Diabete: è possibile controllarlo con la dopamina dal cervello?

Mentre curavano un uomo di 53 anni con disturbo ossessivo compulsivo stimolando il suo tessuto cerebrale tramite elettrodi impiantati, un team di medici olandesi si è imbattuto in un potenziale trattamento per il diabete di tipo 2. I ricercatori ritengono che la “stimolazione cerebrale profonda” abbia aumentato la dopamina del paziente, un neurotrasmettitore noto per il suo ruolo nella gioia e piacere. Ciò ha di conseguenza migliorato la sua sensibilità generale all’insulina, riducendo la sua insulino-resistenza. L’inversione della resistenza all’insulina è un componente chiave di gestione e vivere bene con il diabete di tipo 2. Questa forma si sviluppa quando il corpo fa fatica a produrre quantità adeguate di insulina per soddisfare le richieste metaboliche; o quando il proprio corpo non è in grado di utilizzare correttamente l’insulina prodotta. L’insulino-resistenza è il risultato di una combinazione complessa di genetica, cattive abitudini alimentari, inattività e, a volte, aumento di peso. I ricercatori in questo nuovo studio suggeriscono che l’aumento dell’attività della dopamina migliora direttamente la capacità del corpo di processare lo zucchero – la sfida esatta con cui qualcuno con il diabete di tipo 2 può avere difficoltà. Studi condotti su topi hanno dimostrato che la dopamina rilasciata dai neuroni nella stessa regione di decisione generale che hanno stimolato, chiamata striato ventrale, svolge un ruolo chiave nella regolazione del glucosio in tutto il corpo.

Mireille Serlie, endocrinologa presso l’Academic Medical Center nei Paesi Bassi, ha creato un esperimento da confrontare con i risultati originali del paziente di 53 anni. Ha somministrato a 10 uomini sani un farmaco che riduceva i loro livelli di dopamina e la loro sensibilità all’insulina. I ricercatori hanno anche usato un dispositivo laser per stimolare ulteriormente l’attività delle cellule viventi, causando alle cellule cerebrali il rilascio di più dopamina. Ciò ha determinato il tasso di assorbimento delle cellule e il corretto utilizzo del glucosio. I risultati hanno dimostrato che la segnalazione della dopamina svolge un ruolo chiave nel processo complessivo di metabolizzazione del glucosio. Il Dr. Alex Reeves, neurologo ed ex professore di Neurologia alla Dartmouth Medical School, afferma che i risultati dello studio non sono così impressionanti come sembrano. Ha spiegato a fondo: “La dopamina è un antinfiammatorio. Blocca il fattore di necrosi tumorale, che, in eccesso, causa resistenza all’insulina proprio come altre citochine. La dopamina è solo una delle molte cose nel corpo che possono avere questo effetto sull’insulino-resistenza. E troppo di qualsiasi neurotrasmettitore, inclusa la dopamina, non è buono. Si ha bisogno di neurotrasmettitori nella loro quantità minima necessaria per funzionare. Il glutammato, ad esempio, è il neurotrasmettitore responsabile dell’invio di segnali dal cervello a ogni altra parte del corpo. È essenziale per la funzione cerebrale. Ma in eccesso uccide i neuroni, come succede in alcune malattie neurodegenerative”.

Tuttavia, i ricercatori hanno pensato che questi dati non si traducessero in un trattamento universale per le persone con diabete, perché la quantità di insulina che una persona con diabete di tipo 2 produce ancora può variare notevolmente da persona a persona. Se la funzione delle cellule beta per qualcuno è troppo estrema, i livelli aumentati di dopamina potrebbero semplicemente avere un impatto limitato sulla capacità complessiva del loro corpo di processare il glucosio. Reeves ha notato che troppa dopamina può facilmente avere l’effetto opposto sulla sensibilità all’insulina. “Con i malati di Parkinson, se li tratti con dopamina a lungo termine, i loro livelli di insulina alla fine triplicano. Quindi, questa non è davvero una soluzione per il diabete; inoltre, l’infiammazione è un problema critico nel diabete di tipo 2. Ad esempio, la bromocriptina è un farmaco che aumenta l’attività della dopamina e viene prescritto per il trattamento di molte patologie, incluso il diabete di tipo 2. Tuttavia, prescrivendolo alle persone con diabete, si trascura in primo luogo ciò che sta effettivamente creando la grave insulino-resistenza. Allora, che cosa possiamo fare per migliorare la sensibilità all’insulina? Non assumendo certo farmaci come i FANS (antinfiammatori) o derivati della dopamina. Adottate una dieta anti-infiammatoria, fate esercizio che aumenta cose buone come i fattori di crescita e endorfine nel cervello, limitate l’alcol, togliete le statine che hanno dimostrato nella ricerca di aumentare l’incidenza del diabete di tipo 2 del 50% e smettete di fumare.

Reeves raccomanda la dieta antinfiammatoria di Andrew Weils come guida. Questa è quasi sovrapponibile alla nostra dieta Mediterranea o alla famosa dieta Paleo, che recentemente si è evoluta nel Protocollo della dieta autoimmune.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Sharma S, Taliyan R. Behav Brain Res. 2018; 351:17-23.

Ter Horst HV et al. Sci Transl Med. 2018 May 23; 10(442).

Renaud J et al. Neurobiol Aging. 2018 May; 69:117-128.

Underland LJ et al. Indian J Crit Care Med. 2018; 22(4):209.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2486 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it