Sintomi depressivi dopo comparsa di più condizioni morbose: studi e prospettive

Il calo dei tassi di mortalità e l’invecchiamento della popolazione hanno portato ad un aumento del numero di persone che vivono con due o più condizioni croniche. Quasi il 70% degli americani più anziani (di età pari o superiore a 65 anni) presenta patologie croniche multiple (MCC): due o più malattie di lunga durata e prive di risoluzione spontanea, con il 24,7% con 3 o più e l’11,5% con quattro o più. Le tariffe dei centri clienti sono simili in altre nazioni sviluppate; a livello globale, i modelli di multimorbidità nei paesi a basso e medio reddito sono paralleli a quelli dei paesi più ricchi. I costi medici per le persone con MCC rappresentano il 75% del budget annuale di 2 trilioni di dollari; simili impatti economici si riscontrano in altri paesi. I centri di controllo aumentano i costi ospedalieri delle cure ospedaliere perché comportano periodi di permanenza più lunghi. Fino a poco tempo fa, cronicità come il cancro, il diabete e le malattie cardiache erano principalmente studiate nei silos, sebbene alcuni studi si concentrassero su una singola condizione di “indice”, trattando altre condizioni come secondarie.

Di particolare preoccupazione, la depressione clinicamente diagnosticabile è da due a tre volte più alta tra le persone con qualsiasi malattia cronica rispetto agli individui senza malattia cronica e può raggiungere il 25% tra le persone con MCC (Katon, 2011). Tuttavia, l’associazione causale tra malattie fisiche croniche e depressione rimane poco chiara. Utilizzando i dati dello studio sulla salute e la pensione, Karakus e Patton (2011) hanno scoperto che le persone anziane con depressione avevano un rischio significativamente maggiore di sviluppare diabete, problemi cardiaci e artrite, ma non il cancro, durante un follow-up di 12 anni. Inoltre, una metanalisi di studi longitudinali nel 2013 ha rilevato che i sintomi depressivi sono associati a un rischio significativamente aumentato di diabete incidente. Altre ricerche focalizzate su singole malattie indicano che il rischio di sviluppare sintomi depressivi aumenta dopo una nuova diagnosi di cancro, diabete, ipertensione, malattie cardiache, artrite, malattie polmonari croniche o ictus cerebrale.

Ulteriori lavori precedenti dimostrano che mentre le malattie croniche sono associate ad un aumento dei sintomi depressivi, la maggior parte di questi effetti diminuisce con l’età, in modo che le persone che sviluppano malattie croniche all’inizio della vita riportano più sintomi depressivi, rispetto alle persone che sviluppano malattie croniche in età avanzata. Ancora altri studi forniscono prove di associazioni reciproche o bidirezionali tra malattie croniche e sintomi depressivi. Un’indagine del 2016 ha scoperto che il controllo della demografia e il numero di malattie croniche, la composizione delle malattie hanno influenzato il livello dei sintomi depressivi. Ad esempio, tra le persone che hanno solo due condizioni croniche, quelle con artrite-pneumopatia avevano punteggi dei sintomi depressivi significativamente più alti rispetto alle persone con malattie cardiache-ipertensione o diabete-ipertensione. Tra le persone con tre condizioni, quelle con artrite-cardiopatia-pneumopatia avevano punteggi dei sintomi depressivi significativamente più alti rispetto alle persone con artrite-ipertensione-cardiopatia, artrite-ipertensione-pneumopatia, artrite-ipertensione-diabete o cardiopatia-ipertensione-diabete.

Questi risultati evidenziano l’impatto della presenza di malattie croniche sui sintomi depressivi. Tuttavia, sollevano importanti domande sull’associazione tra il processo di transizione ad avere MCC (cioè l’inizio di diventare una persona con MCC) e sintomi depressivi. È possibile che tra le persone senza malattie croniche o quelle con una singola malattia cronica, la diagnosi di ulteriori malattie croniche porti a livelli più alti di sintomi depressivi. Ma è anche possibile che la diagnosi di solo alcune malattie porti a sintomi più depressivi. Questo problema ha importanti implicazioni cliniche, perché gli interventi preventivi progettati per limitare i sintomi depressivi possono essere meglio mirati. La diagnosi di una singola malattia cronica è stata concettualizzata come uno stress della vita, un evento che ha il potenziale per cambiare le aspettative che la persona ha per se stessa e il modo in cui viene percepito dalle altre persone. La diagnosi può richiedere un regime terapeutico complesso e può costringere la persona a confrontarsi con la sua mortalità.

La diagnosi può indurre la persona a fare cambiamenti nei comportamenti di salute come dieta, fumo ed esercizio fisico e può richiedere cambiamenti nelle routine quotidiane. L’evento della diagnosi del MCC può comportare una cascata di sfide, come la perdita di indipendenza e il controllo della propria vita o il declino cognitivo basato sulla malattia organica, entrambi i quali possono portare o migliorare la depressione. Inoltre, poiché le malattie croniche di solito vengono diagnosticate in sequenza, in diversi punti della vita di una persona, potrebbe anche essere che le persone si adattino a ciascuna malattia mentre si manifesta, rendendo la transizione ad avere più condizioni croniche non più stressanti della diagnosi di una singola condizione. In un recente studio di Chiu et al. (2017) hanno trovato quattro modelli di associazione: (1) sintomi depressivi elevati che sono peggiorati nel tempo dopo una diagnosi di malattie cardiache, artrite o ipertensione; (2) sintomi depressivi elevati non peggiorati nel tempo dopo una diagnosi di ictus, patologie polmonari, condizioni gastriche o epatiche; (3) nessun sintomo depressivo elevato dopo la diagnosi ma un aumento dei sintomi nel tempo per le persone con diabete.

Infine, (4) nessuna associazione significativa tra sintomi depressivi e diagnosi di cancro, il che sorprende le aspettative ed il senso comune. Di conseguenza, sono necessari ulteriori studi sull’impatto dell’insorgenza del MCC sui sintomi depressivi.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Skinner HG et al. BMC Health Serv Res 2016; 16(77).

Rotella F et al. J Clinical Psychiatry 2013; 74:31–37.

Karakus MC et al. J Behav Health Serv Res 2011; 38:373.

Katon WJ. Dialogues Clinical Neurosci 2011; 13:7–23.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2450 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it