sabato, Luglio 20, 2024

Le allergie ai legumi: dai più comuni ai meno impiegati, cambiando i tempi cambiano anche le prospettive

Crescente popolarità degli alimenti a base vegetale I legumi sono...

Caffé in clinica: può essere utile per gestire o prevenire la policistosi ovarica? Uno studio di caso-controllo

Le donne con ovaio policistico (PCOS) spesso soffrono di...

Lipoproteins and cardiovascular risk: how to manage the situation with old and new opportunities

What are lipoproteins? Dietary lipids are digested within the gastrointestinal...

Autismo: entreranno gli antiossidanti come integratori pediatrici?

Gli antiossidanti e lo stress ossidativo possono partecipare ai meccanismi patobiochimici dei disturbi dello spettro autistico (ASD). Un team di ricerca della Tabriz University of Medical Sciences, Tabriz, Iran, ha indagato sugli effetti dell’integrazione di coenzima Q (CoQ10) sullo stress ossidativo nei bambini con ASD. In questo studio sono stati inclusi novanta bambini con ASD, basati sui criteri del DSM-IV e utilizzando i punteggi CARS (Childhood Autism Rating Scale). Le concentrazioni di CoQ10, MDA (marker ossidante), dosaggio dello stato antiossidante totale (TAS) e attività degli enzimi antiossidanti (superossido dismutasi o SOD e glutatione perossidasi o GPx) sono state determinate nel siero prima e dopo 100 giorni di terapia di supporto con CoQ10 a dosi giornaliere di 30 e 60 mg. I dati sul comportamento dei bambini sono stati raccolti da genitori e babysitter. La terapia di supporto CoQ10 è stata determinata dopo tre mesi; una dose giornaliera di 2x30mg ha migliorato lo stress ossidativo nei bambini con ASD. È stata osservata una relazione tra la MDA e la TAS sierica, e l’attività degli enzimi antiossidanti SOD e GPx e il punteggio CARS. Sulla base dei risultati, alte dosi di CoQ10 possono migliorare i problemi gastrointestinali (P = 0.004) e disturbi del sonno (P = 0.005) nei bambini con ASD con un aumento del CoQ10 del siero. Il team ha concluso che la concentrazione sierica di CoQ10 e lo stress ossidativo potrebbero essere utilizzati come markers rilevanti per aiutare il miglioramento dei bambini con ASD.

Ma il coenzima Q non è la sola molecola antiossidante che è stata sottoposta ad indagine. Qualche anno fa è stata studiata l’acetilcisteina, un precursore del glutatione (GSH), che fatto riportare risultati incoraggianti. Un’altra molecola naturale del corpo, la carnosina, agisce come agente antiossidante, antitossico e neuroprotettivo. Per cui un gruppo di ricercatori della Jundishapour University of Medical Sciences, Ahvaz, Iran, ha esaminato gli effetti dell’integrazione di carnosina sui disturbi del sonno e la gravità dei sintomi principali dell’autismo nei pazienti autistici. In questo trial clinico randomizzato in doppio cieco, 43 pazienti autistici (31 maschi e 12 femmine, di età compresa tra 4 e 16 anni) sono stati divisi in due gruppi di carnosina e controllo che hanno ricevuto 500 mg di carnosina e 500 mg di placebo al giorno per 2 mesi, rispettivamente. I disturbi del sonno sono stati misurati utilizzando questionari sulle abitudini di sonno dei bambini. Gilliam Autism Rating Scale 2 è stato utilizzato per valutare gli effetti dell’integrazione di carnosina sulla gravità dell’autismo. La supplementazione di carnosina non ha modificato gli indici antropometrici (p> 0,05) e non ha mostrato alcun effetto sulla gravità dell’autismo (p> 0,05), mentre ha ridotto significativamente la durata del sonno, le parasonnìe e il punteggio totale dei disturbi del sonno del 7,6% rispetto al gruppo di controllo. I risultati suggeriscono che l’integrazione di carnosina potrebbe essere efficace nel migliorare i disturbi del sonno, in particolare la durata del sonno e i sottotipi delle parasonnìe.

La conclusione clinica derivata da trials clinici più estesi potrebbe far entrare questi integratori antiossidanti nella terapia di mantenimento dei piccoli pazienti pediatrici, riducendo le dosi dei farmaci in uso e migliorandone la qualità della vita.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Mehrazad-Saber Z et al. Basic Clin Pharmacol Toxicol. 2018; 123(1):72-77.

Mousavinejad E Ghaffari MA. Psychiatry Res. 2018 Jul; 265:62-69.

Gvozdjáková A, Kucharská J. Oxid Med Cell Longev. 2014;2014:798957.

Latest

Le allergie ai legumi: dai più comuni ai meno impiegati, cambiando i tempi cambiano anche le prospettive

Crescente popolarità degli alimenti a base vegetale I legumi sono...

Lipoproteins and cardiovascular risk: how to manage the situation with old and new opportunities

What are lipoproteins? Dietary lipids are digested within the gastrointestinal...

Metodiche ecografiche per la diagnosi e la gestione temporale del tumore epatico

Il carcinoma epatocellulare (CEP) è un tumore maligno primario...

Newsletter

Don't miss

Le allergie ai legumi: dai più comuni ai meno impiegati, cambiando i tempi cambiano anche le prospettive

Crescente popolarità degli alimenti a base vegetale I legumi sono...

Lipoproteins and cardiovascular risk: how to manage the situation with old and new opportunities

What are lipoproteins? Dietary lipids are digested within the gastrointestinal...

Metodiche ecografiche per la diagnosi e la gestione temporale del tumore epatico

Il carcinoma epatocellulare (CEP) è un tumore maligno primario...

Acido folico nella biologia e nella pratica: per l’anemia, la riproduzione e non solo

L’acido folico è una vitamina del gruppo B che...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Alzheimer: trovato come impedire la diffusione ai neuroni

Le persone che vivono con l'Alzheimer potrebbero presto beneficiare di nuovi farmaci che possono impedire alla malattia di diffondersi in tutto il cervello. Una...

Le bevande Fervida: l’ennesimo esempio dell’impatto dei prodotti fermentati sulla salute umana

Prodotti fermentati e salute imana I prodotti fermentati più conosciuti al mondo sono sicuramente lo yogurt ed il kefir della tradizione caucasica. Ma ogni regione...

Succo di arancia rossa: ottimo tal quale ed anche fermentato

L'obesità è un problema in costante crescita a causa dei sempre peggiori stili alimentari che stanno prendendo piede. La recente scoperta che l'arancia rossa potrebbe contrastare questo fenomeno,...

Questo si chiuderà in 20 secondi