sabato, Luglio 13, 2024

SLEight of hand for autoimmune responses: a game of competence between interferon, cellular receptors and metabolites

Systemic lupus erythematosus (SLE) is the prototypical autoimmune disease...

Le tante facce dell’interferone: il responsabile del lupus, non importa se diretto o indotto dai virus

Il lupus eritematoso sistemico (LES) è il prototipo della...

L’ictus cerebrale ha un nuovo farmaco curativo: LK-2, nato da una collaborazione internazionale

L’ictus è una delle principali cause di morte e...

Le proprietà alimentari del carciofo romano sulla salute umana riviste dalla scienza

Il carciofo (Cynara scolymus) è una pianta comunemente coltivata per il suo valore dietetico nel Mediterraneo, in Egitto, nelle Isole Canarie e in alcune parti dell’Asia e del Sud America. I capolini, le foglie e i fiori della pianta infatti sono commestibili. Tuttavia, alcune culture hanno utilizzato gli infusi delle foglie per le loro proprietà curative, che ricerche recenti e approfondite hanno attribuito al notevole potenziale antiossidante dell’erba. Il carciofo è ricco di composti fenolici, con 100 g di erba che contengono, in media, 96 mg di acido gallico equivalente. I derivati dell’acido caffeico (acidi clorogenici) costituiscono la maggior parte di questi metaboliti, insieme a flavonoidi come l’apigenina e la luteolina. Gli scienziati hanno esplorato questi composti per il loro potenziale epatoprotettivo, antitumorale ed antimicrobico, con un numero crescente di prove che ne chiariscono la composizione chimica e il valore clinico.

Valori nutrizionali e fitochimici del carciofo romano

Ricerche biochimiche e nutrizionali hanno rivelato che il carciofo contiene circa 57 kcal di energia per ogni 100 g di peso secco, rendendolo un alimento vegetale ipocalorico e giustificandone l’inclusione in ‘diete sane’ come la dieta Mediterranea. 100 g di pianta contengono inoltre 3 g di proteine, 11 g di carboidrati e 0,2 g di acidi grassi. In particolare, 5,4 g su 100 g di C. scolymus sono fibre alimentari e fino al 36% della sua sostanza secca è inulina, entrambe note per avere effetti digestivi e prebiotici. È stato dimostrato che l’inulina, in particolare, promuove la crescita dei ceppi microbici intestinali del Bifidobacterium, migliorando la composizione del microbiota intestinale.

La maggior parte del potenziale clinico del carciofo, tuttavia, è attribuito alla sua alta concentrazione di composti fenolici come acido clorogenico, acido caffeico, acido ferulico, apigenina, luteolina e cinarina, che insieme rappresentano 96 mg ogni 100 g di erba. È stato scoperto che diverse parti della pianta, sia commestibili che non commestibili, contengono concentrazioni variabili di composti biologicamente attivi che vanno da minerali come silicio, ferro, potassio, calcio, magnesio e rame che, insieme a folato, inulina, vitamina C e altri composti fenolici si trovano in abbondanza nelle foglie. Allo stesso tempo, i semi presentano una ricca fonte di proteine, lipidi, fibre e steroli.

Evidenze sperimentali e cliniche

La proprietà più conosciuta e studiata dei carciofi e dei loro metaboliti è il loro potenziale antiossidante. È stato dimostrato che questi estratti riducono efficacemente lo stress ossidativo mediato da CU2+ in vitro e ritardano l’ossidazione delle lipoproteine a bassa densità (LDL). Numerosi studi hanno chiarito i benefici del potenziale antiossidante dei carciofi in vivo, soprattutto nel fegato e nei reni. Sfortunatamente, mentre questi risultati suggeriscono grandi promesse per le applicazioni cliniche di questa pianta e dei suoi sottoprodotti, in particolare nel trattamento di condizioni croniche come il cancro, gli studi clinici sull’uomo in questo campo sono gravemente carenti. Nonostante la loro efficacia sia dovuta alle loro proprietà antiossidanti, gli effetti epatoprotettivi dell’erba, fortunatamente, sono molto meglio caratterizzati rispetto a quelli antiossidanti.

È stato dimostrato che i carciofi e i loro estratti supportano i sistemi antiossidanti, ritardano la perossidazione lipidica e mostrano effetti protettivi contro l’epatotossicità acuta nei ratti di laboratorio. Modelli murini hanno inoltre rivelato che gli estratti di carciofo possono proteggere o addirittura invertire la tossicità indotta dall’esposizione al cadmio. La ricerca su ratti albini maschi ha dimostrato che i carciofi possono prevenire anomalie istopatologiche, con la massima attività osservata dai metaboliti ottenuti dal gambo e dal ricettacolo della pianta. È stato scoperto che i suoi sottoprodotti controllano l’obesità, riducono l’infiammazione, migliorano i profili lipidici e apportano benefici alla salute cardiovascolare. La cinarina è un complesso terpenico in cui la cinaropicrina è il principale costituente; è responsabile anche del suo sapore amaro che favorisce la digestione e la secrezione biliare.

Azioni biologiche dimostrate molto più recentemente sono l’effetto antinfiammatorio nella parodontite indotta da Porphyromonas, effetto antitumorale sulle cellule tumorali di tiroide, cervice uterina, cancro cerebrale (glioblastoma), colon-retto e melanoma. Inoltre, sopprime gli effetti della setticemia sulla funzionalità renale impedendo la sintesi di citochine come TNF-alfa ed IL-1. Ricerche parallele hanno segnalato proprietà cardioprotettive e persino neuroprotettive del carciofo (2022-2023) e dei suoi estratti con succhi di carciofo, che hanno dimostrato di ridurre sostanzialmente la pressione sanguigna e attenuare i sintomi nei pazienti affetti da ipertensione lieve. In molti paesi gli estratti di carciofo, sia essiccati che in soluzione, e le parti edibili essiccate, compresi i cuori di carciofo, sono attualmente commercializzati come integratori alimentari.

Questi sono tipicamente venduti come compresse o capsule rivestite destinate al trattamento di malattie del fegato (insufficienza epatica, iperuricemia, correzione epatica dell’ipertrigliceridemia, ecc.). Il principio erboristico e alimentare nei secoli, dunque, è stato sempre giusto. Fa piacere che la scienza possa dare conferma ufficiale di ciò che l’esperienza popolare ha accumulato lungo i secoli anche a tavola.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Olas B. Nutrients 2024 Feb 22; 16(05):articolo 599.

Jin T et al. Appl Biochem Biotech. 2023; 195(9):5424.

Spennato M et al. Molecules. 2022 Dec; 27(24):8772.

Rotondo R et al. Biomedicines. 2022; 10(7):1583.

Matsumoto T et al. J Nat Med. 2021; 75(2):381-392.

Zheng D et al. Front Cell Dev Biol. 2021; 8:605184.

Liu T et al. Free Radic Biol Med. 2019; 135:216-226.

Hayata M et al. J Nat Med. 2019 Jan; 73(1):114-123.

Latest

Newsletter

Don't miss

SLEight of hand for autoimmune responses: a game of competence between interferon, cellular receptors and metabolites

Systemic lupus erythematosus (SLE) is the prototypical autoimmune disease...

Le tante facce dell’interferone: il responsabile del lupus, non importa se diretto o indotto dai virus

Il lupus eritematoso sistemico (LES) è il prototipo della...

Co-STAR lymhocytes: the newly engineered weapon to find mutation-dependent cancer cells

T cell-based therapies are among the most promising approaches...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Obesity: which role have the consumption of tea and coffee?

Tea, coffee and public health Tea and coffee are the most popular drinks, the most traded and appreciated products that come from developing countries. Their...

Differenze di pressione fra uomo e donna: l’antiossidante svela il trucco

Un antiossidante, la tetrabiopterina, sembra aiutare a livellare il campo di gioco tra i maschi e le femmine in profondità all'interno dei reni - dove...

Medicina di genere (2): gli ormoni sessuali come fattore di rischio nella SLA

SLA e ormoni sessuali Quando si esaminano gli studi su come la dieta influisce sulla patogenesi della SLA, si può notare che molti degli esperimenti...

Questo si chiuderà in 20 secondi