Home RICERCA & SALUTE Anemia falciforme: i disturbi del grasso sanguigno contribuiscono alle ischemie

Anemia falciforme: i disturbi del grasso sanguigno contribuiscono alle ischemie

Un articolo pubblicato su Experimental Biology and Medicine collega gli squilibri nel metabolismo delle lipoproteine ​​con eventi vaso-occlusivi in ​​pazienti con anemia falciforme (SCD). Lo studio, condotto dal Dr. Eric Soupene nel laboratorio del Dr. Frans Kuypers presso il Children’s Hospital Oakland Research Institute (CHORI) di Oakland, ha identificato i metaboliti delle lipoproteine ​​ad alta densità (HDL) nel plasma SCD che promuovono l’infiammazione e possono ridurre l’efficacia di terapie attuali. I globuli rossi nei pazienti con SCD contengono un’emoglobina mutata, la proteina che trasporta l’ossigeno in tutto il corpo. I pazienti con SCD presentano anche anomalie nel colesterolo plasmatico, nelle lipoproteine ​​e in altri componenti del plasma come proteina C-reattiva (PCR), mediatori dell’infiammazione, emoglobina libera ed eme. Nella SCD, i globuli rossi diventano rigidi e si attaccano alle pareti dei vasi sanguigni, impedendo la somministrazione di ossigeno a cellule e tessuti. Questi eventi ischemici sono ulteriormente esacerbati da anomalie nei componenti del plasma.

Il trattamento standard per gli eventi vaso-occlusivi è la sostituzione degli eritrocitii falciformi con globuli rossi normali. Tuttavia, la terapia di scambio RBC non normalizza le alterazioni dei componenti del plasma. Pertanto, la maggior parte del plasma presente dopo la terapia di scambio RBC formerà un ambiente proinfiammatorio che può ridurre l’efficacia del trattamento. Precedenti studi hanno dimostrato che l’ambiente pro-infiammatorio del sangue nei pazienti con SCD riduce l’attività delle lipoproteine ​​ad alta densità (HDL), la cosiddetta “buona” particella di colesterolo. Nel presente studio, il Dr. Soupene e colleghi hanno caratterizzato i metaboliti dell’HDL nel plasma SCD e il loro effetto sulla funzione delle cellule endoteliali. Il plasma SCD mostrava alterazioni nella distribuzione delle dimensioni, ma non nel livello totale delle particelle HDL. Il plasma SCD era impoverito della particella pre-β, che è essenziale per il trasporto inverso di colesterolo. Questa osservazione può parzialmente spiegare l’alterato contenuto di colesterolo nel plasma osservato nei pazienti con anemia falciforme

Le HDL isolate dal palsma SCD innalza i livelli della pentraxina-3 (PTX3), una proteina che è predittiva della lunghezza degli episodi infiammatori nelle cellule endoteliali di pazienti con SCD. L’aggiunta dell’emopexina (Hx), una proteina del plasma che rimuove l’eme ha bloccato la sintesi della PTX3 dal plasma SCD. Collettivamente, questi risultati collegano le alterazioni della lipoproteina alla patologia di SCD, suggerendo che la sostituzione di plasma e globuli rossi, trasfusione di sangue intero, potrebbe essere una terapia più efficace per eventi vaso-occlusivi. Secondo il Dr. Soupene, “la terapia di scambio RBC, un trattamento trasfusionale ben accettato dei pazienti con SCD, potrebbe dover essere rivalutato, sostituendo solo i globuli rossi sottovalutando le alterazioni di importanza nel compartimento del plasma”. Il team ha fornito una nuova importante visione sul trattamento degli episodi vaso-occlusivi. Dimostrano chiaramente una distribuzione dimensionale delle particelle di HDL nel plasma SCD che porta ad una maggiore risposta infiammatoria. Il loro lavoro punta a considerare la trasfusione di sangue intero, come alternativa alla terapia di scambio RBC, per trattare gli episodi ischemici.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Teixeira RS et al. PLoS One. 2017; 12(9):e0184076.

Soupene E et al. Exp Biol Med (Maywood). 2017.

Aleluia MM et al. Lipids Health Dis. 2017; 16(1):74.

Ephraim RK, Adu P et al. J Lipids. 2016; 2016:7650530. 

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it

ARTICOLI PIU' LETTI