lunedì, Giugno 24, 2024

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Fratture di anca: altri dati sul rischio “disabilità cognitiva postuma” degli anziani

Gli anziani sono più vulnerabili alle fratture a causa della perdita di massa ossea. Le fratture dell’anca possono essere tremendamente gravi, portandospesso a malattie croniche e persino alla morte. Il Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) riferisce che una delle lesioni più gravi èla frattura dell’anca, dal momento che è difficile riprendersi dall’infortunio e chi lo ha fatto dipende dagli altri e non è in grado di vivere da solo. Solo negliStati Uniti, oltre 300.000 anziani sono ammessi negli ospedali a causa di fratture dell’anca ogni anno. Inoltre, più del 95% delle fratture dell’anca sonocausate da cadute. Le donne sono a più alto rischio di avere fratture dell’anca e hanno anche esperienza dell’osteoporosi, predisponendole a frattureossee.

Ora, gli esperti della American Geriatrics Society spiegano il vero bilancio delle fratture dell’anca e di come gli adulti più anziani finiscono dopol’infortunio. Questa nuova ricerca afferma che tra il 18 e il 33% degli anziani che hanno subito una frattura dell’anca muore entro un anno, conun’incidenza ancora più elevata di decessi tra le persone affette da demenza e coloro che sono ammessi nelle case di cura. Inoltre, circa la metà deglianziani lotta dopo una frattura dell’anca, limitando i loro movimenti e la capacità di svolgere attività di vita quotidiana (ADL), che includono la capacità dinutrirsi, fare il bagno e vestirsi da soli. Di conseguenza, sono per lo più costretti a letto, senza poter muoversi per mesi o addirittura anni dopo l’infortunio.

A causa del loro declino fisico, circa il 20% degli adulti più anziani è ricoverato in case di cura e strutture per anziani e sperimenta una diminuzione dellaqualità della vita, a seguito di un’anca rotta. I pazienti che sono disabili e immobilizzati subiscono un declino maggiore dopo la lesione, influenzandonon solo il paziente stesso, ma anche i caregivers. I caregivers sperimentano tensione e oneri finanziari, specialmente quando il paziente ha bisogno dipiù cure. Nonostante le statistiche preoccupanti, esistono solo poche ricerche sul numero di ore di assistenza di cui le persone hanno bisogno dopo unafrattura dell’anca. Per esplorare il divario e il problema, i ricercatori hanno voluto capire meglio come gli adulti più anziani affrontano la frattura dell’anca.

Lo studio è stato pubblicato sul Journal of American Geriatrics Society e mostra il quadro più ampio della situazione degli anziani che hanno sofferto difratture dell’anca. Per comprendere meglio la loro situazione, i ricercatori hanno utilizzato informazioni dal National Surgical Quality ImprovementProgram (NSQIP), che è un programma che aiuta a misurare e migliorare la qualità delle cure chirurgiche. Con l’uso del NSQIP presso il New YorkHealth System di Yale, i ricercatori hanno raccolto dati da pazienti che hanno più di 65 anni e sottoposti a interventi chirurgici di frattura dell’anca nel 2015. Hanno scelto pazienti con nuove lotte che eseguivano le ADL o con problemi di sviluppo muoversi intorno alle loro case. I ricercatori hanno anche analizzato quante ore di assistenza giornaliera il paziente ha ricevuto dai loro caregivers.

In totale, ci sono stati 368partecipanti sottoposti a procedure chirurgiche per riparare le fratture dell’anca presso il Yale New Haven Hospital. Questi includono 184 partecipantiche non sono stati ammessi alle case di cura e coloro che sono in grado di eseguire completamente le loro ADL prima dell’infortunio. Hanno seguito ilpercorso e la vita dei partecipanti dopo la frattura. In tre mesi dopo la frattura dell’anca, erano morti in totale 21 pazienti. Dopo sei mesi, altri cinquepazienti avevano ceduto alle loro ferite. In tutti i partecipanti, il 18% ha avuto depressione, l’11% ha avuto demenza, il 21% ha avuto insufficienzacardiaca congestizia e il 19% ha avuto malattia renale cronica.

I ricercatori affermano che lo studio dimostra che avere altri disturbi come il delirioospedaliero, la demenza e l’uso di farmaci può essere un importante fattore predittivo di esiti negativi negli anziani che hanno subito una fratturadell’anca, anche in quelli che erano completamente indipendenti prima della lesione. Inoltre, i pazienti che hanno avuto problemi con le loro ADL tremesi dopo l’intervento, non sono migliorati neanche dopo sei mesi. Ma non è sempre così. Alcuni pazienti che non erano in grado di deambulare omuoversi a tre mesi, erano in grado di farlo a sei mesi dalla lesione, il che significa che alcuni adulti più anziani possono migliorare e riprendersi.

Complessivamente, questo studio si aggiunge all’attuale corpo della letteratura nei pazienti con fratture dell’anca in molti modi. Ha dimostratol’importanza della demenza e del delirio ospedaliero nel predire la disabilità nuova o peggiorata, in pazienti che erano precedentemente funzionalmente indipendenti.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Knauf T, Buecking B et al. Geriatr Gerontol Int. 2019 Jul 1.
Sullivan NM et al. Geriatr Orthop Surg Rehabil. 2019 May 30.
Harris MJ et al. J Clin Anesthesiol. 2019 May 14; 58:61-71.
Nakamichi M et al. J Nutr Health Aging. 2019; 23(4):381-385.

Latest

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Newsletter

Don't miss

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Giornata mondiale della salute 2019

World Health Day - 7 April 2019 La salute è un diritto umano ed è tempo che sia un diritto per tutti. Per quasi tutti...

Uridina: la “segretaria” dedicata di fegato e tessuto adiposo

I metaboliti sono sostanze prodotte da un processo metabolico, come il glucosio generato nel metabolismo di zuccheri complessi e amidi, o gli amminoacidi utilizzati...

Tumore al seno: gli inquinanti chimici ambientali confermati nella lista

L'esposizione a sostanze chimiche ambientali, soprattutto all'inizio della vita, è un importante fattore che contribuisce allo sviluppo del cancro al seno, secondo la più...

Questo si chiuderà in 20 secondi