Trombosi venosa: il sospetto di un tumore nascosto si fa forte

Trombosi venosa: il sospetto di un tumore nascosto si fa forte

I pazienti con il tipo più acuto di trombosi alla gamba – nota come trombosi arteriosa – rischiano di sviluppare malattie che sono molto peggiori del coagulo sanguigno stesso. Il rischio di sviluppare il cancro durante i primi sei mesi dopo il coagulo è tre volte maggiore del normale. Ciò è dimostrato da uno studio basato sui registri che il medico e il dottor Jens Sundbøll hanno recentemente pubblicato sulla rivista Circulation. Jens Sundbøll è impiegato presso il Dipartimento di Epidemiologia Clinica, che fa parte del Dipartimento di Medicina Clinica presso l’Università di Aarhus e l’Ospedale dell’Università di Aarhus. Nello studio, Jens Sundbøll osserva che il rischio di cancro aumenta continuamente ma diminuisce di forza nel tempo. Dopo i primi sei mesi con un rischio aumentato di 3 volte rispetto a un gruppo di controllo senza coaguli di sangue, cade nei prossimi sei mesi a “solo” un aumento del rischio del 40%. Una volta che il primo anno dopo il coagulo di sangue è passato, il rischio di cancro aumenta continuamente del 15%.

Sono soprattutto, ma non solo, le forme di cancro legate al fumo che si manifestano dopo la trombosi arteriosa. Il rischio è più alto per il cancro del polmone e del pancreas, entrambi legati al fumo. Tuttavia, altre forme di cancro come il cancro del colon e la leucemia sono anche sovrarappresentate. Con le cifre relative elevate, si dovrebbe tenere a mente che le trombosi arteriose sono relativamente rare con 1,5 casi ogni 10.000 persone all’anno, rispetto a 5-10 casi ogni 10.000 all’anno per trombosi venosa profonda. Mentre un normale coagulo venoso fa gonfiare la gamba, contrarsi e diventare calda e rossa, le caratteristiche del coagulo arterioso sono quasi l’opposto. Vale a dire che la gamba diventa pallida e fredda. Come dice Jens Sundbøll, i casi in cui i medici incontrano un coagulo di sangue arterioso sono quelli in cui devono ricordare le cinque P: pallore, polso assente, peso doloroso, paresi / paralisi e parestesia.

Se la trombosi arteriosa non viene trattata correttamente entro un breve periodo di tempo, il paziente generalmente perde una gamba. Pertanto, il ricovero in ospedale in connessione con il coagulo di sangue arterioso, è un’occasione ovvia per interrogare i pazienti sui primi segni dei vari tumori che i coaguli di sangue arterioso sono ora indicati come marker. È noto che il trattamento precoce è cruciale per la prognosi di molti tipi di cancro, e i risultati di questa ricerca mostrano che una trombosi arteriosa alla gamba è associata ad un aumentato rischio di cancro allo stesso grado di una trombosi venosa profonda – entrambi assolutamente e relativamente parlando. Questa è una scoperta importante, che i clinici dovrebbero integrare nelle loro deliberazioni.

La ricerca si basa sui 6.600 danesi ai quali è stato diagnosticato un coagulo di sangue arterioso alla gamba durante il periodo 1994-2013. Di questi, 772 sono stati diagnosticati con cancro durante il ventennio. Lo studio è stato condotto confrontando il numero di casi di cancro in pazienti con coaguli di sangue arterioso nella gamba con il numero di casi di cancro nella popolazione generale. I dati del registro nazionale dei pazienti danese sono stati utilizzati per identificare i pazienti con coaguli di sangue e il registro del cancro danese è stato utilizzato per seguire i pazienti per cancro. In un contesto di ricerca, il fatto che i pazienti oncologici abbiano un rischio significativamente maggiore di coaguli di sangue è ben consolidato. Si può quindi chiedere se si tratti del cancro attivo, non diagnosticato, che causa il coagulo di sangue arterioso alla gamba, o se il coagulo di sangue facilita la formazione di un tumore latente. La risposta è che non è noto.

L’ospedalizzazione per una trombosi arteriosa alla gamba è un’ovvia opportunità per effettuare uno screening opportunistico per il cancro, che dovrebbe essere considerato, proprio come per i pazienti che presentano una trombosi venosa profonda. Lo scorso Gennaio è stato pubblicato uno studio che ha associato la comparsa di ictus cerebrale alla presenza di una neoplasia nascosta (vedere nell’archivio: “Ictus? Forse c’è un tumore nascosto, svela nuovo studio”). L’ipotesi che i tumori guidino la comparsa di ictus, trombosi e forse anche gli infarti cardiaci è estremamente rivoluzionaria. Sposterebbe la bilancia delle maggiori cause di morte da cardiopatie a neoplasie. Piastrine del sangue e fattori di coagulazione cambiano nei pazienti oncologici; inoltre, il sangue ha una maggiore tendenza a formare coaguli in pazienti oncologici. Questo è il motivo per cui gli scienziati pensano che sia probabile che un cancro non rilevato si manifesti attraverso una trombosi arteriosa dell’arto inferiore. 

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Sundbøll J et al., Sørensen HT. Circulation. 2018 Mar 14.

Adelborg K et al. Thromb Res. 2018 Jan; 161:106-110. 

Quintas S, Rogado J., et al. J Neurooncol. 2018 Jan 8.

Sundbøll J et al. Int J Cardiol. 2017 Aug 15; 241:182-187.

Jiang H et al. Med Sci Monit. 2017 May 15; 23:2292-98.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 826 Articoli
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998. Specialista in Biochimica Clinica nel 2002. Dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hiopkins University, dal 2004 al 2008. Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata. Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sul sito salutesicilia.com.