L’importanza del microbiota nella salute umana

Il 2 e 3 Novembre a San Diego, California, si terrà il secondo Congresso Mondiale sui Probiotici, dove accorreranno tutti i gruppi di ricerca che stanno studiando la flora batterica intestinale, il suo ruolo nella fisiologia e nella patologia umana. Centinaia di posters saranno affissi nei padiglioni ed i ricercatori del campo si scambieranno informazioni. Preziosissime informazioni, a giudicare dalla letteratura scientifica degli ultimi 5 anni, che vede lo sbilanciamento del microbiota intestinale come radice nascosta di patologie come il diabete, alcune sindromi autoimmuni fino ad arrivare all’obesità ed ai problemi metabolici ad essa correlati.

L’importanza della flora batterica intestinale è oramai centro di congressi internazionali, in cui i gruppi di ricerca si scambiano le continue sorprese di questo universo biologico. La International Scientific Conference su Probiotici e Prebiotici, a Budapest, si terrà dal 18 al 21 Giugno 2018. Altri congressi si terranno l’anno prossimo ad Amsterdam e a Pechino, per ulteriori aggiornamenti su questo affascinantissimo argomento, le cui informazioni ci permettono di capire come la simbiosi interna fra uomo e batteri sia alla base del mantenimento del benessere generale.

L'importanza del microbiota nella salute umana

In scala molto più contenuta, riservata ad un massimo di 100 partecipanti con finalità di formazione continua (ECM), sabato 4 Novembre l’Ordine dei Medici di Siracusa ospiterà nell’Aula Magna relatori che discuteranno sul tema “Microbiota: un nuovo player in patologia umana”. Pur non essendo aperto al pubblico, si aspetta il tutto esaurito per endocrinologi, medici di medicina di laboratorio, nefrologi, microbiologi, immunologi, internisti, geriatri, cardiologi ed altri colleghi di altre branche specialistiche. Infatti, fra gli argomenti spiccheranno anche il ruolo che la composizione batterica intestinale può avere nella comparsa di malattie a carico del sistema cardiovascolare, renale, epatico ed anche nervoso. Ultimissimi dati scientifici parlano, invero, anche di probabili correlazioni fra microbiota ed alcune malattie neurodegenerative.

D’altronde il corpo umano è uno solo, anche se le branche di specializzazione medica sono tante. E’ questo lo sforzo che si intende sottolineare nell’incontro: la cooperazione dei vari settori della medicina per la finalità ultima della salute.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.
Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2455 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it