giovedì, Febbraio 22, 2024

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...

Autoimmune condition under training: how exercise impacts on most common clinical conditions

The global rise in autoimmune diseases, driven by environmental...

Le proprietà del bergamotto: una ricerca italiana elogia le sue eccezionali proprietà antinfiammatorie

Gli scarti alimentari come fonte di molecole bioattive

L’infiammazione cronica si riferisce a risposte infiammatorie acute che non riescono a sradicare gli agenti patogeni o a riparare le lesioni dei tessuti, causando problemi cutanei, malattie respiratorie e neurologiche, sindrome metabolica e tumori. I pazienti non tollerano i farmaci antinfiammatori sintetici a lungo termine, a causa dei loro effetti collaterali significativi. Tutti avranno sperimentato gli effetti lesivi sullo stomaco dei FANS o sentito parlare di come i cortisonici nel lungo raggio causino problemi come osteoporosi, diabete iatrogeno e variazioni del peso corporeo. Ma si sa da molto tempo che esistono prodotti naturali (derivati per lo più da piante) che possono avere un buon effetto antinfiammatorio ed antidolorifico similare a quello dei farmaci tradizionali. Uno comunissimo è la camomilla, che allevia i crampi allo stomaco e l’emicrania.

E fra questi ci sono anche gli scarti di frutta e verdura nel campo agro-alimentare. Ad esempio, gli scarti degli agrumi, come le bucce di arancia, mandarancio o di limone ed i semi di limone possono servire all’estrazione di olii essenziali da usare in cosmetica, medicina, profumeria e culinaria; possiedono bioflavonoidi e saponine che hanno azione antinfiammatoria, antibatterica ed anche anticancro. Innovazioni in questo campo vengono dalla possibilità di usare questi sottoprodotti anche come mangime per animali e ricavare delle fibre vegetali da impiegare in campo tessile. Fra gli scarti degli agrumi sono compresi i sottoprodotti del bergamotto, che hanno dimostrato proprietà antinfiammatorie nel trattamento dell’infiammazione sistemica di basso grado, migliorando la qualità della vita degli individui con disturbi infiammatori cronici.

Applicazioni antinfiammatorie del bergamotto e dei suoi derivati

Una recensione molto recente ha indagato sulle proprietà di questi scarti sulla salute umana. Il Citrus bergamia Risso (bergamotto) è una pianta autoctona della Calabria. L’olio essenziale di bergamotto (BEO) è considerato un antisettico per le sue proprietà antibatteriche. Inoltre, studi in vitro hanno rivelato che il BEO può avere un effetto antitumorale. I succhi di bergamotto (BJ), raccolti mediante la spremitura delle polpe residue degli agrumi, sono stati considerati scarti nel settore delle essenze. Ciononostante, BJ ha catturato l’interesse scientifico come nuova fonte di numerose sostanze chimiche bioattive. Il BJ contiene molti flavonoidi con effetti biologici, come neoesperidina, naringina, melitidina, neoeriocitrina, diosmina, brutieridina, rhoifolina e poncirina. Ha anche un’alta concentrazione di acidi organici, pectina e fibre alimentari.

Gli estratti di semi di bergamotto comprendenti limonina e nomilina come componenti primari hanno dimostrato azioni antiretrovirali che inibiscono le infezioni da virus T-linfotropico umano di tipo 1 (HTLV-1). Gli oli estratti dalle foglie di bergamotto contengono componenti potenzialmente benefici come linalolo, alfa-terpineolo e acetato di linalile. Il bergamotto ha dimostrato proprietà antinfiammatorie in modelli sperimentali di ratto. Gli estratti ricchi di flavonoidi di BJ hanno ridotto le risposte infiammatorie nelle cellule monociti leucemiche THP-1 esposte ad LPS in vitro e in vivo. Anche le frazioni BEO prive di composti furocumarinici (BEO-FF), come l’estratto di succo di bergamotto (Bje), hanno ridotto l’infiammazione acuta negli studi sugli animali. BEO ha dimostrato significativi benefici antiasmatici in vitro e in vivo.

BEO ha ridotto l’espressione di geni di citochine proinfiammatorie come l’interleuchina (IL)-1β, IL-6 e il fattore di necrosi tumorale alfa (TNF-α) nelle linee cellulari di macrofagi alveolari esposte al LPS. Ha anche inibito l’attivazione della proteina chinasi attivata da mitogeni (MAPK/ERK), la via cellulare JAK-STAT e l’espressione dei geni della prostanoide-endoperossido sintasi-2 (PTGS2, che sintetizza le prostaglandine infiammatorie) e del recettore perossisomiale alfa (PPAR-α). Bergaptene e BEO si sono dimostrati utili anche in modelli infiammatori respiratori più sofisticati, come i modelli animali. L’inalazione di BEO ha ridotto la costrizione delle vie aeree e l’infiammazione polmonare negli animali murini indotti dall’ovoalbumina abbassando citochine infiammatorie come TNF-α, IL-1, 4, 5, 6 e 13 e inibendo la deposizione di collagene.

Nei modelli murini, il bergaptene ha alleviato i sintomi infiammatori legati alla combinazione rinite allergica e sindrome asmatica (CARAS). L’infiammazione preannuncia ed esacerba anche la sindrome metabolica. Diversi studi hanno dimostrato che i composti e i sottoprodotti del bergamotto regolano le funzioni cardiovascolari e metaboliche grazie alle loro azioni di riduzione dello stress ossidativo che riducono i livelli di citochine proinfiammatorie e aumentano i livelli di citochine antiinfiammatorie. I polifenoli delle foglie di bergamotto (BLPF) e dei frutti (BFPF) hanno inibito l’attivazione del fattore di trascrizione NF-κB, prevenendo la sintesi delle citochine infiammatorie nei modelli cellulari di infiammazione indotta dall’IL-1. Gli estratti di foglie di bergamotto (BLE) i livelli di TNF-α e IL-6) e lo stress ossidativo agendo sull’asse tessuto adiposo-fegato dei ratti obesi.

Questo potrebbe migliorare potenzialmente sia la resistenza all’insulina che la dislipidemia. Negli studi clinici, un nutraceutico contenente estratto di bergamotto ha ridotto i livelli di proteina C-reattiva ad alta sensibilità (hs-CRP) e di TNF-α in soggetti dislipidemici in sovrappeso. Gli estratti di BJ hanno dimostrato proprietà neuroprotettive nei modelli di malattia di Alzheimer in vitro riducendo le risposte infiammatorie guidate dalla β-amiloide nelle cellule THP-1. BEO ha ridotto significativamente la quantità di IL-1β, IL-6 e TNF-α nell’ippocampo e nella corteccia frontale dei ratti in vivo. Studi recenti hanno evidenziato la sua capacità di influenzare l’espressione e il rilascio di chemochine e l’attività di fattori nucleari ed enzimi associati all’infiammazione. Sulla base dei risultati della revisione, il bergamotto contiene qualità antinfiammatorie che possono aiutare nel trattamento delle malattie infiammatorie.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Russo C, Lombardo GE et al. Nutrients 2024 Jan; 16(2):259.

Maugeri A, Russo C et al. Pharmaceutics 2022; 14(10):2168.

Cirmi S, Randazzo B et al. Nat Prod Res. 2021; 35(23):5350.

Russo C, Maugeri A et al. Molecules. 2021 Oct; 26(19):5991.

Musumeci L, Maugeri A et al. Nat Prod Res. 2020; 34(1):122.

Latest

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...

Autoimmune condition under training: how exercise impacts on most common clinical conditions

The global rise in autoimmune diseases, driven by environmental...

Newsletter

Don't miss

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...

Autoimmune condition under training: how exercise impacts on most common clinical conditions

The global rise in autoimmune diseases, driven by environmental...

Prevenzione con l’avocado per la salute del cuore: il punto fatto dalle recensioni scientifiche più recenti

L’avocado nella prevenzione delle cardiopatie L’eccesso di peso e la...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Diabete: ruolo delle vitamine nel metabolismo. Ma servono anche come integratore?

Il diabetico è sicuramente più delicato e vulnerabile rispetto ad un individuo sano. A causa della sua condizione di deterioramento metabolico cronico, infatti. è...

L’importanza della febbre nella protezione dal cancro: 50 anni di studi

Il fatto che la febbre sia stata mantenuta durante l’evoluzione dei vertebrati sostiene fortemente che le temperature febbrili conferiscono un vantaggio in termini di...

Paracetamolo e gravidanza: non è totalmente sicuro o inerte come si pensava

L’acetaminofene – meglio conosciuto come paracetamolo – è un antidolorifico da banco ampiamente disponibile negli Stati Uniti, usato dal 65-70% delle donne incinte. Ma...