Insufficienza di testosterone: serve la terapia sostitutiva? I dati delle recensioni

La carenza di testosterone ha ben noti effetti negativi sulla sessualità maschile e sulla qualità della vita. Le recenti linee guida di pratica clinica raccomandano la terapia sostitutiva con testosterone (TRT) per uomini adulti con bassi livelli di testosterone (uomini ipogonadici) con l’obiettivo di migliorare i sintomi e elevare i livelli di testosterone nell’intervallo medio normale per i giovani. Tuttavia, due grandi studi osservazionali hanno riportato un aumento del rischio di eventi cardiovascolari con l’uso di testosterone e gli Stati Uniti FDA e Health Canada hanno entrambi avvertito di un potenziale aumento del rischio di eventi cardiovascolari tra gli uomini che usano prodotti a base di testosterone. Le precedenti meta-analisi hanno riportato effetti positivi della TRT rispetto al placebo sulla qualità della vita, sulla depressione e su alcuni aspetti della funzione sessuale. Tuttavia, i risultati delle singole prove sono stati mescolati. Una meta-analisi del 2013 ha riportato un aumento del rischio di eventi cardiovascolari in una popolazione mista di uomini ipogonadici ed eugonadici.

Tuttavia, altri non hanno riscontrato un aumento del rischio di esiti cardiovascolari, inclusi infarto del miocardio, ictus o morte cardiovascolare. Un’ultima revisione di quest’anno ha analizzato la qualità degli studi clinici randomizzati (RCT) e studi non randomizzati con alcuni parametri rigorosi, ad es. nessuna considerazione per studi su 10 soggetti o meno; e durata del trattamento inferiore a 8 settimane. Il team di studio ha avuto come esito l’interesse per la qualità della vita, la depressione, la libido, la funzione erettile, le attività della vita quotidiana e il livello totale di testosterone (a 3 o 6 mesi, fine dello studio), nonché la morte cardiovascolare, l’infarto del miocardio, l’ictus, cancro prostatico, diabete, malattie cardiache ed eventi avversi gravi. I dati degli RCT sono stati inclusi per qualità della vita, depressione, libido, funzione erettile e attività quotidiane e livelli di testosterone. Lo screening finale ha portato a selezionare in totale 23 RCT (21 controllati con placebo, due controllati attivi) con 3090 partecipanti hanno valutato la qualità della vita.

Rispetto al placebo, il trattamento con qualsiasi testosterone ha migliorato significativamente la qualità della vita con una sostanziale eterogeneità. Per esplorare questa eterogeneità, sono stati esclusi gli RCT che hanno coinvolto uomini con importanti comorbilità. Dodici RCT (11 controllati con placebo, 1 controllato attivo) che coinvolgono 852 partecipanti randomizzati a nove trattamenti hanno valutato la depressione. Rispetto al placebo, il trattamento con qualsiasi ormone ha migliorato la depressione (n = 786; I2 = 44%). Nella meta-analisi della rete, la maggior parte dei singoli trattamenti ha migliorato significativamente la libido rispetto al placebo (6/10 trattamenti). Diciassette RCT (tutti controllati con placebo) che hanno coinvolto 3165 pazienti randomizzati a nove trattamenti hanno valutato la funzione erettile. Rispetto al placebo, il trattamento con qualsiasi ormone ha migliorato la funzione erettile, ma nella meta-analisi della rete non vi sono state differenze significative nella funzione erettile tra il placebo e i singoli trattamenti.

In totale, 26 e 23 RCT hanno riportato livelli totali di testosterone dopo 3 o 6 mesi di trattamento, rispettivamente. Dopo 3 o 6 mesi di trattamento, circa la metà dei trattamenti in ciascuna rete era associata a livelli di testosterone totale significativamente più alti rispetto al placebo. Dieci RCT hanno riportato l’insorgenza di decessi cardiovascolari durante il periodo di trattamento, mentre altri nove studi hanno riferito che non si sono verificati decessi cardiovascolari (18 RCT controllati con placebo). Rispetto al placebo tramite meta-analisi a coppie, non vi era alcuna differenza significativa nel rischio di morte cardiovascolare tra placebo e qualsiasi testosterone. Il carcinoma della prostata è stato segnalato da 10 NRS. In un ampio registro prospettico che coinvolge 1000 uomini ipogonadici di nuova diagnosi, non vi era alcuna differenza statisticamente significativa nel rischio di cancro alla prostata tra gli uomini che hanno usato testosterone o no.

Pertanto, nonostante più di 70 anni di uso clinico, TRT rimane un argomento controverso. Parte della controversia potrebbe essere il risultato di diverse azioni dei vari preparati di testosterone. Nel confronto diretto dei singoli trattamenti con testosterone, non abbiamo riscontrato differenze significative tra i prodotti nel loro effetto sulla depressione o sulla funzione erettile. Per la libido, il gel di testosterone (1%, 100 mg/giorno) era significativamente migliore rispetto al cerotto di testosterone (5 mg / giorno) e al TU orale (160 mg/giorno). La TU orale (160mg/die) era significativamente peggiore della maggior parte degli altri trattamenti nella rete, inclusa la TU orale a 120mg/die. La scoperta che una dose più bassa di TU orale era più efficace di una dose più alta era inaspettata. Se considerato come una classe (qualsiasi TRT rispetto al placebo), TRT ha migliorato la qualità della vita, la depressione, la funzione erettile e la libido; tuttavia, quando i singoli prodotti sono stati confrontati testa a testa, c’erano poche differenze tra i trattamenti.

E comunque, in caso di problemi correlati la priorità è rivolgersi allo specialista endocrinologo o andrologo, per evitare che ci si trovi di fronte a condizioni mediche reali e non semplici defaillances legate all’età.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Cheetham TC, et al. JAMA Intern Med 2017; 177:491

Morgentaler A et al. Mayo Clin Proc 2016; 91:881–96.

Guo C, Gu W et al. Exp Ther Med 2016; 11:853–63.

Morales A et al. CMA Journal 2015; 187:1369-1377.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2450 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it