HomeALIMENTAZIONE & SALUTEIl fico d'India: tutto sulle proprietà nutritive e particolari del frutto simbolo...

Il fico d’India: tutto sulle proprietà nutritive e particolari del frutto simbolo dell’estate mediterranea

Di questi frutti succosi, dolci e profumati, si sa praticamente tutto specie nella cultura popolare dell’area mediterranea e dell’America Latina, aree di origine di questa pianta rinomata quanto salutare. Tutti sanno che il fico d’India è anche un rinfrescante e diuretico: il contenuto media di acqua nella polpa è dell’83% ed è ricco anche di sali minerali, soprattutto potassio (290-400 mg/100 gr di polpa), che ne giustifica il potere diuretico. Seguono calcio e fosforo (circa 30 mg/100 mg di polpa) e magnesio (90 mg/100gr) mentre è povero di sodio, cloro, ferro, zinco, rame ed altri oligoelementi. Il fico d’India è anche un frutto prevalentemente energetico: contiene 13 grammi di zuccheri semplici per 100gr di peso, non contiene grassi saturi ed insaturi, è praticamente privo di colesterolo ed è molto povero in proteine (0,8-1 gr/100gr). Oltre che alle proprietà diuretiche, il frutto è popolarmente associato a capacità lassative: questo è dovuto alla buona presenza di fibre viscose (5g/100 gr) e parzialmente indigeribili.

Queste fibre assomigliano a quelle presenti nella pala della pianta. Per maggiori informazioni in merito si consulti l’articolo consigliato. Quello che è invece noto da poco tempo è il contenuto di antiossidanti che questa pianta mette a disposizione, sia nei frutti che nelle foglie. Il colore che hanno i frutti, che varia dal giallo all’arancio al rosso al violetto, è dovuto a pigmenti chiamati betalaine sono degli antiossidanti molto efficaci, come provato in colture cellulari ed animali da esperimento. A dosaggi elevati, le betalaine sono anche efficaci nel contrastare la crescita di alcune linee di cellule tumorali, come visto da pubblicazioni esclusive (vedere bibliografia). La quantità di vitamina C non è altissima; è simile a quella contenuta nei limoni o nei mandarini, oscillando intorno ai 18-20 mg/100gr di polpa fresca. Al pari di avocado, cocomero ed arance, il frutto pronto da mangiare inoltre fornisce una discreta quantità di glutatione (8mg/100gr di polpa), il principale antiossidante delle cellule viventi.

Non ultimo, il fico d’India ha anche un buon contenuto di taurina (15mg/100gr), un aminoacido non-proteico con azione stabilizzante e protettiva sulle cellule renali, cardiache, muscolari e nervose. La taurina ha anche attività antiossidante sia diretta che indiretta. Sfortunatamente, il frutto è molto povero di vitamine del complesso B e di vitamina E, ma ha un contenuto discreto di pro-vitamina A (10 microgr/ 100gr), luteina, indicaxantina e criptoxantina. Questi fattori hanno una naturale presenza nella retina, garantendo la stabilizzazione delle membrane biologiche e proteggendo le cellule dallo stress ossidativo. Non sono moltissimi i frutti in natura che possiedono una tale complessità di princìpi attivi particolari. In compenso, la ricchezza di altri composti descritti sopra ne fa un frutto con dichiarate proprietà antiossidanti. Nel campo delle scienze e tecnologie agro-alimentari, il frutto nell’ultimo decennio ha riguadagnato una credibilità che stagnava dagli anni ’70, persino in campo industriale.

In cucina il frutto viene utilizzato nella preparazione di marmellate, succhi biologici, bucce candite e sciroppi, mentre in campo dell’industria alimentare sono comparsi in commercio succhi biologici e gelati a base di ficodindia. La cosmetica ne ha riconosciuto le proprietà e secondo ricerche in campo cosmetico, i fichi d’India favorirebbero la crescita dei capelli, agendo direttamente sul bulbo pilifero. L’olio di fico d’India e le sue proprietà emollienti lo rendono adatto al trattamento delle smagliature, soprattutto in gravidanza. Come tutti i frutti, anche il ficodindia ha purtroppo il periodo di massimo sfruttamento alimentare, che è Agosto. Considerato che la pianta nell’area mediterranea è selvatica e rinvenibile molto facilmente, questo permette di raccogliere i frutti in modalità fai-da-te (per chi ha voglia) e approfittare delle sue proprietà salutistiche.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Consigliati in questo sito

Fico d’India: dalla pala al frutto, solo benefici per la salute (01/05/2020)

Antiossidanti endogeni: come ci difendiamo da dentro? (18/07/2020)

Glutatione: il difensore naturale regolato dallo stile dietetico (16/02/2021)

Pubblicazioni scientifiche

Abbas EY et al. J Food Biochem 2022 Jul 2; e14310.

Fernández-Luqueño F et al. Molecules 2021; 26(21):6429.

Allegra M et al. Eur J Med Chem. 2019; 179:753-764.

Adam IK et al. J Pure Appl Sci 2017; 3(1):134-141.

Nakahara T et al. J Med Food. 2015; 18(10):1143.

Keller J et al. J Physiol Biochem. 2015; 71(3):57.

The following two tabs change content below.

Dott. Gianfrancesco Cormaci

Medico Chirurgo, Specialista; PhD. a CoFood s.r.l.
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento enzimaticamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (Leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di articoli su informazione medica e salute sul sito www.medicomunicare.it (Medical/health information on website) - Autore di corsi ECM FAD pubblicizzati sul sito www.salutesicilia.it
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI