sabato, Luglio 13, 2024

SLEight of hand for autoimmune responses: a game of competence between interferon, cellular receptors and metabolites

Systemic lupus erythematosus (SLE) is the prototypical autoimmune disease...

Le tante facce dell’interferone: il responsabile del lupus, non importa se diretto o indotto dai virus

Il lupus eritematoso sistemico (LES) è il prototipo della...

L’ictus cerebrale ha un nuovo farmaco curativo: LK-2, nato da una collaborazione internazionale

L’ictus è una delle principali cause di morte e...

Fibromialgia: il microbiota intestinale è alterato, ma è causa o conseguenza?

La fibromialgia colpisce il 2-4% della popolazione e non ha una cura conosciuta. I sintomi includono affaticamento, disturbi del sonno e difficoltà cognitive, ma la malattia è più chiaramente caratterizzata da dolore cronico diffuso e non trattabile. Inoltre, la maggior parte dei pazienti ha una o più co-morbidità o disturbi associati: tra cui dolore lombare, regioni specifiche di dolorabilità localizzata, sonno non ristoratore e disturbi del sonno, sindrome dell’intestino irritabile (IBS), sindrome delle gambe senza riposo, mal di testa, emicrania, dolore viscerale, ansia e palpitazioni. Il denominatore comune tra tutti i sintomi sembra essere il neurotrasmettitore serotonina (5-HT). La fibromialgia è una malattia che si è rivelata difficile da diagnosticare. I pazienti possono attendere fino a 4 o 5 anni per ottenere una diagnosi definitiva. Le persone con fibromialgia soffrono non solo dei sintomi della loro malattia ma anche della difficoltà della famiglia, degli amici e delle squadre mediche di comprendere i loro sintomi. Ma tutto questo potrebbe essere sul punto di cambiare.

In un articolo pubblicato questa settimana sulla rivista Pain, un gruppo di ricerca di Montreal ha dimostrato, per la prima volta, che ci sono alterazioni nei batteri nei tratti gastrointestinali delle persone con fibromialgia. Circa 20 diverse specie di batteri sono state trovate in quantità maggiori o minori nei microbiomi dei partecipanti affetti dalla malattia, rispetto al gruppo di controllo sano. La ricerca si è basata su una coorte di 156 individui nell’area di Montreal, 77 dei quali hanno una fibromialgia clinicamente riconosciuta. I partecipanti allo studio sono stati intervistati e hanno fornito campioni di feci, sangue, saliva e urine, che sono stati poi confrontati con quelli di soggetti sani di controllo. Alcune di queste persone sane vivevano nella stessa casa dei pazienti con fibromialgia o erano i loro genitori, prole o fratelli. A questo punto, non è chiaro se i cambiamenti nei batteri intestinali osservati nei pazienti con fibromialgia siano semplicemente dei marcatori della malattia o se abbiano un ruolo nel causarli.

Poiché la malattia coinvolge un gruppo di sintomi, e non semplicemente dolore, il prossimo passo nella ricerca sarà quello di indagar ese ci sono cambiamenti simili nel microbiota intestinale in altre condizioni che comportano dolore cronico, come dolore lombare, mal di testa e dolore neuropatico. I ricercatori sono anche interessati ad esplorare se i batteri svolgono un ruolo causale nello sviluppo del dolore e della fibromialgia. E se la oro presenza potrebbe, alla fine, aiutare a trovare una cura, così come accelerare il processo di diagnosi. Gli scienziati hanno suddiviso grandi quantità di dati, identificando 19 specie che erano aumentate o diminuite in soggetti con fibromialgia. Utilizzando il machine learning, il loro computer è stato in grado di fare una diagnosi di fibromialgia, basata solo sulla composizione del microbioma, con una precisione dell’87%. Man mano che si basano su questa prima scoperta con più ricerche, sperano di migliorare questa precisione, potenzialmente creando un cambiamento radicale nella diagnosi.

Il Dr. Amir Minerbi, del McGill University Health Center (MUHC), ha dichiarato: “Abbiamo utilizzato una serie di tecniche, tra cui l’Intelligenza Artificiale, per confermare che i cambiamenti che abbiamo visto nei microbiomi della fibromialgia i pazienti non sono stati causati da fattori come dieta, farmaci, attività fisica, età e così via, che sono noti per influenzare il microbioma. Allora abbiamo trovato che la fibromialgia e i sintomi della fibromialgia – dolore, stanchezza e difficoltà cognitive – contribuiscono più degli altri fattori alle variazioni che vediamo nei microbiomi di coloro che sono affetti dalla malattia. Vediamo anche che la gravità dei sintomi di un paziente è direttamente correlata con una maggiore presenza o un’assenza più pronunciata di alcuni batteri, qualcosa che non è mai stato segnalato prima, In quanto medici del dolore, siamo frustrati dalla nostra incapacità di aiutare e questa frustrazione è un buon incentivo per la ricerca”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista n Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Minerbi A et al. Pain. 2019 Nov; 160(11):2589-2602.

Malatji BG et al. Metabolomics 2019 Mar; 15(4):54.

Martins A, Castro L. Acta Med Port. 2018; 31(9):516.

Roman P et al. Benef Microbes. 2018; 9(4):603-611.

Latest

Newsletter

Don't miss

SLEight of hand for autoimmune responses: a game of competence between interferon, cellular receptors and metabolites

Systemic lupus erythematosus (SLE) is the prototypical autoimmune disease...

Le tante facce dell’interferone: il responsabile del lupus, non importa se diretto o indotto dai virus

Il lupus eritematoso sistemico (LES) è il prototipo della...

Co-STAR lymhocytes: the newly engineered weapon to find mutation-dependent cancer cells

T cell-based therapies are among the most promising approaches...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Body building: se fai resistenza o mantenimento il segnale cambia

L'attività fisica in generale è eccellente per la salute e le attività di potenziamento muscolare, in particolare, hanno benefici per la salute specifici. Questi...

Intensità di luce: se è poca, apprendimento e memoria scarseggiano

Secondo Joel Soler, un dottorando in psicologia alla Michigan State University, le esposizioni sostenute alla luce fioca hanno portato ad un significativo abbassamento del...

L’artrosi si previene a tavola: obesità a parte, stile di vita e nutrizione fanno “la parte del leone”

L’osteoartrosi (OAR), una malattia articolare di tipo degenerativo, è aumentata in modo significativo a livello globale dal 1990. Con l’aumento dell’età individuale e della...

Questo si chiuderà in 20 secondi