domenica, Giugno 23, 2024

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Ansia, depressione e tiroidite autoimmune: le percentuali di relazione sono grosse

Depressione e ansia sono tra i più comuni disturbi psichiatrici in tutto il mondo. Nel 2016 oltre 260.000 pazienti sono stati ricoverati in ospedale per cure in Germania, secondo le statistiche dell’Ufficio Federale di Statistica. Vi è un forte legame tra depressione e ansia e tiroidite autoimmune (AIT), una condizione cronica della tiroide che colpisce circa il 10% della popolazione. Gli scienziati della Friedrich-Alexander-Universität Erlangen-Nürnberg (FAU) hanno dimostrato che un trattamento speciale può aiutare molti malati, specialmente le donne. Insieme al Prof. Dr. Johannes Kornhuber, Cattedra di Psichiatria e Psicoterapia alla FAU, e agli scienziati della Clinica Psichiatrica dell’Università di Bonn, la Dr.ssa Teja Wolfgang Grömer, medico a Bamberg e docente presso la cattedra di Psichiatria e Psicoterapia, ha ora dimostrato un forte legame tra depressione e disturbi d’ansia e tiroidite autoimmune.

“Nel corso degli anni, credo di essere stata consultata da diverse centinaia di persone che soffrono di depressione e ansia. Alla fine del 2015 ho notato una marcata connessione tra l’AIT e le altre due condizioni, specialmente nei pazienti che soffrivano di entrambi. Dopo aver compreso che più di una persona su due ha avuto diagnosi di ansia e depressione – e solo in questi casi, non in altre condizioni – è risultato positivo anche per gli anticorpi, ho deciso di approfondire la questione in modo più dettagliato”. Con l’aiuto dei coautori e uno studente di psicologia presso l’Università di Bamberg, Eva-Maria Siegmann, il Dr. Grömer ha elaborato una panoramica sistematica dello stato attuale della ricerca e calcolato la forza della connessione sulla base delle statistiche . Per il suo metastudio, il Dr. Grömer ha combinato 21 studi indipendenti basati su un totale di 36.174 partecipanti. 35.168 dei partecipanti hanno sofferto di depressione e 34.094 di ansia.

Il dott. Grömer sottolinea che “la maggior parte dei pazienti ha avvertito un senso di sollievo dopo aver ricevuto la diagnosi, poiché molto spesso erano stati lasciati senza alcuna spiegazione per i loro sintomi”. La tiroidite autoimmune causa un’infiammazione cronica della tiroide. Gli ormoni della tiroide influenzano il metabolismo e l’equilibrio energetico cellulare così come i livelli di energia percepiti e la psiche. L’AIT porta a specifici sintomi mentali, inclusi disordini interiori, tensione ed esaurimento. Le persone tendono a ammalarsi tra i 30 ei 50 anni, con le donne colpite molto più spesso degli uomini. Poiché la malattia si manifesta spesso nello stesso periodo della menopausa e tende a non causare alcun dolore, è facile perdere l’infiammazione della ghiandola tiroidea, o diagnosticare erroneamente come “sintomi della menopausa” o depressione o ansia da sola. Il fatto è che i calcoli hanno dimostrato che i pazienti con AIT hanno una probabilità 3,5 volte maggiore di soffrire di depressione, o 2,3 volte più probabilità di soffrire di ansia.

All’inizio non sembra molto, ma poiché tutti e tre i disturbi sono molto comuni, significa che i pazienti con AIT rappresentano oltre il 40% di tutti i casi di depressione e il 30% di tutti i casi di ansia. Il Dr. Grömer fornisce una descrizione dettagliata della malattia nel suo lavoro. L’articolo fornisce una spiegazione basata sulla ricerca approfondita della letteratura pertinente, che mostra come, se i medici riconoscono i legami tra i disturbi possono prescrivere un trattamento speciale e utilizzare antidepressivi che non influenzano il peso dei pazienti e il selenio fin dalle prime fasi. Garantire che i pazienti siano bene informati è fondamentale. Pertanto il Dr. Grömer raccomanda di selezionare tutti i pazienti con diagnosi di depressione e ansia per AIT, determinando quali anticorpi hanno nel sangue. Inoltre, nella futura ricerca psichiatrica sulla depressione o l’ansia, i malati di AIT dovrebbero essere riconosciuti come un gruppo separato al fine di gettare più luce sulle connessioni.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Bergink V et al. Psychol Med. 2018 Jun;48(8):1291-1298.

Kaine J et al. J Manag Care Spec Pharm. 2018 Apr 25:1-11.

Braz NFT, Rocha NP et al. J Clin Neurosci. 2018; 50:41-44.

Adawi M, Amital H et al. PeerJ. 2018 Mar 14;6:e4507. 

Lücke C et al. Ann Gen Psychiatry. 2018 Feb 8;17:7.

Latest

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Newsletter

Don't miss

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Gli acidi cheto-insaturi prodotti dal microbiota: i regolatori poco noti dell’immunità corporea

Il microbiota intestinale svolge un ruolo chiave nella digestione...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Sclerosi multipla: soluzioni antiossidanti, metaboliche e biomediche al vaglio

Sclerosi multipla, un nemico ben conosciuto la cui terapia si è da sempre avvalsa di steroidi, immunosoppressori e farmaci modificanti il decorso biologico (DMARDs)....

Scelta vegetariana: su che base proteggerebbe la salute del cuore?

Non è necessario mangiare carne per ottenere tutti i nutrienti necessari per una buona salute. Certamente la carne ha dei princìpi nutritivi che non...

Il thè verde nella prevenzione dei problemi riproduttivi femminili: il sommario di un’ultima recensione

Milioni di donne in tutto il mondo soffrono di disturbi riproduttivi benigni come fibromi, endometriosi, sindrome dell'ovaio policistico, adenomiosi e dismenorrea. Oltre il 65%...

Questo si chiuderà in 20 secondi