giovedì, Aprile 18, 2024

Sempre più spazio per la ketamina nel trattamento della depressione resistente: come fa a “resettare” i circuiti?

Background Le stime attuali indicano che oltre 300 milioni di...

Proteasome anchors to neuronal membranes to become a signaling platform: moonlightner or hidden deceiver?

Within the nervous system, the proteasome system (PROS) has...

Intelligenza Artificiale al servizio dell’oncologia (II): adesso è il turno dei tumori cerebrali

Introduzione I tumori al cervello, sebbene rari, rappresentano una sfida...

Nuovo gene per la SLA: studio internazionale vede partecipe anche l’Italia

Un grande studio congiunto a livelIo internazionale ha trovato una nuova associazione genetica con la SLA. Gli sforzi provengono dai seguenti gruppi di ricerca: ITALSGEN Consortium, Genomic Translation for ALS Care (GTAC) Consortium, ALS Sequencing Consortium, NYGC ALS Consortium, Answer ALS Foundation, Clinical Research in ALS and Related Disorders for Therapeutic Development (CReATe) Consortium, French ALS Consortium e Project MinE ALS Sequencing Consortium. Per identificare nuovi geni associati alla SLA, i ricercatori hanno intrapreso due linee di indagine. Per prima, hanno condotto uno studio di associazione genome-wide (GWAS) confrontando 20.806 casi di ALS e 59.804 controlli. Indipendentemente, hanno eseguito l’analisi di una rara variante della malattia, confrontando 1138 casi di SLA familiare e 19.494 controlli.

Attraverso entrambi gli approcci, i gruppi hanno identificato il membro 5A della famiglia Kinesine (KIF5A) come un nuovo gene associato alla SLA. È interessante notare che le mutazioni predominanti nel dominio N-terminale di KIF5A sono causali per due malattie neurodegenerative: paraplegia spastica ereditaria (SPG10) e Charcot-Marie-Tooth di tipo 2 (CMT2). Al contrario, le mutazioni associate alla SLA sono localizzate principalmente nella regione coda della proteina. I pazienti che ospitavano mutazioni con perdita di funzione della proteina KIF5A hanno mostrato una sopravvivenza prolungata rispetto ai tipici casi di SLA. Presi insieme, questi risultati ampliano lo spettro del fenotipo risultante dalle mutazioni in KIF5A, rafforzando il ruolo dei difetti dello scheletro cellulare nella patogenesi della SLA.

I risultati sono pubblicati sulla prestigiosa rivista internazionale Neuron.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Nicolas F et al. Neuron. 2018 Mar 21; 97(6):1268-1283.

Latest

Newsletter

Don't miss

Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Testosterone e pubertà: come vengono condizionati dall’ambiente

I livelli di testosterone maschile sono in gran parte determinati dal loro ambiente durante l'infanzia, secondo una nuova ricerca. Lo studio condotto dalla Durham...

Frutta secca: a merenda meglio dello snack per tenere bassi gli zuccheri

Anche se revisioni sistematiche e meta-analisi di studi randomizzati e controllati su modelli alimentari che includono un basso indice glicemico, l'elevata assunzione di cereali...

Come tenere in salute le cartilagini, fra scelte a tavola e integratori alimentari

Gli effetti dello stile di vita sulle cartilagini I condrociti sono le cellule che costituiscono la cartilagine. Nella struttura chiusa della capsula articolare, le sollecitazioni...