HomeALIMENTAZIONE & SALUTEGestire la cefalea a tavola: è vero che c'è pure una dieta...

Gestire la cefalea a tavola: è vero che c’è pure una dieta anti-emicrania?

L’influenza del digiuno sull’emicrania

Ricerche precedenti hanno rilevato che fino al 76% delle persone con emicrania segnala determinati fattori scatenanti per attacchi di emicrania. Tuttavia, solo alcuni di questi trigger sono considerati trigger “probabili”, mentre altri non sono stati ancora provati. Saltare i pasti può scatenare un’emicrania fino al 57% delle persone che soffrono di questa condizione. Questo perché saltare i pasti e digiunare intenzionalmente provoca fluttuazioni dei livelli di zucchero nel sangue, che possono scatenare l’emicrania in alcune persone. La ricerca mostra che il digiuno per lunghi periodi di tempo come parte di pratiche religiose come Yom Kippur e Ramadan può scatenare l’emicrania o peggiorare gli attacchi di emicrania.

I dolcificanti come scatenanti

L’aspartame è un dolcificante artificiale considerato un “possibile” fattore scatenante dell’emicrania. È stato segnalato che grandi dosi di aspartame tra 900 e 3.000 mg per chilogrammo di peso corporeo al giorno scatenano o peggiorano il mal di testa nelle persone che soffrono di emicrania. Ciò può essere dovuto al fatto che il consumo di aspartame eleva i livelli di alcuni aminoacidi nel cervello, che possono inibire la sintesi e il rilascio di neurotrasmettitori e altri regolatori dell’attività neurofisiologica. L’aspartame può anche agire come un fattore di stress chimico, portando alla produzione eccessiva di radicali liberi e livelli elevati di cortisolo. Gli alimenti che contengono aspartame includono caramelle, dessert e bevande senza zucchero.

Vino ed altre bevande come fattori di rischio

Uno studio del 2019 che ha incluso 2.197 persone con emicrania ha scoperto che il vino rosso era l’innesco dell’emicrania più comune tra tutte le bevande alcoliche. Ciò può essere dovuto al fatto che il vino rosso contiene composti tra cui composti fenolici flavonoidi, che possono scatenare l’emicrania. Alcuni altri fattori scatenanti segnalati includono: caffè e altre bevande contenenti caffeina, cioccolato così com’è o nelle bevande. Tuttavia, questo non significa che questi alimenti causino emicrania in tutte le persone colpite dalla condizione. Ad esempio, una revisione del 2020 di 21 studi ha rilevato che la caffeina e l’astinenza da caffeina hanno innescato l’emicrania solo in una piccola percentuale dei partecipanti, che vanno dal 2% al 30%. Inoltre, la caffeina può anche essere utile nel trattamento dell’emicrania acuta se usata in combinazione con altri antidolorifici. Tutti coloro che sperimentano l’emicrania sono diversi e ciò che può scatenare un’emicrania in una persona potrebbe non avere lo stesso effetto in un’altra.

Il punto di vista del neurologo

Secondo la ricerca, ogni persona con emicrania non ha solo un trigger che scatena un attacco, ma la tempesta perfetta di diversi trigger. Una combinazione di fattori scatenanti personali, come mancanza di sonno, stress e assunzione di alcol, può portare a un attacco di emicrania. Questa combinazione può sembrare diversa per ogni persona e anche per ogni singolo attacco. I fattori dietetici probabilmente giocano un ruolo nelle diverse reazioni del cervello che possono produrre l’emicrania. I fattori dietetici influenzano il modo in cui il nostro cervello utilizza il glucosio, possono produrre infiammazione e possono modificare il rilascio di sostanze chimiche come la serotonina. In definitiva, l’emicrania è una malattia che deriva da fattori genetici e ambientali e oscillerà naturalmente nel corso della vita. In genere una combinazione di diversi fattori scatenanti può creare la fase per il verificarsi di un attacco di emicrania.

Il punto di vista del dietologo

La ricerca mostra che seguire determinati modelli dietetici può essere utile per le persone che soffrono di emicrania. Ad esempio, una revisione del 2020 ha rilevato che le diete a basso contenuto glicemico, le diete povere di grassi, la dieta chetogenica e alcune diete di eliminazione possono aiutare a ridurre l’insorgenza e la gravità dell’emicrania in quelli con emicrania. Le diete prive di glutine sono adatte a chi soffre di celiachia o intolleranza al glutine non celiaca. Tuttavia, sebbene alcune diete possano essere utili, alcuni modelli dietetici potrebbero non essere appropriati per tutti. Ogni persona che soffre di emicrania è diversa e può avere fattori scatenanti, esigenze dietetiche e problemi di salute sottostanti diversi.

Piuttosto che provare una dieta restrittiva o eliminare gli alimenti da soli, si può provare a lavorare con un operatore sanitario qualificato come un dietista, per sviluppare un piano di dieta e stile di vita specifico per i tuoi bisogni e sintomi di salute. Oltre ai cambiamenti nella dieta, le persone che soffrono di emicrania possono prendere in considerazione l’assunzione di determinati integratori alimentari. Ad esempio, gli studi dimostrano che le persone con emicrania hanno maggiori probabilità di avere bassi livelli di vitamina B12, vitamina D e magnesio e che l’integrazione con questi e altri nutrienti come il CoQ10 può aiutare a ridurre l’insorgenza e la gravità dell’emicrania.

E’ vero che c’è una dieta anti-emicrania?

Poco tempo fa è stato riportato il caso di un signore di 60 anni che ha iniziato a soffrire di emicrania dall’età di 48 anni. Quindi, nell’ambito di uno studio sui legami tra dieta ed emicrania, è passato a una dieta a base vegetale chiamata dieta quotidiana a basso contenuto infiammatorio (LIFE). Come parte della nuova dieta, l’uomo ha consumato un frullato LIFE da 32 once ogni giorno, che contiene ingredienti come cavoli o spinaci, mirtilli e semi di lino. Ha anche consumato 100 grammi di verdure a foglia verde scuro e ha limitato la quantità di cereali integrali, verdure amidacee, oli, latticini e carne rossa che consumava ogni giorno. La dieta è stata oggetto di ricerche precedenti, come uno studio del 2019 e uno del 2020. Dopo 3 mesi di notevole sollievo dall’emicrania, l’uomo ha deciso di reinserire alcuni cibi e bevande nella sua dieta per un periodo di prova di 3 mesi.

Ha scoperto che thè freddo, salmone e albume d’uovo, elementi base della sua dieta precedente, provocavano mal di testa moderati e di breve durata che l’aspirina poteva alleviare. I ricercatori ritengono che il cambiamento possa derivare dai carotenoidi o dal beta carotene, che sono abbondanti nelle verdure a foglia verde scuro. Credono anche che la dieta possa aver aiutato l’uomo a identificare i fattori scatenanti. I carotenoidi e il beta carotene sono composti che possono ridurre l’infiammazione sistemica e lo stress ossidativo, che sono implicati nell’emicrania. Sebbene l’uomo avesse principalmente una dieta a base vegetale ricca di beta-caroteni prima di adottare la dieta LIFE – mangiando patate dolci ogni giorno – ha comunque sofferto di una grave emicrania.

Le indagini del 2019 e del 2020 sulla dieta LIFE, che includevano gli stessi autori, tra gli altri, hanno riscontrato livelli di proteina C-reattiva (PCR) significativamente ridotti nelle persone che hanno provato la dieta LIFE. Maggiore è il livello di PCR, maggiore è l’infiammazione nel corpo e maggiore è il rischio di malattie correlate, che possono essere ad esempio reumatologiche o cardiache. Gli autori del rapporto hanno scoperto che i livelli di PCR dell’uomo sono rimasti sostanzialmente stabili, il che ritengono riflettano il fatto che aveva già seguito una dieta sana, principalmente a base vegetale. Il team si è invece concentrato sull’aumento dei suoi livelli di nutrienti vegetali o fitonutrienti, il che è più probabile che dare merito al solo beta-carotene o ad altri carotenoidi.

Sono necessarie notevoli quantità centinaia di milligrammi di carotenoidi per ottenere questi effetti benefici ed antiossidanti per contrastare lo stress ossidativo nell’emicrania. È molto più probabile, invece, che altri fitocomposti come acidi fenolici e polifenoli più abbondanti (con azione antiossidante ed antinfiammatoria) siano stati responsabili del sollievo che l’uomo ha avuto dai suoi attacchi emicranici ricorrenti. Ma anche con ciò, gli scienziati non sono pienamente convinti del solo ruolo dello stress ossidativo. Essi invocano l’intervento del microbiota intestinale, che è riconosciuto partecipe nel processo patogenetico dell’emicrania, come confermato e recensito molto recentemente dalla letteratura scientifica. Infatti, a secondo della preponderante composizione del microbiota, la flora batterica può essere fermentativa o putrefattiva.

La prima produce acidi organici e prospera con una dieta ricca di alimenti naturali e povera di origine animale; la seconda prevale con dieta proteica e povera di fibre e permette la produzione intestinale di amine biogene come tiramina, istamina e triptamina che sono tutte quelle che scatenano gli attacchi quando consumate negli alimenti “trigger”. Quindi una dieta anti-emicrania non esiste: esiste un corretto stile di vita che, se adottato da chi è sofferente del problema, può permettergli di avere una buona qualità di vita evitando con raziocinio quello che può farlo stare male a tavola e fuori dalla tavola.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD; specialista in Biochimica Clinica.

Consigliati in questo sito

Dolori e fastidi inspiegati: una indagine veloce sulle errate abitudini alimentari che li causano (23/03/2022)

Problemi digestivi: a tavola con insalate e tisane per chi non vuole assumere farmaci (30/03/2021)

Emicrania: il colpevole sottostante è lo stress ossidativo (30/04/2020)

Magnesio: può essere utile al naturale per l’emicrania? (31/07/2018)

Pubblicazioni scientifiche

Tegegne BA, Kebede B. Heliyon 2022; 8(6):e09725.

Crawford J et al. Neurobiol Pain. 2022; 11:100090.

Arzani M et al. J Headache Pain. 2020 Feb; 21(1):15.

Togha M et al. BMC Neurology 2019; 19(19:323.

Tripathi GM et al. Int J Neurosci 2018; 128(4):318.

Borkum JM. Headache. 2018 Jan; 58(1):118-135.

The following two tabs change content below.

Dott. Gianfrancesco Cormaci

Medico Chirurgo, Specialista; PhD. a CoFood s.r.l.
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento enzimaticamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (Leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di articoli su informazione medica e salute sul sito www.medicomunicare.it (Medical/health information on website) - Autore di corsi ECM FAD pubblicizzati sul sito www.salutesicilia.it
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI