venerdì, Giugno 14, 2024

La via molecolare CTLA4-IL23: un dialogo insospettato che apre nuove possibilità contro cancro e autoimmunità

Il sistema immunitario ha molti percorsi per proteggere il...

Il beta-cariofillene: una innovazione molecolare nella gestione del dolore cronico

Il dolore cronico affligge milioni di persone in tutto...

Parkinson e Crohn che condividono tratti genetici e metabolici comuni: finalmente verso una medicina personalizzata?

Prove emergenti suggeriscono un legame tra due disturbi apparentemente non correlati, la malattia infiammatoria intestinale (IBD) e la malattia di Parkinson (PAD), indicando fattori di rischio condivisi e una fisiopatologia sottostante coerente con l’ipotesi dell’“asse intestino-cervello”. La co-occorrenza IBD-PAD è stata attribuita alla neurodegenerazione guidata da infiammazione intestinale cronica e fattori genetici pleiotropici. Una recente meta-analisi di 12 milioni di pazienti provenienti da 9 studi osservazionali, ha fornito ulteriore supporto ai risultati precedenti, indicando che sia la malattia di Crohn che la colite ulcerosa sono associate ad un aumento del rischio di diagnosi di PAD. I ricercatori della Icahn School of Medicine al Mount Sinai hanno identificato le connessioni genetiche tra IBD e Parkinson. Pubblicato su Genome Medicine, il loro studio evidenzia il potenziale di strategie terapeutiche congiunte per affrontare questi due disturbi.

Il team, guidato dai professori Yuval Itan, PhD, professore associato di genetica e scienze genomiche; e Inga Peter, PhD, professoressa di genetica e scienze genomiche all’Icahn Mount Sinai, hanno utilizzato tecniche avanzate di analisi genomica per studiare la sovrapposizione genetica tra IBD e PAD. I loro risultati indicano le mutazioni nel gene LRRK2 come un elemento comune che collega entrambe le condizioni e identificano nuovi geni che potrebbero essere colpiti nelle persone che soffrono sia di IBD che di PAD. Lo studio ha analizzato i dati della Mount Sinai BioMe BioBank, la biobanca del Regno Unito, e una coorte di 67 pazienti con diagnosi sia di IBD che di PAD della Biobanca nazionale danese. Questo set di dati combinato ha consentito ai ricercatori di esplorare varianti genetiche rare ad alto impatto e di identificare nuovi geni e percorsi biologici che contribuiscono alla comorbilità IBD-PAD.

I ricercatori hanno utilizzato una varietà di metodi computazionali per scoprire associazioni significative tra le varianti del gene LRRK2 e la co-occorrenza di IBD e PAD, compreso l’approccio di clustering di eterogeneità basato sulla rete, che hanno dimostrato di essere altamente efficace per le scoperte genetiche in piccole coorti che non possono essere analizzati con i tradizionali metodi di associazione genetica. La loro analisi ha anche rivelato diversi percorsi legati all’immunità, all’infiammazione e all’autofagia, che sono coinvolti in entrambe le condizioni, tra cui la segnalazione MAPK, l’inibizione mediata da endotossina/IL-1 della funzione del recettore nucleare RXR-alfa e la segnalazione intracellulare del cofattore NAD. Queste intuizioni hanno potenziali implicazioni in molteplici aree della medicina, suggerendo che la comprensione dei fattori genetici potrebbe portare a terapie più mirate.

Lo studio sottolinea l’importanza della ricerca genetica nello sviluppo di approcci di medicina personalizzata che potrebbero migliorare il trattamento dei pazienti affetti sia da IBD che da PD. La promessa di questi risultati va oltre gli attuali paradigmi terapeutici: individuando le basi genetiche comuni sia alle IBD che al Parkinson, gli scienziati potrebbero aprire la strada a trattamenti innovativi, attraverso lo sviluppo di nuovi bersagli farmacologici o il riutilizzo di farmaci esistenti, che potrebbero potenzialmente affrontare le cause profonde di queste condizioni. I risultati di questo studio potrebbero anche influenzare le direzioni future della ricerca, incoraggiando un approccio più integrato allo studio di malattie che potrebbero apparire non correlate ma condividere percorsi genetici comuni.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Kars ME et al. Genome Med. 2024 May 14; 16(1):66.

Zhu Y et al. Neural Regen Res. 2022; 17(2):344–353.

Lee HS, Lobbestael E et al. Gut. 2021; 70(2):408-417.

Hui KY et al. Sci Transl Med. 2018; 10(423):eaai7795.

Latest

Il beta-cariofillene: una innovazione molecolare nella gestione del dolore cronico

Il dolore cronico affligge milioni di persone in tutto...

Perchè troppa vitamina A fa male alle ossa? Finalmente le indagini ci danno la risposta

La vitamina A, un micronutriente solubile nei grassi consumato...

Newsletter

Don't miss

Il beta-cariofillene: una innovazione molecolare nella gestione del dolore cronico

Il dolore cronico affligge milioni di persone in tutto...

Perchè troppa vitamina A fa male alle ossa? Finalmente le indagini ci danno la risposta

La vitamina A, un micronutriente solubile nei grassi consumato...

Quando un oncogene non lavora come dovrebbe: il caso di c-Jun nel cancro della prostata

Uno studio internazionale condotto dagli scienziati della MedUni Vienna...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Arance rosse: si approfondisce come i suoi principi attivi agiscono sull’obesità

L’accumulo di grasso, a causa di uno squilibrio tra apporto energetico e dispendio, porta all’obesità, al diabete di tipo 2, alle malattie cardiovascolari e...

Allergie alimentari: identificati altri loci genetici implicati

Un'allergia alimentare si verifica quando il sistema immunitario del corpo reagisce erroneamente a un alimento specifico come se fosse una sostanza dannosa. I sintomi...

Caffè e disturbi renali: le conclusioni degli esperti

Il caffè è tra le bevande più gradite al mondo, secondo solo al thè. Il suo consumo è legato a fattori misti, di tipo...

Questo si chiuderà in 20 secondi