giovedì, Maggio 30, 2024

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Due nuovi oncogeni che regolano lo sviluppo dei tumori cerebrali

Due geni svolgono ruoli importanti per la formazione del cancro cerebrale maligno. Un gene impedisce la formazione del tumore, mentre un altro gene promuove il tumore. Questo è mostrato in una nuova tesi di Mahmood Faraz, studentessa di dottorato presso il Dipartimento di Scienze delle Radiazioni dell’Università di Umeå, in Svezia. Spera che l’importanza dei geni per trattenere i tumori maligni possa essere importante a lungo termine per il trattamento del cancro. Nella sua dissertazione, la dott.ssa Faraz si è concentrata sui geni LRIG1 e LRIG2. Hanno il loro nome di ripetizioni ricche di leucina e proteine ​​di dominio simili a immunoglobuline. Il fatto che questi geni abbiano un ruolo nel cancro è noto sin da prima, ma i loro meccanismi molecolari non sono stati ancora chiariti.

Diversi gruppi di ricerca in tutto il mondo, hanno cercato per molti anni di spiegare questo meccanismo, ma finora senza successo. Sperimentando con i topi, il gruppo di ricerca di Håkan Hedman a Umeå ha dimostrato che il gene LRIG1 agisce come oncosoppressore, cioè il gene contrasta la formazione di tumori nel cervello dei topi. Dall’altro canto, l’altro gene studiato, LRIG2, sembra promuovere tumore cerebrale maligno. Nella tesi della dott.ssa Faraz, è stato dimostrato che l’effetto inibitorio del tumore del gene LRIG1 è in parte correlato ad altre proteine, le cosiddette tirosina chinasi del recettore (RTK). Queste proteine ​​sono recettori per i cosiddetti fattori di crescita; svolgono un ruolo chiave nello sviluppo dei tumori e possono contribuire a diversi tipi di cancro se non vengono inibiti.

LRIG1 inibisce la migrazione delle cellule tumorali cerebrali in parte attraverso uno specifico RTK chiamato c-MET. L’altro gene studiato, LRIG2, promuove un tumore modulando la segnalazione a valle di un altro RTK, il PDGFR-alfa. In un altro progetto, il Dr. Faraz è stato in grado di mostrare quali proteine che interagiscono con LRIG1 cambiano la sua funzione. Lui e il suo team hanno analizzato un enorme database chiamato BioPlex, eseguendo successivi esperimenti di trasfezione cellulare per trovare partner per LRIG1. Di un totale di circa 20 proteine ​​è stato dimostrato che quattro proteine ​​supportano LRIG1, ma otto proteine lo ​​inibiscono. Precedentemente solo uno di questi era descritto circa 20; ciò significa che la complessità della segnalazione cellulare nel cancro al cervello è ampia, ma i chiarimenti consentono migliori strategie terapeutiche. Il suo lavoro è ora pubblicato nel Journal of Biological Chemistry.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Faraz M et al. J Biol Chem. 2018 Mar 2; 293(9):3421-3435.

Malik U, Javed A. Curr Cancer Drug Targets 2017;17(1):3-16.

Xiao Q, Tan Y et al. PLoS One. 2014 Oct 29; 9(10):e111419.

Simion C et al. Endocr Relat Cancer 2014; 21(6):R431-43.

Latest

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Newsletter

Don't miss

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Dall’ipertensione una speranza per la SM: la nimodipina

Nonostante il continuo interesse per la ricerca sulla sclerosi multipla (SM), c'è ancora una mancanza di strategie neuroprotettive, perché l'obiettivo principale è rimasto sul...

Diabete mellito tipo 1 e tipo 2: possono giovare di una dieta gluten-free?

Si ritiene che il consumo di glutine influenzi molti aspetti della salute umana e si ipotizza che contribuisca alla pandemia del diabete, in cui...

Esercizio e fame: è il calore che dice “basta mangiare”

Vi siete mai chiesti perché l'esercizio fisico intenso rallenta temporaneamente l'appetito? In una ricerca descritta nel numero di oggi di PLOS Biology, i ricercatori del College...

Questo si chiuderà in 20 secondi