Due nuovi oncogeni che regolano lo sviluppo dei tumori cerebrali

Due geni svolgono ruoli importanti per la formazione del cancro cerebrale maligno. Un gene impedisce la formazione del tumore, mentre un altro gene promuove il tumore. Questo è mostrato in una nuova tesi di Mahmood Faraz, studentessa di dottorato presso il Dipartimento di Scienze delle Radiazioni dell’Università di Umeå, in Svezia. Spera che l’importanza dei geni per trattenere i tumori maligni possa essere importante a lungo termine per il trattamento del cancro. Nella sua dissertazione, la dott.ssa Faraz si è concentrata sui geni LRIG1 e LRIG2. Hanno il loro nome di ripetizioni ricche di leucina e proteine ​​di dominio simili a immunoglobuline. Il fatto che questi geni abbiano un ruolo nel cancro è noto sin da prima, ma i loro meccanismi molecolari non sono stati ancora chiariti.

Diversi gruppi di ricerca in tutto il mondo, hanno cercato per molti anni di spiegare questo meccanismo, ma finora senza successo. Sperimentando con i topi, il gruppo di ricerca di Håkan Hedman a Umeå ha dimostrato che il gene LRIG1 agisce come oncosoppressore, cioè il gene contrasta la formazione di tumori nel cervello dei topi. Dall’altro canto, l’altro gene studiato, LRIG2, sembra promuovere tumore cerebrale maligno. Nella tesi della dott.ssa Faraz, è stato dimostrato che l’effetto inibitorio del tumore del gene LRIG1 è in parte correlato ad altre proteine, le cosiddette tirosina chinasi del recettore (RTK). Queste proteine ​​sono recettori per i cosiddetti fattori di crescita; svolgono un ruolo chiave nello sviluppo dei tumori e possono contribuire a diversi tipi di cancro se non vengono inibiti.

LRIG1 inibisce la migrazione delle cellule tumorali cerebrali in parte attraverso uno specifico RTK chiamato c-MET. L’altro gene studiato, LRIG2, promuove un tumore modulando la segnalazione a valle di un altro RTK, il PDGFR-alfa. In un altro progetto, il Dr. Faraz è stato in grado di mostrare quali proteine che interagiscono con LRIG1 cambiano la sua funzione. Lui e il suo team hanno analizzato un enorme database chiamato BioPlex, eseguendo successivi esperimenti di trasfezione cellulare per trovare partner per LRIG1. Di un totale di circa 20 proteine ​​è stato dimostrato che quattro proteine ​​supportano LRIG1, ma otto proteine lo ​​inibiscono. Precedentemente solo uno di questi era descritto circa 20; ciò significa che la complessità della segnalazione cellulare nel cancro al cervello è ampia, ma i chiarimenti consentono migliori strategie terapeutiche. Il suo lavoro è ora pubblicato nel Journal of Biological Chemistry.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Faraz M et al. J Biol Chem. 2018 Mar 2; 293(9):3421-3435.

Malik U, Javed A. Curr Cancer Drug Targets 2017;17(1):3-16.

Xiao Q, Tan Y et al. PLoS One. 2014 Oct 29; 9(10):e111419.

Simion C et al. Endocr Relat Cancer 2014; 21(6):R431-43.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2484 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it