegati a complicazioni con l’afflusso di sangue al cervello, potenzialmente portando a una riduzione del flusso sanguigno e ai cambiamenti anormali osservati nella malattia di Alzheimer.

Hanno scoperto che, con l’eccezione dei livelli elevati di colesterolo, tutti gli altri fattori di rischio vascolare erano legati a una maggiore contrazione del cervello, meno materia grigia (tessuto trovato principalmente sulla superficie del cervello) e materia bianca meno sana (tessuto nelle parti più profonde del cervello). I fattori di rischio più vascolari di una persona avevano, più poveri erano la salute del loro cervello. Il fumo di sigaretta, l’ipertensione e il diabete erano i tre fattori di rischio vascolare che mostravano le associazioni più coerenti tra tutti i tipi di tipi di tessuto cerebrale misurati. I livelli di colesterolo alto non erano associati a nessuna differenza nelle scansioni MRI. Per quantificare le dimensioni delle differenze osservate, il Dr. Cox ha spiegato: “La Biobank del Regno Unito ci ha permesso di dare uno sguardo completo su come ciascun fattore era correlato a molti aspetti della struttura del cervello. peggiore struttura del cervello, anche negli adulti che erano altrimenti sani. Questi legami erano altrettanto forti per le persone di mezza età come lo erano per quelli in età avanzata, e l’aggiunta di ciascun fattore di rischio aumentava le dimensioni dell’associazione con una salute del cervello peggiore. È importante sottolineare che le associazioni tra fattori di rischio e salute e struttura del cervello non erano distribuite uniformemente su tutto il cervello: piuttosto, le aree interessate erano principalmente quelle note per essere collegate alle nostre capacità mentali più complesse e alle aree che mostrano cambiamenti nella demenza”.

Sebbene le differenze nella struttura del cervello fossero in genere piuttosto piccole, questi sono solo alcuni possibili fattori di un numero potenzialmente enorme di cose che potrebbero influire sull’invecchiamento cerebrale. Il team ha confrontato le persone con i fattori di rischio più vascolari con quelli che non ne avevano, confrontandole con le dimensioni della testa, l’età e il sesso. Hanno scoperto che, in media, quelli con il più alto rischio vascolare avevano circa 18 ml, o quasi il 3%, meno volume di materia grigia e una volta e mezza il danno alla loro sostanza bianca – il tessuto connettivo del cervello – rispetto a persone che hanno avuto il rischio più basso. Questi risultati, quindi, mostrano il potenziale di apportare cambiamenti nello stile di vita per migliorare l’invecchiamento cognitivo e cerebrale. Il Dr. Cox ha ulteriormente commentato: “18 ml è leggermente più grande di un cucchiaio bello pieno, che è significativo per un volume cerebrale. Non possiamo negare che ci sia in realtà una modificazione del tessuto cerebrale con la vecchiaia, sia per invecchiamento naturale o la presenza di condizioni come l’ipertensione o il diabete. I fattori di stile di vita sono molto più facili da cambiare rispetto a cose come il tuo codice genetico – entrambi sembrano influenzare la suscettibilità al peggioramento dell’invecchiamento cerebrale e cognitivo. Poiché abbiamo trovato che le associazioni erano altrettanto forti nella mezza età come lo erano nella vita futura, i dati suggeriscono che affrontare precocemente questi fattori potrebbe mitigare i futuri effetti negativi; questi risultati potrebbero fornire una motivazione aggiuntiva per migliorare la salute vascolare oltre i benefici respiratori e cardiovascolari”.

I limiti dello studio includono il fatto che non include persone di età superiore ai 79 anni e che i partecipanti alla Biobanca UK tendono a vivere in aree meno svantaggiate, il che può limitare il modo in cui i risultati possono essere generalizzati ad altre popolazioni. Poiché i ricercatori stavano misurando solo le strutture cerebrali e non stavano eseguendo l’imaging cerebrale funzionale o test di abilità di pensiero, non possono mostrare in questo studio come i cambiamenti nella struttura cerebrale potrebbero influire sulla funzione cognitiva, ma altri studi hanno dimostrato la relazione tra numeri aumentati di fattori di rischio vascolari e capacità di pensiero peggiori o in declino e demenza. Ora i ricercatori progettano di misurare i legami tra i fattori di rischio vascolare e le capacità di pensiero nei partecipanti alla Biobank britannica e anche in altri gruppi. Inoltre, stanno seguendo le persone anziane, effettuando scansioni multiple e test di abilità di pensiero. Sperano che questo dica loro di più sul ruolo che i fattori di rischio vascolari giocano nel declino di diversi tipi di capacità di pensiero e su quali aree del cervello sono implicate. Sperano anche che i risultati motivino il lavoro futuro per comprendere i meccanismi biologici attraverso i quali diverse fonti di rischio vascolare potrebbero essere correlate a diverse aree e tessuti del cervello.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Cox SR, Lyall DM et al. Eur Heart J. 2019 Mar 11. In press.

Pardini M et al. Neurology 2019 Mar 5; 92(10):1121-1135. 

Prato FS et al. J Alzheimers Dis Rep. 2019 Feb; 3(1):31-45.

Latest

Sostenibilità alimentare: la vinaccia come fonte di sostanze bioattive per produrre farmaci e alimenti funzionali

La vinaccia come risorsa rinnovabile La vinificazione è una delle...

IkB-zeta: the hidden in-plain-sight immune regulator for transcriptional moonlightning

Our immune system is remarkably powerful. It quickly assembles...

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Newsletter

Don't miss

Sostenibilità alimentare: la vinaccia come fonte di sostanze bioattive per produrre farmaci e alimenti funzionali

La vinaccia come risorsa rinnovabile La vinificazione è una delle...

IkB-zeta: the hidden in-plain-sight immune regulator for transcriptional moonlightning

Our immune system is remarkably powerful. It quickly assembles...

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Estratto/principi attivi del thè contro i fibromi uterini: potrebbe davvero essere così semplice?

I fibromi uterini sono i tumori benigni più comuni dell'utero. Costituiti da cellule muscolari lisce e una grande matrice di tessuto connettivo, i fibromi...

Revisione sul mal di schiena cronico: la conoscenza dei dati globali per la ricerca di benessere e prevenzione

La lombalgia è una causa significativa di disabilità a livello globale e un problema costoso, con la spesa sanitaria in aumento ogni anno. Viene...

Salute a tavola: 10 alimenti per rafforzare naturalmente le funzioni del cervello

Il cervello è un organo ad alta intensità energetica, che utilizza circa il 20% delle calorie del corpo, quindi ha bisogno di “carburante” per...