domenica, Giugno 23, 2024

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Allattamento e tumore al seno: precauzioni ed opzioni

Le donne che allattano al seno sono spesso acutamente consapevoli di come si sentono i loro seni, quindi di solito noteranno qualsiasi cambiamento fisico. È comune trovare grumi del seno durante l’allattamento, che può portare le donne a preoccuparsi del cancro al seno. Le donne che sanno di avere un tumore al seno sono suscettibili di avere preoccupazioni circa la sicurezza dell’allattamento al seno e potrebbero chiedersi se il loro trattamento antitumorale possa influenzare il bambino. È possibile sviluppare il cancro al seno durante l’allattamento al seno di un bambino, ma è raro. Le donne che allattano al seno rappresentano il 3% dei casi di cancro al seno. Secondo il National Cancer Institute, alcune ricerche suggeriscono che il rischio di cancro al seno è temporaneamente più alto negli anni successivi alla gravidanza e al parto. Questo aumento del rischio può essere il risultato di cambiamenti ormonali durante la gravidanza.

Nel complesso, tuttavia, l’allattamento al seno riduce il rischio di cancro al seno, soprattutto nelle donne in pre-menopausa. I mesi di gravidanza e allattamento al seno ridurranno il numero di cicli mestruali che una donna ha nella sua vita. Ciò ridurrà la sua esposizione agli ormoni che possono aumentare il rischio di alcuni tumori. Nonostante il basso rischio, le donne dovrebbero parlare con un medico se hanno dubbi sulla salute del seno. Diversi fattori possono rendere più difficile per le donne in allattamento una diagnosi di cancro al seno. L’allattamento al seno può causare problemi molto simili ai sintomi del cancro al seno. I medici possono non pensare di testare una donna per cancro se trova un nodulo mentre allatta al seno in quanto vi sono altre possibili cause. La mammografia e gli ultrasuoni del seno hanno maggiori probabilità di dare un risultato falso positivo o inconcludente durante l’allattamento.

Ci sono molte altre condizioni oltre al cancro al seno che possono causare un nodulo al seno durante l’allattamento. Questi includono:

Ingorgo

Nelle prime settimane di allattamento al seno, è normale che il seno diventi troppo pieno di latte, facendoli sentire grumoso e a disagio. Questo è chiamato ingorgo o congestione, che è comune durante le prime fasi dell’allattamento al seno, ma può verificarsi quando c’è un drenaggio incompleto del seno. I sintomi della congestione dovrebbero andare via mentre il seno è vuoto. La condizione può anche attenuarsi nel tempo poiché il corpo della donna si adatta alla domanda di latte del bambino.

Condotti ostruiti

Speciali cellule del seno producono il latte prima di viaggiare in piccoli condotti ai capezzoli. Se il drenaggio del latte è troppo raro o il latte si addensa, può ostruire il condotto. Questo può portare a latte intrappolato nel tessuto mammario, che può formare un grumo irritato. Nella maggior parte dei casi, frequenti allattamento al seno, massaggio al seno e impacchi caldi possono aiutare a risolvere un dotto ostruito.

Mastite

La mastite è l’infiammazione o l’infezione del seno. È più probabile che si verifichi dopo ingorgo o un condotto ostruito. Se il latte si blocca nel seno, le proteine ​​del latte si accumulano e alla fine iniziano a penetrare nel tessuto circostante. Oltre a un nodulo, la mastite può causare arrossamento al seno, febbre, brividi e malessere. Una donna con mastite dovrebbe continuare ad allattare. L’allattamento al seno può aiutare a drenare il latte intrappolato dal tessuto, che è il modo migliore per alleviare i sintomi.

Ascesso

Un ascesso è una complicanza rara ma pericolosa di mastite non trattata. È uno dei modi in cui il corpo si occupa di un’infezione per impedirne la diffusione in tutto il corpo. Il centro di un ascesso contiene una tasca di pus e batteri. Una volta che si forma un ascesso, il tessuto infetto nel centro non può sfuggire. Un ascesso ha bisogno di cure mediche urgenti e il trattamento includerà il drenaggio e gli antibiotici. Chiunque pensi di avere un ascesso dovrebbe parlare con un medico il più presto possibile.

Cisti mammarie

Piccole cisti, note come galattocele, possono talvolta formarsi nel seno. Contengono latte e possono andare e venire a seconda della quantità di latte prodotta. Questi non sono solitamente dolorosi e scompariranno una volta completata l’allattamento.

Può una donna allattare se ha il cancro al seno?

L’allattamento al seno durante il trattamento del cancro può essere possibile, ma è essenziale parlare con un medico prima e durante il processo di trattamento. Un medico può consigliare se l’allattamento al seno deve essere continuato dopo una diagnosi di cancro. Nella maggior parte dei casi, il medico raccomanderà che una donna smetta di allattare dopo una diagnosi di cancro al seno. Molte terapie contro il cancro al seno possono influire sull’offerta di latte di una donna o avere un impatto negativo sul bambino. Il medico aiuterà a determinare quale trattamento è meglio per un individuo con tumore al seno, in quanto questo può variare da persona a persona. La chirurgia può essere necessaria per rimuovere un nodulo o una crescita cancerosa. L’estensione dell’intervento determinerà se l’individuo può continuare o meno l’allattamento al seno. In caso di opzione chemioterapica, le donne saranno fermate per l’allattamento al seno.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Latest

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Newsletter

Don't miss

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Gli acidi cheto-insaturi prodotti dal microbiota: i regolatori poco noti dell’immunità corporea

Il microbiota intestinale svolge un ruolo chiave nella digestione...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Acido oleico: l’acido grasso che condiziona l’infiammazione e l’immunità in molti modi

Introduzione Nel 2010 la Dieta Mediterranea è stata riconosciuta Patrimonio Culturale Immateriale dell'Umanità dall'UNESCO. Inoltre, nel 2012, è stata inserita dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per...

PCOS pill: the new drug “shoots” fertility back to order

Polycystic ovarian syndrome (PCOS) is very common in girls and women of reproductive age and is a major cause of female subfertility. While no...

Consumo di carne rossa e rischio diabete: l’ennesima ricerca conferma di moderare certe abitudini alimentari

Con una prevalenza in rapido aumento, il diabete di tipo 2 è diventato una condizione sanitaria epidemica in tutto il mondo. A livello globale,...

Questo si chiuderà in 20 secondi