Emicrania: il nuovo fattore di rischio per infarto ed ictus

Sulla base delle loro scoperte, i ricercatori dell’Aarhus University Hospital in Danimarca e la Stanford University in California, affermano che l’emicrania dovrebbe essere considerata un fattore di rischio per le malattie cardiovascolari. Il coautore dello studio Henrik Toft Sørensen, del Dipartimento di Epidemiologia Clinica presso l’Aarhus University Hospital, e colleghi hanno recentemente riportato i loro risultati sul British Medical Journal. Come sottolinea la Migraine Research Foundation, l’emicrania non è solo un brutto mal di testa. Invece, è una condizione debilitante caratterizzata da un dolore ricorrente su uno o entrambi i lati della testa. L’emicrania può anche essere accompagnata da altri sintomi, tra cui vertigini, nausea, vomito, sensibilità alla luce e problemi visivi. Quando si verificano problemi visivi o di altro tipo, si parla di “emicrania con aura”. Si stima che l’emicrania colpisca circa 39 milioni di persone negli Stati Uniti. Gli attacchi di emicrania possono durare da 4 a 72 ore e oltre il 90% di coloro che soffrono di emicrania non è in grado di svolgere le proprie attività quotidiane come risultato. Ma secondo Sørensen e la squadra, l’emicrania può porre problemi più seri.

Ricerche precedenti hanno indicato che le persone con emicrania, soprattutto donne, possono avere maggiori probabilità di avere problemi cardiovascolari rispetto a quelli senza emicrania. Per lo studio, Sørensen e il suo team hanno voluto saperne di più sul legame tra emicrania e malattie cardiovascolari, che è un termine generico per le condizioni che influenzano il cuore e i vasi sanguigni, come ictus, infarto, fibrillazione atriale o frequenza cardiaca irregolare e insufficienza cardiaca. Gli scienziati hanno raccolto dati dal National Patient Registry del 1995-2013, che comprendeva 51.032 persone con emicrania. Per ogni persona con emicrania, la squadra ha abbinato 10 persone senza emicrania che avevano la stessa età e sesso. Ciò ha dato loro un totale di 510.320 soggetti senza emicrania. Rispetto a persone che non hanno avuto esperienza di emicrania, lo studio ha rivelato che le persone con emicrania avevano più probabilità di avere un infarto, ictus o fibrillazione atriale oltre 19 anni di follow-up. In dettaglio, i ricercatori hanno scoperto che 25 su 1.000 persone con emicrania hanno avuto un attacco di cuore, rispetto a 17 su 1.000 adulti senza emicrania. Per ogni 1.000 persone con emicrania, 45 hanno avuto un ictus ischemico – causato da un coagulo di sangue nel cervello – rispetto a 25 su 1.000 soggetti senza emicrania.

La fibrillazione atriale si è verificata in 47 su 1.000 persone con emicrania, rispetto a 34 su 1.000 persone senza emicrania. L’incidenza di insufficienza cardiaca è stata simile in entrambi i gruppi, riportano i ricercatori, e non è stato trovato alcun collegamento significativo tra emicrania e malattia delle arterie periferiche. Le donne con emicrania e persone con emicrania con aura hanno avuto i maggiori rischi di ictus, infarto e fibrillazione atriale e le associazioni erano più forti nel primo anno dopo la diagnosi di emicrania. Questi risultati sono rimasti dopo la correzione di un certo numero di fattori confondenti, come l’indice di massa corporea (BMI) e il tabagismo. Sorensen e il team osservano che il loro studio è puramente osservativo, quindi non sono in grado di dimostrare causa ed effetto tra emicrania e salute cardiovascolare. Tuttavia, credono che le loro scoperte, combinate con quelle di altri studi, indicano che l’emicrania dovrebbe essere considerata un fattore di rischio significativo per le malattie cardiovascolari. “Sebbene l’entità dell’aumentato rischio cardiovascolare associato all’emicrania fosse piuttosto piccola a livello individuale”, spiegano gli autori, “si traduce in un sostanziale aumento del rischio a livello di popolazione, perché l’emicrania è una malattia comune”.

Questi dati corroborano quelli pubblicati nel 2016 dalla collaborazione di un gruppo di ricerca tedesco ed uno americano. I team hanno analizzato i dati di 115.541 donne iscritte allo Studio sulla Salute degli Infermieri II (NHS 2). All’inizio dello studio, le donne erano tutte libere da angina e altre malattie cardiovascolari. 25-42 anni, la salute dei partecipanti è stata tracciata dal 1989 al 2011. Della coorte, 17.531 individui hanno riferito di emicranie all’inizio dello studio. Durante il follow-up, 1.329 eventi cardiovascolari con esperienza e 223 decessi per malattie cardiovascolari. Anche dopo aggiustamento per variabili confondenti, le donne con emicrania avevano un aumentato rischio di eventi cardiovascolari, inclusi attacchi cardiaci, angina e procedure di rivascolarizzazione coronarica. Nel complesso, il rischio di eventi cardiovascolari e ictus è stato del 50% più alto nelle donne che hanno avuto emicrania, rispetto a chi non l’ha fatto. Questo effetto era indipendente dall’età. I team di ricerca hanno anche scoperto che l’emicrania era associata a un più alto rischio di mortalità cardiovascolare. Anche una volta aggiustati fattori come il fumo, l’età, la terapia ormonale post-menopausale, l’ipertensione e l’uso di contraccettivi orali, l’effetto era ancora presente.

E si passa ad un altro distretto, dal cuore si sale al cervello. Un certo numero di studi ha indicato che le persone che soffrono di emicrania con aura, sono a maggior rischio di ictus. Per la nuova ricerca, la co-autrice Dr. Maria Lantz – del Dipartimento di Neuroscienze Cliniche presso Karolinska Institutet in Svezia – e colleghi hanno studiato se i fattori familiari potrebbero avere un ruolo nel possibile legame tra emicrania e ictus, Il team ha analizzato i dati dello Swedish Twin Registry, identificando più di 53.000 gemelli nati tra il 1935 e il 1958 o tra il 1959 e il 1985. Utilizzando i dati raccolti dai questionari di mal di testa, i ricercatori hanno scoperto che un totale di 8.635 gemelli ha sofferto di emicrania, di cui 5.082 avevano emicrania senza aura e 3.553 con aura. In 12 anni di follow-up, ci sono stati 1.297 incidenti da ictus tra i gemelli. Rispetto ai gemelli che non hanno avuto l’emicrania, i gemelli che hanno avuto l’emicrania con aura hanno avuto il 27% in più di probabilità di aver avuto un ictus durante il follow-up. Nessun aumento del rischio di ictus è stato trovato per i gemelli che hanno avuto emicrania senza aura, invece. Questi risultati sono rimasti dopo aver contabilizzato un numero di fattori di rischio di ictus, tra cui la pressione sanguigna e il tabagismo. È interessante notare che, conducendo un’analisi a due coppie, i ricercatori hanno identificato fattori familiari – come l’ambiente durante l’infanzia e fattori ereditari – che sembravano esacerbare il legame tra emicrania con aura e rischio di ictus.

Quanto esposto non deve allarmare chi soffre per natura di emicrania, non fosse altro per non aggiungere altra componente ansiosa. Ma adottare uno stile di vita che tolga fattori predisponenti alla condizione (dalle emozioni alla dieta), può salvare capre e cavoli….

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Pezzini A et al. Stroke. 2018 Mar;49(3):573-578. 

Adelborg K et al. BMJ. 2018 Jan 31; 360:k96.

Kurth T et al.  BMJ. 2018 Jan 31; 360:k275.

Lantz M et al. Brain. 2017 Oct;140(10):2653-2662. 

Lipton RB et al. Headache 2017; 57(10):1507-21.

Osler M et al. Clin Epidemiol. 2017; 9:439-449.

Buse DC et al. Headache. 2017 Jan; 57(1):31-44.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2484 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it