sabato, Luglio 20, 2024

Le allergie ai legumi: dai più comuni ai meno impiegati, cambiando i tempi cambiano anche le prospettive

Crescente popolarità degli alimenti a base vegetale I legumi sono...

Caffé in clinica: può essere utile per gestire o prevenire la policistosi ovarica? Uno studio di caso-controllo

Le donne con ovaio policistico (PCOS) spesso soffrono di...

Lipoproteins and cardiovascular risk: how to manage the situation with old and new opportunities

What are lipoproteins? Dietary lipids are digested within the gastrointestinal...

La scienza aggiorna sulle potenzialità della dieta chetogenica: la famosa Keto-diet serve solo per dimagrire?

La dieta chetogenica (KED), che consiste nel consumo di carboidrati in quantità molto basse e in un consumo vario di calorie, proteine e grassi, è stata ampiamente studiata per i suoi possibili benefici medicinali. Solo pochi anni fa, la dieta chetogenica era considerata un programma dietetico alla moda, ma numerosi studi ne hanno ora dimostrato i benefici e la sicurezza. Poiché i corpi chetonici sembrano fornire molteplici benefici, attualmente vengono proposti vari usi che vanno oltre i semplici benefici metabolici, in particolare utilizzando la loro attività immunomodulante. In un recente editoriale pubblicato su Nutrients, i ricercatori hanno riferito sugli effetti della dieta chetogenica (KD) su vari aspetti della salute metabolica ed endocrina. Ciò spaziava dalla sua influenza sulla secrezione di insulina e sulla salute epatica al suo ruolo nella gestione delle condizioni mediche, inclusi i disturbi infiammatori e la sindrome di Lennox-Gastaut, un tipo di epilessia.

La KD migliora il benessere cardiometabolico e la costituzione corporea, nonché la disregolazione endoteliale e gli indicatori di rischio cardiometabolico. I risultati indicano che, anche se il cibo potrebbe non avere un’influenza diretta su alcuni biomarcatori, potrebbe fornire vantaggi cardiovascolari attraverso altri percorsi. I processi attraverso i quali la chetosi alimentare potrebbe migliorare il benessere metabolico non sono completamente compresi. Alcuni, tuttavia, sono piuttosto consolidati, mentre altri sono oggetto di ricerca attiva. La sirtuina 1 (SIRT1) e i corpi chetonici sono stati identificati come regolatori epigenetici sinergici della salute metabolica e svolgono un ruolo importante nel miglioramento del benessere metabolico. Uno studio che ha esaminato l’impatto di una dieta chetogenica sull’utilizzo delle calorie per quanto riguarda la riduzione del peso, ha rilevato variazioni dinamiche nell’utilizzo delle calorie durante le varie fasi della KED.

L’immunomodulazione è senza dubbio una modalità d’azione fondamentale per i corpi chetonici, rendendo questa strategia potenzialmente utile per una varietà di malattie caratterizzate da un basso livello di infiammazione. Gli studi sull’impatto della dieta chetogenica sulle ghiandole accessorie maschili infiammate hanno fornito informazioni sulla più ampia rilevanza della dieta nei disturbi urologici. Sebbene i processi non siano completamente conosciuti, i benefici metabolici e antinfiammatori della dieta sono molto probabilmente aspetti importanti. Un altro campo in cui la strategia dietetica chetogenica mostra un enorme potenziale è la neuroprotezione. In uno studio è stata scoperta una nuova opzione di trattamento per i deficit del trasportatore mitocondriale del piruvato (MPC) e del malato aspartato (MAS), che sono collegati ad anomalie neurologiche. La possibile funzione della KD nel trattamento del cancro è un campo di studio interessante e in rapida espansione.

Sebbene gli studi abbiano esaminato la possibilità della dieta chetogenica nel trattamento di glioblastomi e altri gliomi cerebrali, sono necessarie ulteriori ricerche per confermare i risultati. Il panorama di KD è in continua evoluzione in termini di nuovi usi, possibili problemi di sicurezza e ragioni meccanicistiche. Il legame tra la dieta chetogenica e il microbioma intestinale, infine, è una nuova area di ricerca che ha prodotto risultati incoraggianti. Avendo indagato questa relazione con altre diete come la Mediterranea, la Paleolitica, la vegetariana ed altre, non poteva mancare l’indagine sulla chetogenica. Gli studi hanno dimostrato che la KED altera drasticamente la composizione del microbiota intestinale, con conseguente aumento della sintesi di sostanze benefiche come gli acidi grassi a catena corta (SCFA). I cambiamenti del microbiota legati alla KED possono causare modifiche epigenetiche nei geni legati all’obesità e influenzare i livelli di citochine infiammatorie nel tessuto adiposo.

Gli studi in corso stanno studiando gli elementi epigenetici e genetici che possono influenzare la reazione di una persona alla nutrizione e la possibilità di utilizzare marcatori biologici per prevederne la sicurezza e l’efficacia. Questi progressi possono facilitare l’integrazione di un utilizzo della dieta chetogenica più personalizzato e di successo nella pratica clinica di routine.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Consigliati in questo sito

Dieta del DNA e i cosiddetti “supercibi”: cosa c’è di vero dietro l’entusiasmo? (02/10/2022)

Gestire la cefalea a tavola: è vero che c’è pure una dieta anti-emicrania? (30/08/2022)

Dieta chetogenica: le applicazioni pratiche scientificamente convalidate (30/04/2019)

Dieta chetogenica: per combattere l’invecchiamento e non solo (10/02/2018)

Dieta chetogenica: non solo per i muscoli, anche per il cervello (09/09/2017)

Pubblicazioni scientifiche

Li S, Du Y et al. Nutr Diabetes. 2023 Sep 14; 13(1):16.

Camajani E et al. Curr Obes Rep. 2023 Sep; 12(3):231-249.

Cicek E, Sanlier N. Nutr Neurosci. 2023 Sep; 26(9):828-841.

Santangelo A, Corsello A et al. Nutrients. 2023; 15(17):3680. 

Latest

Le allergie ai legumi: dai più comuni ai meno impiegati, cambiando i tempi cambiano anche le prospettive

Crescente popolarità degli alimenti a base vegetale I legumi sono...

Lipoproteins and cardiovascular risk: how to manage the situation with old and new opportunities

What are lipoproteins? Dietary lipids are digested within the gastrointestinal...

Metodiche ecografiche per la diagnosi e la gestione temporale del tumore epatico

Il carcinoma epatocellulare (CEP) è un tumore maligno primario...

Newsletter

Don't miss

Le allergie ai legumi: dai più comuni ai meno impiegati, cambiando i tempi cambiano anche le prospettive

Crescente popolarità degli alimenti a base vegetale I legumi sono...

Lipoproteins and cardiovascular risk: how to manage the situation with old and new opportunities

What are lipoproteins? Dietary lipids are digested within the gastrointestinal...

Metodiche ecografiche per la diagnosi e la gestione temporale del tumore epatico

Il carcinoma epatocellulare (CEP) è un tumore maligno primario...

Acido folico nella biologia e nella pratica: per l’anemia, la riproduzione e non solo

L’acido folico è una vitamina del gruppo B che...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Rischio di obesità legato alla dieta? Le scelte su base vegetale possono impedirlo

Le diete a base vegetale sono state associate a benefici per la salute e hanno contribuito a migliori risultati ecologici. In particolare, molte delle...

Prevenzione con la mela rossa: i suoi benefici al metabolismo

Generalità Frutto dal sapore particolarmente gradevole, la mela, oltre ad avere un forte valore simbolico, gode anche di grande fama tramandata sia dalla tradizione biblica...

Esercizio e fame: è il calore che dice “basta mangiare”

Vi siete mai chiesti perché l'esercizio fisico intenso rallenta temporaneamente l'appetito? In una ricerca descritta nel numero di oggi di PLOS Biology, i ricercatori del College...

Questo si chiuderà in 20 secondi