venerdì, Maggio 31, 2024

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Tamoxifen contro il cancro triplo-negativo: ritorno di fiamma per un vecchio amore-odio?

Mentre il carcinoma mammario triplo negativo (TNBC) non esprime i recettori primari degli estrogeni alfa (ERα), l’espressione del recettore degli estrogeni beta (ERβ) nel 25-30% dei TNBC offre un’opportunità promettente per una terapia antitumorale mirata. L’espressione di ERβ è stata identificata come un predittore indipendente di recidiva, metastasi e mortalità ed è generalmente considerata una caratteristica clinica favorevole nel carcinoma mammario. L’espressione di ERβ1, in particolare, è associata a una prognosi favorevole nel TNBC, con recidive ridotte e migliori esiti di sopravvivenza. È importante sottolineare che il tamoxifene, farmaco approvato dalla FDA per il carcinoma mammario ERα-positivo, è anche un ligando per ERβ. È stato suggerito che ERβ sia di natura antiproliferativa, principalmente sulla base della sovraespressione esogena del cDNA di ERβ nelle linee cellulari tumorali.

Tuttavia, le osservazioni in altri studi preclinici indicano che ERβ è invece associato alla proliferazione nelle cellule epiteliali mammarie,10 nelle cellule del cancro al seno, e nel TNBC. Una caratteristica importante del TNBC è l’elevata prevalenza (~80%) di mutazioni del gene oncosoppressore p53. Studi preclinici su cellule di carcinoma mammario hanno dimostrato che ERβ è in grado di opporsi a determinate funzioni pro-tumorigeniche della p53 mutante. ERβ lega direttamente e antagonizza p53 e, cosa importante, è stato dimostrato che lo stato di p53 originario rispetto a mutante è un determinante della dualità funzionale pro- contro anti-tumorigenica di ERβ. Sono state condotte recenti indagini molecolari su come il tamoxifen potrebbe aiutare le pazienti col tumore triplo-negativo.  È stato scoperto che il mutante p53 si lega e inattiva il soppressore tumorale p73 quando non è limitato.

È stato dimostrato che ERβ si lega e sequestra il mutante p53, con conseguente riattivazione di p73. La p73 riattivata è libera di promuovere l’espressione di geni antitumorigeni, inclusi p21) e PUMA, con conseguente arresto del ciclo cellulare e morte cellulare. In particolare, è stato dimostrato che il tamoxifene ha aumentato l’interazione di p53 mutante con ERβ, possibilmente perché il recettore legato al farmaco ha affinità maggiore per questa proteina anti-oncogena proprio quando è mutata. Nel caso delle metastasi cerebrali, è stato dimostrato che gli estrogeni riducono la risposta immunitaria adattativa e la capacità fagocitica della microglia, attraverso la polarizzazione al fenotipo M2, promuovendo la crescita metastatica anche nella malattia ER-negativa. Recenti modelli murini hanno dimostrato che il tamoxifene inibisce la polarizzazione M2 e la progressione del tumore cerebrale.

Il che suggerisce che può essere un trattamento efficace per il TNBC con metastasi cerebrali. Le uniche opzioni di trattate le metastasi cerebrali in caso di carcinoma mammario triplo negativo sono i biologici con carico citotossico, ovvero sacituzumab-govitecan e trastuzumab-deruxtecan. Sebbene molto efficaci, sono molto costosi e non è possibile applicare la loro somministrazione a tutte le pazienti in tutti i contesti. Invece, il tamoxifene molto economico e se ulteriori prove confermeranno che risulta efficace nela limitare la crescita delle cellule TNBC, l’arsenale chemioterapico potrà tenere conto di questa molecola che, a torto, è stata esclusa dal trattamento del cancro triplo-negativo perché ritenuta inefficace data l’assenza di recettori ormonali.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Consigliati in questo sito

Trastuzumab-deruxtecan: la nuova “testata” intelligente contro le metastasi tumorali al cervello (10/08/2022)

Tumore al seno resistente: in progettazione il primo farmaco non-tossico (06/08/2018)

Cancro al seno resistente: dall’osteoporosi ecco l’antidoto (11/05/2018)

Omega-3: speranze per il tumore al seno triplo-negativo (25/02/2018)

La terapia ai tumori prende di mira i geni: il caso del famoso p53 (02/01/2018)

Verzenio: l’FDA approva l’antitumorale per i casi di tumore mammario resistenti (19708/2017)

Pubblicazioni scientifiche

Scarpetti L, Oturkar CC et al. Oncologist 2023; 28:358-63.

Lu C et al. Breast Cancer Res Treatm 2023; 197(1):71-82.

Kadamkulam Syriac A et al. Breast Cancer 2022; 14:1-13.

Bado I, Nikolos F et al. Oncotarget 2016; 7(12):13599-611.

Latest

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Newsletter

Don't miss

Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Micotossine: le muffe di casa rappresentano un pericolo invisibile ma reale

Secondo un nuovo studio, ci sono diverse tossine da muffe che potrebbero essere rilasciati nell'aria all'interno e la fonte potrebbe essere funghi che vivono...

Cambiare la visione della biologia corrente: la strategia vincente per capire davvero la sclerosi multipla

Nel 2022, circa 2,9 milioni di persone in tutto il mondo sono state stimate avere la sclerosi multipla (SM). Attualmente non esiste una cura...

L’uso di antidepressivi nelle separazioni sentimentali: un breve excursus su ragioni e convenzioni

A differenza delle generazioni precedenti, oggi gli anziani hanno maggiori probabilità di divorziare, risposarsi o trovare nuovi partner. Tuttavia, tali relazioni in genere non...

Questo si chiuderà in 20 secondi