lunedì, Giugno 24, 2024

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Omega-3 a tavola per prevenire il diabete: le vie indirette e dirette con cui regolare zuccheri e grassi

Gli omega (ω-6 e ω-3) sono acidi grassi polinsaturi alimentari essenziali derivati rispettivamente dall’acido linoleico (LA) e dall’acido α-linolenico (ALA). L’aumento dell’assunzione di oli vegetali contenenti acidi grassi omega-6 e una diminuzione di omega-3 nella nostra dieta ha provocato uno squilibrio tra questi due tipi di acidi grassi. In particolare, si ritiene che il rapporto eicosapentaenoico (EPA)/acido arachidonico (AA) sia un marker di disfunzione metabolica, con livelli più bassi collegati all’insorgenza di condizioni come il diabete mellito. La prevalenza globale del diabete mellito di tipo 2 è aumentata del 102,9% negli ultimi 30 anni. La dieta è un fattore significativo nel causare problemi di salute, tra gli altri fattori come l’invecchiamento, il fumo e la mancanza di attività fisica. Si ritiene che la quantità e la qualità del cibo consumato siano i principali fattori che contribuiscono a questi problemi. Ad esempio, consumare troppo zucchero aumenta la probabilità di sviluppare il diabete.

Gli studi suggeriscono che un possibile fattore che contribuisce è l’elevato apporto di oli vegetali contenenti acidi ω-6 e il basso apporto di alimenti ricchi di ω-3. Inoltre, l’AA può portare all’insulino-resistenza (IR) creando uno stato proinfiammatorio che favorisce lo sviluppo di IR attraverso un processo che dipende dal fattore di necrosi tumorale-α (TNF-α) e dall’interleuchina-1β (IL-1β). L’aumento del consumo di carboidrati raffinati contribuisce alla produzione di aminoacidi e allo stress delle cellule pancreatiche. Studi epidemiologici hanno dimostrato che le popolazioni con una dieta ricca di pesce (ricchi di ω-3), sperimentano un notevole miglioramento del metabolismo del glucosio. Inoltre, studi in vitro hanno dimostrato che il trattamento con EPA può migliorare l’assorbimento del glucosio nelle cellule muscolari scheletriche umane. Questo processo sembra essere causato da un aumento del movimento dei trasportatori del glucosio 1/4 (GLUT1/4) verso la membrana plasmatica, nonché da meccanismi che non si basano su GLUT.

Gli acidi grassi omega-3 possono potenzialmente migliorare la resistenza all’insulina migliorando la funzione mitocondriale e la beta-ossidazione, regolando la secrezione di adipocitochine e inibendo il rimodellamento del tessuto adiposo. L’effetto antinfiammatorio è un notevole risultato metabolico positivo degli acidi grassi ω-3. Le citochine TNF-α e IL-1β, che sono collegate alla resistenza all’insulina, sono ridotte dall’EPA e dall’acido docosaesaenoico (DHA) attraverso l’inibizione della via del fattore di trascrizione NF-kB. Molteplici meta-analisi hanno esaminato come l’acido linoleico (LIN) influenza l’insorgenza del diabete. Lo studio ha scoperto che il consumo di elevate quantità di LIN nella dieta e la presenza di alte concentrazioni di LIN nel corpo erano collegati a un ridotto rischio di diabete, indicando che esso può avere un effetto protettivo contro la malattia. Livelli elevati di LIN possono essere dovuti a un elevato consumo alimentare o a una bassa attività desaturasica ∆5 e ∆6 causata da varianti genetiche degli enzimi.

Alcuni autori notano anche che LIN potrebbe avere effetti metabolici negativi in quanto può essere convertito in acido arachidonico (ARA), un precursore delle prostaglandine nella cascata infiammatoria. Ciò suggerisce che potrebbe essere necessaria un’attenta interpretazione degli effetti cardiometabolici positivi dell’acido linoleico. Gli scienziati hanno anche scoperto che i topi trattati con icosapenta-etile (IPE) mostravano un peso ridotto rispetto ai topi con dieta ad alto contenuto di grassi (HFD). I topi trattati con IPE hanno mostrato un miglioramento dei livelli di insulina e glucosio nel sangue a digiuno, una diminuzione della secrezione di insulina e una migliore tolleranza al glucosio. Inoltre, il miglioramento dell’omeostasi del glucosio con il trattamento IPE o EPA+DHA si osserva solo quando somministrato durante una HFD. Gli esperti hanno proposto che gli effetti osservati potrebbero essere attribuiti all’aumentata ossidazione degli acidi grassi, alla diminuzione dei trigliceridi epatici.

Potrebbe contribuire anche l’alterazione del metabolismo degli aminoacidi a catena ramificata, degli sfingolipidi e la riduzione dell’infiammazione. Questi effetti potrebbero essere mediati sia dai recettori di superficie per gli omega-3 (es. il GPR120) oppure fattori cellulari sensibili alla loro presenza (es. i fattori di trascrizione HNF-4 e PPAR-alfa). Uno studio che ha assegnato in modo casuale i pazienti con metabolismo del glucosio alterato e malattia coronarica a ricevere EPA o nessun trattamento, ha mostrato che il gruppo EPA ha sperimentato miglioramenti significativi nel profilo lipidico e nell’omeostasi del glucosio, rispetto alla glicemia postprandiale. I risultati suggeriscono che l’EPA potrebbe offrire una maggiore protezione contro il diabete nei pazienti pre-diabetici. Pertanto, secondo studi preclinici, ω-3 può favorire il metabolismo del glucosio a causa dei suoi effetti insulino-sensibilizzanti e ipoglicemizzanti. I risultati degli studi clinici rimangono inconcludenti a causa della diversa natura degli studi pubblicati finora.

Questi possono essere attribuiti a fattori quali la fonte di ω-3, l’etnia, la dimensione del campione, la durata dello studio e il metodo di cottura del cibo. Comunque sia, il consumo di alimenti ricchi di omega-3 (pesce azzurro, noci, mandorle, soia, broccoli, ceci, spinaci, avocado ed olii vegetali come quelli di sesamo, di lino, di zucca e di girasole) può essere utile nella prevenzione del diabete per via indiretta. Togliendo infatti l’infiammazione cronica silente il pancreas può funzionare regolarmente, con pochi rischi di sviluppare insulino-resistenza. Il fegato, dall’altra parte della moneta, viene regolato nella sua espressione genica per sintesi di enzimi del metabolismo del glucosio e dei grassi. Senza dimenticare che una dieta sana aiuta anche il microbiota intestinale, per il quale il contributo al metabolismo ed all’immunità è ormai provato da tempo.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Consigliati in questo sito

Acido oleico: l’acido grasso che condiziona l’infiammazione e l’immunità in molti modi (08/05/2023)

Semi di chia: un concentrato di proteine, omega-3 e altri bioattivi per la salute umana (20/11/2022)

Scelta vegetariana: su che base proteggerebbe la salute del cuore? (15/08/2022)

Prevenire l’Alzheimer con gli omega-3: il segreto dell’efficacia è raddoppiare la dose (13/04/2021)

Pubblicazioni scientifiche

Egalini F et al. Nutrients 2023; 15(12):2672.

Cambiaggi L et al. Int J Mol Sci. 2023; 24(7):6110.

Cholewski M et al. Nutrients 2018; 10(11):1662.

Latest

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Newsletter

Don't miss

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Sigarette elettroniche: fra gli adolescenti c’è il boom ma il rischio clinico è realissimo

La Surgeon General americana ha emesso un avviso nel 2018 in merito al danno che le sigarette elettroniche possono causare agli utenti, in particolare...

Acido folico: per la gravidanza, l’anemia e molto altro ancora

L’acido folico è una vitamina del gruppo B che si trova ad esempio, in vegetali come broccoli, spinaci, piselli, funghi, crostacei; e nella frutta...

Sigaretta elettronica: gli studi scoprono che altera il DNA e come succede

Nonostante il fatto che le sigarette elettroniche (e-cigarette) aiutino alcune persone a smettere di fumare quelle convenzionali, i dispositivi contengono molti altri prodotti chimici...

Questo si chiuderà in 20 secondi