martedì, Maggio 28, 2024

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

In analogia all’emofilia: anche per le porpore immuni e -non, entra l’uso dell’enzima mancante ricombinante

Un team guidato da ricercatori del Massachusetts General Hospital,...

Qual’è il rischio oncologico per le donne affette da ovaio policistico?

La sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) è una delle anomalie comuni in età riproduttiva. Donne e può associarsi a diverse condizioni, come intolleranza al glucosio, diabete, ipertensione, obesità centrale e malattie cardiovascolari. L’elevata prevalenza di iperplasia e carcinoma endometriale dovuta ad anovulazione cronica, associata a un’esposizione prolungata a estrogeni incontrastati è stata a lungo riconosciuta. Inoltre, le complicanze della PCOS, come l’obesità, la nulliparità, il diabete e l’ipertensione, sono fattori di rischio per il carcinoma dell’endometrio. Diverse ipotesi sono state proposte per l’aumento del rischio di cancro ovarico nelle donne con PCOS, come l’anovulazione, l’aumento dell’esposizione agli androgeni e la mancanza di progesterone. È possibile che l’aumento prolungato dei livelli sierici di estrogeni possa portare alla crescita di tumori sensibili agli ormoni, come il cancro al seno; pertanto, l’anovulazione può essere considerata un fattore di rischio critico nelle donne con PCOS.

Diversi studi hanno studiato il rischio di cancro al seno nelle donne con PCOS. Sebbene alcuni studi abbiano valutato il rischio di tumori dell’endometrio, delle ovaie e della mammella nelle donne con PCOS, i loro risultati sono spesso contrastanti e il rischio di questi tumori nelle donne con PCOS è ancora dibattuto. È noto che nelle donne con PCOS che hanno cicli mestruali anovulatori, il progesterone, un ormone chiave nell’endometrio contro la crescita guidata dagli estrogeni, non svolge un ruolo regolatore. Ciò può provocare lo sviluppo di iperplasia endometriale e adenocarcinoma, principalmente a causa della costante attività estrogenica incontrastata nell’endometrio. In altre parole, uno squilibrio estrogeno/progesterone può portare a iperplasia endometriale aumentando il rischio di cancro endometriale a lungo termine. Inoltre, l’endometrio delle donne con PCOS indotto all’ovulazione ha mostrato la sottoregolazione dei geni regolati dal progesterone nella fase secretoria, portando alla resistenza al progesterone.

L’ipersecrezione dell’ormone luteinizzante è un’altra caratteristica della PCOS. Questa scoperta è importante poiché l’espressione dei recettori dell’ormone luteinizzante aumenta nelle donne con cicli anovulatori e iperplasia endometriale e può essere associata alla carcinogenesi endometriale. L’insulino-resistenza è un’altra caratteristica comune in molte donne con PCOS, che porta a iperinsulinemia compensatoria e a un aumento di 4 volte della prevalenza del diabete di tipo II. L’iperinsulinemia, causata dall’insulino-resistenza, promuove la proliferazione delle cellule endometriali e aumenta il rischio di cancro dell’endometrio. Inoltre, le prove suggeriscono che il rischio di cancro dell’endometrio è più alto nelle donne con diabete rispetto a quelle senza diabete. Un’ultima meta-analisi è stata pubblicata nel 2022 per valutare l’associazione di PCOS con tumori endometriali, ovarici e mammari. I risultati hanno rivelato che la PCOS era associata a un aumentato rischio di tumori dell’endometrio e delle ovaie, ma non di cancro al seno.

Il rischio di cancro dell’endometrio era 2,2 volte superiore nelle donne con PCOS rispetto ai controlli. In accordo con i nostri risultati, una meta-analisi di 4 studi ha suggerito che le donne con PCOS avevano una probabilità 3 volte maggiore di sviluppare il cancro dell’endometrio, rispetto a quelle senza PCOS. Allo stesso modo, una precedente meta-analisi di 11 studi ha dimostrato che il rischio di cancro dell’endometrio era quasi 3 volte superiore nelle donne con PCOS rispetto alle loro controparti. Sebbene il rischio di cancro ovarico nelle donne con PCOS dovrebbe essere basso a causa dell’anovulazione, può aumentare nelle donne con PCOS indotte all’ovulazione. Si ipotizza che i meccanismi ormonali siano coinvolti nell’eziologia del cancro ovarico. È stato ipotizzato che l’aumento dell’esposizione agli androgeni nelle donne con PCOS sia associato ad un aumentato rischio di cancro ovarico, probabilmente a causa della presenza di recettori degli androgeni su cellule ovariche sane, nonché nei tumori benigni e borderline.

Anche l’iperinsulinemia e il conseguente aumento del fattore di crescita insulino-simile-1 (IGF-1), che svolge un ruolo importante nella tumorigenesi, sono stati suggeriti come meccanismo principale. Oltre ai lavori citati, anche altre metanalisi hanno visto che il rischio di sviluppare tumori ovarici o uterini si attesta intorno alle 2-3 volte, rispetto alle donne senz PCOS. Questo indica che il rischio può divenire reale. Questa redazione scientifica ha avuto l’esperienza di poter seguire una paziente anziana con storia di PCOS e diabete mal compensato che ha sviluppato un carcinoma mammario, a prova del ruolo di insulina/IGF-1 come fattori di rischio tumorale per la PCOS; e due donne (61 e 68 anni, rispettivamente) con storia di PCOS trattata con ormoni, che hanno sviluppato un tumore ovarico. Pertanto, i programmi di screening per la diagnosi precoce di questi tumori, specialmente nelle donne con la policistosi ovarica, possono essere considerati una strategia preventiva importante per migliorare la loro sopravvivenza globale.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Amiri M et al. Int J Reprod Med 2022; 20(11):893.

Saed L, Varse F et al. BMC Cancer 2019; 19:527.

Harris HR et al. Int J Cancer 2017; 140: 285–291

Harris HR, Terry KL. Fertility Res Pract 2016; 2:14.

Shen Ch-Ch, Yang A et al. Oncologist 2015; 20:45.

Chittenden BG et al. Reprod Biomed. 2009; 19:398.

Pillay OC et al. Human Reprod 2005; 21:924–929.

Latest

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...

Newsletter

Don't miss

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...

L’emergenza internazionale della febbre dengue: e la corsa ai nuovi vaccini prosegue

La dengue è una malattia trasmessa da vettori attraverso...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Aloe vera: clinical data prove protection for our genetic material

The term "oxidative stress" refers to the imbalance between oxidants and antioxidants in favor of oxidants that could potentially lead to damage. While it...

Meet muvalaplin, the first oral drug against the Lp(a) genetic type of high cholesterol

About 20-25% of people worldwide have a genetic version of “bad” cholesterol called lipoprotein(a), or Lp(a) for short. There is currently no specific approved...

Xeroderma (XP): forse il primo farmaco viene “alla luce del sole”

La forza distruttiva della radiazione UV sulle molecole di DNA è completamente visibile quando i meccanismi di riparazione falliscono: i pazienti con la malattia...

Questo si chiuderà in 20 secondi