giovedì, Maggio 30, 2024

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Vasculiti: generalità

Cos’è una vasculite?

La vasculite si riferisce a un ampio gruppo di malattie che causano l’infiammazione dei vasi sanguigni. I vasi sanguigni specifici colpiti includono arterie, vene e il più piccolo di questi noti come capillari. Può influenzare diverse parti del corpo e l’impatto e i sintomi dipenderanno dalla parte interessata. La vasculite è anche chiamata arterite. Provoca alterazioni delle pareti dei vasi sanguigni, che possono includere cicatrici, indebolimento, restringimento e ispessimento. La vasculite può danneggiare organi specifici riducendo la fornitura di ossigeno. La vasculite può essere acuta, a breve termine o cronica ea lungo termine. In alcuni casi, gli organi del corpo possono essere colpiti, specialmente se non ricevono abbastanza sangue ricco di sostanze nutritive e ossigeno, con conseguenti danni agli organi e, talvolta, la morte.

Le cause

La vasculite si verifica quando il sistema immunitario del corpo attacca erroneamente i suoi vasi sanguigni (reazione autoimmune). Gli esperti non sono sicuri del perché questo accada. Alcuni fattori scatenanti noti sono infezioni, reazioni allergiche, alcuni disturbi del sistema immunitario e alcuni tipi di cancro. Per la malattia di Behcet, si ritiene che sia dovuta a un processo autoimmune innescato da un agente infettivo o ambientale in un individuo geneticamente predisposto. L’allele HLA-B51 situato nel locus MHC, sul cromosoma 6p, è stato il fattore di rischio maggiormente associato per la malattia incerte aree. La causa della arterite a cellule giganti non è chiarita, ma sono stati fatti importanti progressi nella conoscenza della sua patogenesi che porta a nuovi bersagli terapeutici, in particolare l’inibizione dell’interleuchina-6. Questa citochina svolge un ruolo chiave nella regolazione dello squilibrio Th17/ Tregs e appare correlare con l’attività clinica della malattia. Esistono vasculiti indotte anche da farmaci. Sono state riportate associazioni con farmaci anti-ipertensivi (idralazina), immunostimolanti (levamisole), agenti anti-tiroidei (metimazolo) ed alcuni antibatterici (trimethoprim-sulfametossazolo)

Sintomi

Segni e sintomi di vasculite variano a seconda di quali vasi sanguigni sono colpiti e quali organi sono danneggiati, se presenti. La maggior parte dei casi di vasculite includono i seguenti sintomi: febbre, stanchezza, perdita di peso, perdita di appetito, dolori articolari, dolori muscolari, intorpidimento e debolezza. I segni e sintomi variano a secondo delle specifiche condizioni vasculitiche: ci sono dei tratti comuni, ma per alcune entità alcuni sintomi sono distintivi.

– Malattia di Behçet

È una sindrome autoimmune complessa. I sintomi variano e possono scomparire e tornare. Può influenzare le aree corporee, ad es. in bocca piaghe dolorose, come ulcere da cancro. Iniziano come lesioni sollevate e rotonde in bocca e diventano ulcere dolorose. Alcune persone possono sviluppare piaghe acneiche, mentre altre possono avere noduli rossi, sollevati e teneri, specialmente sulle gambe. Anche i giunti vengono attaccati dal processo autoimmune. Solitamente gonfiore e dolore alle ginocchia e talvolta a caviglie, gomiti o polsi. Le lesioni genitali appaiono comunemente sullo scroto nei maschi e nella vulva nelle femmine. Appaiono come lesioni rosse, rotonde, ulcerate. L’infiammazione nel cervello e nel sistema nervoso può causare mal di testa, febbre, scarso equilibrio e disorientamento. Gli occhi si infiammano con la cosiddetta uveite. Il tratto gastrointestinale subisce dolori addominali, diarrea. Possibile sanguinamento nel sistema digestivo avviene con crisi.

– Malattia di Buerger

La malattia di Buerger colpisce le arterie e le vene nelle braccia e nelle gambe. I vasi sanguigni si gonfiano e vengono bloccati da coaguli di sangue, chiamati trombi, che danneggiano o distruggono i tessuti cutanei. A volte, questo può portare a infezioni e cancrena. Il rischio di malattia di Buerger è legato al fumo regolare. I sintomi iniziali comprendono spesso dolore ai piedi e alle mani durante l’esercizio a causa di insufficiente flusso sanguigno. A volte questo dolore può anche essere presente a riposo. Di solito il dolore inizia alle estremità ma può irradiarsi in altre parti del corpo. Una persona può anche sperimentare: intorpidimento e / o formicolio agli arti, dita, dita dei piedi, mani e piedi diventano bianchi al freddo, ulcerazioni cutanee che possono diventare cancrena delle dita.

– Vasculite del sistema nervoso centrale

La vasculite del sistema nervoso centrale può indurre cambiamenti mentali. Questa è vasculite che coinvolge il cervello e il midollo spinale. Segni e sintomi possono includere: cambiamenti mentali, mal di testa, confusione generale, paralisi o debolezza muscolare, problemi visivi, depressione, disfasia e convulsioni.

– Sindrome di Churg-Strauss

Questa sindrome rara è un’infiammazione delle piccole arterie e delle vene nelle persone con una storia di allergia o asma. La sua caratteristica principale è l’asma, che può iniziare molto prima dell’inizio della vasculite. I primi segni e sintomi possono includere: rinite allergica e polipi nasali. Nella fase successiva, la persona ha tipicamente eosinofilia, una condizione in cui ci sono troppi eosinofili, un tipo di globuli bianchi. La terza fase è una vasculite che di solito coinvolge la pelle, i polmoni, i nervi, i reni e altri organi. Vi è una frequente devastazione dei nervi, chiamata mononeuritis multiplex, che provoca un formicolio, intorpidimento, perdita muscolare a mani e piedi e dolori lancinanti.

– Crioglobulinemia

Questa condizione è legata alle infezioni da epatite C. Fa sì che il sangue iperdenso con l’infiammazione dei vasi sanguigni. I sintomi variano a seconda del tipo e di quali organi sono interessati. Tipicamente, segni e sintomi includono problemi respiratori, affaticamento, dolori muscolari e articolari, glomerulonefrite, porpora, mani e piedi che diventano bianchi nel freddo e ulcerazioni della pelle.

– Arterite a cellule giganti o arterite di Horton

Questa è l’infiammazione delle pareti delle arterie. Colpisce le arterie I sintomi più comuni sono: mal di testa, visione offuscata, dolore alle spalle, fianchi, mascella e febbre. I sintomi meno comuni includono: tosse, mal di gola, dolore alla lingua, perdita di peso e dolore alle braccia durante l’esercizio.

– Henoch-Schönlein porpora

Infiammazione dei minuscoli vasi sanguigni, chiamati capillari, nella pelle e frequentemente nei reni, con conseguente eruzioni cutanee, soprattutto sui glutei e dietro gli arti inferiori. È associato con l’artrite e talvolta il dolore cramping nella pancia. I sintomi più comuni sono: un’eruzione cutanea che sembra simile a piccoli lividi su glutei, gomiti e gambe; dolori articolari, specialmente alle ginocchia e alle caviglie, mal di stomaco, nausea, vomito, diarrea, sangue nelle feci se i vasi dell’intestino e dei reni sono infiammati.

– Malattia di Kawasaki

Questa è una sindrome rara di origine sconosciuta. Provoca l’infiammazione delle pareti delle arterie in tutto il corpo, comprese le arterie coronarie che forniscono sangue al muscolo cardiaco. La malattia di Kawasaki causa febbre alta, congiuntivite, labbra e mucose della bocca, gengivite gonfiore delle ghiandole del collo e un rossore rosso brillante sulle mani e sui piedi. Colpisce i bambini piccoli.

– Arterite di Takayasu

Questo è un raro tipo di vasculite in cui l’infiammazione danneggia l’aorta, che è la grande arteria che trasporta il sangue dal cuore al resto del corpo. Inoltre danneggia i rami principali dell’aorta. Pazienti con l’arterite di Takayasu avvertono dolore al braccio o al torace, ipertensione e possono infine manifestare ictus o insufficienza cardiaca.

– La granulomatosi di Wegener

Uno dei sintomi della granulomatosi di Wegener è il dolore oculare. La granulomatosi di Wegener provoca infiammazione e lesioni ai vasi sanguigni e colpisce diversi organi tra cui i polmoni, i reni e il tratto respiratorio superiore. Come disturbo potenzialmente letale, richiede una immunosoppressione a lungo termine. Alcune persone possono morire a causa della tossicità del trattamento.

– Glomerulonefrite rapidamente progressiva

Questa condizione è una sindrome del rene che progredisce rapidamente in insufficienza renale acuta (renale) se non trattata. Anche se il trattamento ha successo ci possono essere episodi ricorrenti. Alcune persone richiedono un trattamento a lungo termine. Le complicanze possono variare a seconda del tipo di vasculite. Le complicanze più comuni sono legate al povero ossigeno e al rifornimento di sangue nutrizionale agli organi che sviluppano danni ai tessuti.

Diagnosi

Il medico di base o lo specialista chiederanno a qualcuno dei loro sintomi, anamnesi medica ed effettueranno un esame fisico. Gli esami del sangue sono necessari per diagnosticare accuratamente la vasculite. Questi possono includere: proteina C-reattiva (PCR), velocità di eritrosedimentazione (VES), anticorpi citoplasmatici anti-neutrofili (ANCA) e conta piastrinica. I test delle urine possono determinare se esiste un problema ai reni, rivelare la quantità di proteine delle urine o se ci sono globuli rossi.

Diagnostica per immagini

Questi possono essere usati per dare un’occhiata alle arterie più grandi e ai loro rami. Possono essere usati radiografie, ecografie, scansioni TC, scansioni MRI ed angiogrammi. Un angiogramma è una radiografia dei vasi sanguigni. Un tubo lungo, sottile e flessibile, o catetere, viene inserito in una grande vena o arteria. Una tintura viene iniettata nei vasi sanguigni attraverso il catetere. La tintura compare nelle immagini a raggi X che consentono al medico di vedere i vasi sanguigni.

Trattamento

Il trattamento per la vasculite dipende da diversi fattori, tra cui il tipo di vasculite della persona, la gravità dei sintomi, la loro età e la loro salute generale. A volte, come nel caso della porpora di Henoch-Schonlein, la condizione si risolve senza cure mediche.

Steroidi

Questi sono usati per ridurre l’infiammazione, ma hanno anche lo scopo di ridurre la funzionalità immunitaria. Gli esempi includono prednisone o metilprednisolone (Medrol). Gli effetti collaterali possono essere gravi se presi a lungo termine. Possono includere aumento di peso, diabete e osteoporosi.

Farmaci immunosoppressori

Se una persona non risponde bene alla terapia steroidea, un medico può prescrivere farmaci citotossici che bloccano le cellule del sistema immunitario. Esempi includono methotrexate (Reumaflex), azatioprina (Imuran) e ciclofosfamide (Cytoxan). Tuttavia, questi sono essenzialmente molto più tossici degli steroidi stessi e rappresentano ormai una linea secondaria per il trattamento delle vasculiti, rispetto agli steroidi. Essi tendono ad essere rimpiazzati con immunosoppressori più recenti e meno tossici come il micofenolato (Cellcept) e la ciclosporina (Sandimmune).

Terapie biologiche

È stato riportato che gli agenti bloccanti il fattore di necrosi tumorale (TNF) come Infliximab, Etanercept e Adalimumab hanno successo in pazienti con malattia di Behcet. Altri agenti delle stessa famiglia (anticorpi monoclonali) Tocilizumab. Abatacept e Ustekinumab sono risultati promettenti per la terapia della arterite di Horton. Questi anticorpi vanno ad antagonizzare direttamente certe citochine infiammatorie (interleuchine) o certi loro recettori persenti sulle cellule immunitarie. Da questo punto di vista mostrano una selettività molto maggiore con inferiori effetti collaterali.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Ahmed AFoster CS. Ophthalmic Res. 2019; 61(1):44-50. 

Greco A, De Virgilio A et al. Autoimmun Rev. 2018 Apr 6.

González-Gay MA et al. Curr Rheumatol Rep. 2018; 20(5):24.

Guevara M, Kollipara CS. Curr Rheumatol Rep. 2018;20(5):25.

Hackl A, Becker JU et al. Pediatr Nephrol. 2018; 33(4):619-29.

McBrien CN, Menzies-Gow A. Drugs Today 2018; 54(2):93-101.

Latest

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Newsletter

Don't miss

Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Diabete tipo 1: biotecnologie e microchip diagnostici in arrivo

Il diabete di tipo 1 è una malattia autoimmune permanente che colpisce circa 542.000 bambini in tutto il mondo, con anche un numero crescente...

Caccia ai segreti della metformina: il fattore 15 come mediatore del “perdere peso”

Uno dei farmaci più utilizzati al mondo; la metformina è comunemente prescritta per trattare il diabete di tipo 2. Tuttavia, oltre ai suoi effetti...

Sclerosi multipla: un recettore per l’acetilcolina non è amico della mielina

La sclerosi multipla (SM) è una malattia che distrugge la guaina mielinica che circonda le fibre nervose nel sistema nervoso centrale, che è costituito...

Questo si chiuderà in 20 secondi