giovedì, Giugno 1, 2023

Il congresso reumatologico europeo...

EULAR - l'Alleanza Europea delle Associazioni di Reumatologia - lavora su un ampio...

How cannabis impacts youngsters...

The rate of cannabis use is higher among university students between 18 and...

Come fa lo stress...

Lo stress psicologico influisce profondamente sulle risposte infiammatorie. L'impatto dello stress psicologico sulla...

L’endotossina batterica come causa...

Oltre ai batteri residenti nell'intestino, le infezioni batteriche, come la parodontite (malattia gengivale),...
HomeBENESSERE & SALUTEDemenza: perchè le...

Demenza: perchè le donne dovrebbero essere più a rischio?

Prove crescenti suggeriscono che le donne potrebbero essere maggiormente a rischio di alcuni cambiamenti fisiologici associati alla malattia di Alzheimer (AD). Uno studio su 300 soggetti anziani sottoposti a scansioni con tomografia ad emissione di positroni (PET) ha mostrato che le donne hanno maggiori probabilità di sviluppare segni di una condizione simile a quella di Alzheimer o di demenza senile, con accumulo delle proteine ​​tossiche note per scatenare la malattia. Come riportato nella rivista JAMA Neurology, le scansioni hanno rivelato che gli uomini avevano meno depositi di tau e beta-amiloide nei loro cervelli rispetto alle donne. Queste proteine ​​sono presenti in tutta la materia grigia, ma quando grandi quantità di queste si aggregano per formare grovigli o ciuffi, questo può distruggere i neuroni e causare perdita di memoria e confusione nella malattia di Alzheimer. Questo studio ha esaminato circa 300 adulti clinicamente normali (età media 74) per i depositi nel cervello della proteina tau, un marker di AD, come misurato dalla tomografia ad emissione di positroni.

Le donne mostravano più tau in una regione del cervello rispetto agli uomini, che era associata a individui con maggiori quantità di depositi di placche del peptide β-amiloide (Aβ), un altro marker di AD. Questi risultati supportano altri studi nell’identificazione delle potenziali ragioni per le differenze di rischio per l’AD tra uomini e donne. La popolazione dello studio può limitare la generalizzabilità di questi risultati. Lo studio potrebbe aiutare a spiegare perché circa i due terzi dei pazienti affetti da demenza sono di sesso femminile, un fatto che è stato precedentemente attribuito a donne che vivono più a lungo rispetto agli uomini e che hanno più tempo per sviluppare la condizione. Tuttavia, molti scienziati sospettavano che altri meccanismi potessero contribuire al divario di genere nella prevalenza dell’Alzheimer. L’attuale studio ha esaminato specificamente i depositi di tau nel cervello di pazienti di età media di 74 anni che erano tutti cognitivamente sani. I dati della scansione finale hanno evidenziato che le donne mostravano più tau in una regione del cervello rispetto agli uomini.

I ricercatori hanno precedentemente pensato che non ci fossero differenze significative nei livelli cerebrali di questi markers proteici ​​tra uomini e donne, ma le potenziali differenze specifiche di genere coinvolte nella patologia della malattia stanno diventando un obiettivo sempre più importante nella ricerca dell’Alzheimer. La letteratura precedente mostra elevati livelli di tau cerebrospinale nelle donne rispetto agli uomini in funzione dell’apolipoproteina E (APOE) ε4 e β-amiloide (Aβ). Ciò che è rimasto poco chiaro è l’associazione del sesso con la deposizione tau regionale in individui clinicamente normali. Inoltre, le donne geneticamente predisposte all’Alzheimer hanno livelli più elevati di tau nel loro liquido cerebrospinale rispetto agli uomini predisposti e lo studio attuale è il primo a identificare un modello simile in individui clinicamente sani. Queste scoperte supportano un corpus di letteratura in continua crescita che espone una base biologica per le differenze di sesso nel rischio di malattia di Alzheimer.

Secondo la dott.ssa Reisa Sperling, uno dei principali autori di questa ricerca, i dati attuali supportano altri studi nell’identificazione delle potenziali ragioni delle differenze di rischio per la malattia di Alzhleimer tra uomini e donne. Nello studio, non di sono state differenze di sesso per la quantità di amiloide o la frequenza delll’allele per la APOE ε4. Sebbene non si a stato esaminato alcun meccanismo dietro questi risultati scientifici, è possibile speculare che una certa componente ormonale possa essere responsabile del fenomeno. Certo, è difficile conciliare il ruolo neuro-protettivo degli ormoni femminili (estrogeni) in questo contesto, poiché la media dell’età nei soggetti studiati, soprattutto quelli femminili è oltre i 70 anni. Non si può certo correlare con facilità lo stato post-menopausale delle donne esaminate, con la loro maggiore predisposizione. Ovvero non appare esserci un legame diretto tra i due fenomeni. Ma gli estrogeni non sono gli unici ormoni a guidare la chimica della donna nel corso della sua intera vita…..

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Buckley RF et al., Sperling RA. JAMA Neurol. 2019 Feb 4. 

Hanseeuw BJ et al. Alzheim Res Ther. 2019 Feb 4; 11(1):17. 

Rabin JS et al. Annals Neurol. 2019 Feb; 85(2):272-279. 

Halawa OA et al. Alzheimers Res Ther. 2019 Jan; 11(1):14.

Get notified whenever we post something new!

Continua a leggere

Il congresso reumatologico europeo EULAR 2023: novità cliniche per autoimmunità e non solo

EULAR - l'Alleanza Europea delle Associazioni di Reumatologia - lavora su un ampio spettro di malattie autoimmuni e autoinfiammatorie. Quest'anno l'EULAR ha tenuto il suo congresso annuale 2023 a Milano. È stato descritto un aumento dell'incidenza di queste patologie,...

How cannabis impacts youngsters on their emotional continence: are females more vulnerable?

The rate of cannabis use is higher among university students between 18 and 21 years of age. In both 2018 and 2019, the annual prevalence of cannabis use in the United States college population reached its highest rate in...

Come fa lo stress cronico a far spuntare la colite? I risultati di un lavoro ultraspecialistico

Lo stress psicologico influisce profondamente sulle risposte infiammatorie. L'impatto dello stress psicologico sulla gravità della malattia è particolarmente notevole nella malattia infiammatoria intestinale (IBD). Vari studi epidemiologici supportano che gli eventi stressanti possono aggravare le riacutizzazioni della IBD. Tuttavia,...