martedì, Aprile 16, 2024

Proteasome anchors to neuronal membranes to become a signaling platform: moonlightner or hidden deceiver?

Within the nervous system, the proteasome system (PROS) has...

Intelligenza Artificiale al servizio dell’oncologia (II): adesso è il turno dei tumori cerebrali

Introduzione I tumori al cervello, sebbene rari, rappresentano una sfida...

Anemia falciforme: i disturbi del grasso sanguigno contribuiscono alle ischemie

Un articolo pubblicato su Experimental Biology and Medicine collega gli squilibri nel metabolismo delle lipoproteine ​​con eventi vaso-occlusivi in ​​pazienti con anemia falciforme (SCD). Lo studio, condotto dal Dr. Eric Soupene nel laboratorio del Dr. Frans Kuypers presso il Children’s Hospital Oakland Research Institute (CHORI) di Oakland, ha identificato i metaboliti delle lipoproteine ​​ad alta densità (HDL) nel plasma SCD che promuovono l’infiammazione e possono ridurre l’efficacia di terapie attuali. I globuli rossi nei pazienti con SCD contengono un’emoglobina mutata, la proteina che trasporta l’ossigeno in tutto il corpo. I pazienti con SCD presentano anche anomalie nel colesterolo plasmatico, nelle lipoproteine ​​e in altri componenti del plasma come proteina C-reattiva (PCR), mediatori dell’infiammazione, emoglobina libera ed eme. Nella SCD, i globuli rossi diventano rigidi e si attaccano alle pareti dei vasi sanguigni, impedendo la somministrazione di ossigeno a cellule e tessuti. Questi eventi ischemici sono ulteriormente esacerbati da anomalie nei componenti del plasma.

Il trattamento standard per gli eventi vaso-occlusivi è la sostituzione degli eritrocitii falciformi con globuli rossi normali. Tuttavia, la terapia di scambio RBC non normalizza le alterazioni dei componenti del plasma. Pertanto, la maggior parte del plasma presente dopo la terapia di scambio RBC formerà un ambiente proinfiammatorio che può ridurre l’efficacia del trattamento. Precedenti studi hanno dimostrato che l’ambiente pro-infiammatorio del sangue nei pazienti con SCD riduce l’attività delle lipoproteine ​​ad alta densità (HDL), la cosiddetta “buona” particella di colesterolo. Nel presente studio, il Dr. Soupene e colleghi hanno caratterizzato i metaboliti dell’HDL nel plasma SCD e il loro effetto sulla funzione delle cellule endoteliali. Il plasma SCD mostrava alterazioni nella distribuzione delle dimensioni, ma non nel livello totale delle particelle HDL. Il plasma SCD era impoverito della particella pre-β, che è essenziale per il trasporto inverso di colesterolo. Questa osservazione può parzialmente spiegare l’alterato contenuto di colesterolo nel plasma osservato nei pazienti con anemia falciforme

Le HDL isolate dal palsma SCD innalza i livelli della pentraxina-3 (PTX3), una proteina che è predittiva della lunghezza degli episodi infiammatori nelle cellule endoteliali di pazienti con SCD. L’aggiunta dell’emopexina (Hx), una proteina del plasma che rimuove l’eme ha bloccato la sintesi della PTX3 dal plasma SCD. Collettivamente, questi risultati collegano le alterazioni della lipoproteina alla patologia di SCD, suggerendo che la sostituzione di plasma e globuli rossi, trasfusione di sangue intero, potrebbe essere una terapia più efficace per eventi vaso-occlusivi. Secondo il Dr. Soupene, “la terapia di scambio RBC, un trattamento trasfusionale ben accettato dei pazienti con SCD, potrebbe dover essere rivalutato, sostituendo solo i globuli rossi sottovalutando le alterazioni di importanza nel compartimento del plasma”. Il team ha fornito una nuova importante visione sul trattamento degli episodi vaso-occlusivi. Dimostrano chiaramente una distribuzione dimensionale delle particelle di HDL nel plasma SCD che porta ad una maggiore risposta infiammatoria. Il loro lavoro punta a considerare la trasfusione di sangue intero, come alternativa alla terapia di scambio RBC, per trattare gli episodi ischemici.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Teixeira RS et al. PLoS One. 2017; 12(9):e0184076.

Soupene E et al. Exp Biol Med (Maywood). 2017.

Aleluia MM et al. Lipids Health Dis. 2017; 16(1):74.

Ephraim RK, Adu P et al. J Lipids. 2016; 2016:7650530. 

Latest

Proteasome anchors to neuronal membranes to become a signaling platform: moonlightner or hidden deceiver?

Within the nervous system, the proteasome system (PROS) has...

Intelligenza Artificiale al servizio dell’oncologia (II): adesso è il turno dei tumori cerebrali

Introduzione I tumori al cervello, sebbene rari, rappresentano una sfida...

Le Cucurbitacee: una vasta famiglia di frutti e verdure con straordinarie proprietà per la salute

Le piante della famiglia delle Cucurbitacee, come zucca, zucchino,...

Newsletter

Don't miss

Proteasome anchors to neuronal membranes to become a signaling platform: moonlightner or hidden deceiver?

Within the nervous system, the proteasome system (PROS) has...

Intelligenza Artificiale al servizio dell’oncologia (II): adesso è il turno dei tumori cerebrali

Introduzione I tumori al cervello, sebbene rari, rappresentano una sfida...

Le Cucurbitacee: una vasta famiglia di frutti e verdure con straordinarie proprietà per la salute

Le piante della famiglia delle Cucurbitacee, come zucca, zucchino,...

Geraniolo: l’alcol di molti aromi naturali e la sua azione protettiva contro la demenza senile

Nonostante le malattie cardiovascolari, il diabete e i tumori...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

How does tea protect lung health? Science facts to date

Chronic obstructive pulmonary disease (COPD) is characterized by chronic lung inflammation, which causes damage to the airways and lung parenchyma and leads to an...

Passione per i dolci? Niente sensi di colpa, c’è dietro un gene che la detta

Vi piacciono le robe dolci? Una variante genetica potrebbe spiegare perché. Cosa e quanto mangiamo non è sempre all'altezza delle scelte consapevoli. A volte,...

Il ruolo del microbiota intestinale nella patogenesi della sclerosi multipla: dal laboratorio ai pazienti

Il ruolo dello sbilanciamento della flora batterica intestinale (microbiota) nella comparsa e/o progressione della sclerosi multipla è un concetto abbastanza recente. I primi dati...