Pesce e frutti di mare: per una migliore fertilità e sessualità

Il pesce è una fonte importante di proteine e altri nutrienti per le donne che sono o potrebbero rimanere incinte, ma le preoccupazioni sul mercurio hanno portato alcune donne ad evitare i pesci quando cercavano di concepire. Le coppie che mangiano più frutti di mare tendono ad avere rapporti sessuali più spesso e concepiscono un figlio più velocemente di altre coppie che cercano di concepire, secondo un nuovo studio pubblicato nel Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism. Secondo la Food and Drug Administration e l’Environmental Protection Agency, il 90% del pesce consumato negli Stati Uniti è a basso contenuto di mercurio e sicuro da mangiare. Sebbene le agenzie raccomandino da due a tre porzioni di pesce al mercurio inferiore a settimana, il 50% delle donne in gravidanza mangia ancora molto meno dell’importo raccomandato.

Nello studio prospettico di coorte, i ricercatori di Harvard hanno seguito per un anno 500 coppie provenienti dallo studio di Longitudinal Investigation of Fertility and the Environment (LIFE) del Michigan e del Texas. per determinare la relazione tra l’assunzione di pesce e il tempo alla gravidanza. I partecipanti hanno registrato il loro consumo di pesce e l’attività sessuale su giornali giornalieri. Audrey Gaskins, ScD, della Harvard School of Public Health di Boston, commenta: “Il nostro studio suggerisce che i frutti di mare possono avere molti benefici riproduttivi, inclusi tempi più brevi per la gravidanza e attività sessuali più frequenti. Abbiamo anche scoperto che le coppie che consumano più di due porzioni di pesce alla settimana, mentre cercava di procreare, aveva una frequenza significativamente più alta di rapporti sessuali e tempi più brevi per la gravidanza”.

I ricercatori hanno scoperto che il 92% delle coppie che mangiavano pesce più di due volte a settimana erano gravide alla fine di un anno, rispetto al 79% delle coppie che consumavano meno pesce. L’associazione tra frutti di mare e tempi più rapidi alla gravidanza non è stata completamente spiegata dall’attività sessuale più frequente, suggerendo che erano in gioco altri fattori biologici. Questi potrebbero includere effetti sulla qualità dello sperma, sull’ovulazione o sulla qualità dell’embrione. Gli acidi grassi omega-3 sembrano migliorare la fertilità femminile, anche se non è chiaro fino a che punto la contaminazione delle fonti alimentari condivise, come i pesci con alti livelli di sostanze tossiche ambientali, possa attenuare questo beneficio. Senza questo inconveniente, i frutti di mare sono ricchi di zinco, manganese, rame e selenio, che sono oligoelementi essenziali per la riproduzione cellulare e la difesa contro le tossine ambientali o lo stress ossidativo.

Dall’altra parte della medaglia, però, l’integrazione di antiossidanti non sembra offrire alcun beneficio alle donne sottoposte a trattamento dell’infertilità, ma sembra essere utile quando è il partner maschile che viene integrato. Infine, l’aderenza a diete sane che favoriscono frutti di mare, cereali integrali, frutta e verdura sono correlate a una migliore fertilità delle donne e ad una migliore qualità dello sperma negli uomini. La ricerca sottolinea l’importanza non solo della dieta femminile, ma anche maschile, al momento della gravidanza e suggerisce che entrambi i partner dovrebbero incorporare più frutti di mare nella loro dieta per il massimo beneficio di fertilità. Mentre un quadro completo del ruolo dell’alimentazione sulla fertilità è lontano dall’essere completo, sono stati fatti molti progressi. Le lacune più salienti nelle prove attuali comprendono la considerazione congiunta di diete femminili e maschili, verificando poi i risultati più coerenti in trials clinici randomizzati.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Gaskins AJ. Fertil Steril. 2018 May; 109(5):783.

Bouga M et al. Proc Nutr Soc. 2018 Apr 29:1-12.

Braarud HC et al. Nutrients. 2018 Apr 24; 10(5).

Gaskins A et al. Am J Obstet Gynecol. 2018; 218(4):379.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2486 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it