martedì, Maggio 28, 2024

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

In analogia all’emofilia: anche per le porpore immuni e -non, entra l’uso dell’enzima mancante ricombinante

Un team guidato da ricercatori del Massachusetts General Hospital,...

Bypass gastrico: attenzione alla possibilità di aumentato rischio di fratture

Uno studio pubblicato nel Journal of Bone and Mineral Research mostra che il rischio di fratture aumenta di circa il 30% dopo un’operazione di bypass gastrico. È stato anche scoperto che le cadute aumentano dopo queste operazioni. Lo studio si basa sui record di 38.971 pazienti sottoposti a interventi di bypass gastrico, di cui 7.758 hanno avuto il diabete e 31.213 no. Coloro che avevano avuto l’operazione sono stati confrontati con un gruppo altrettanto ampio di individui che non erano stati operati e che avevano i dati di morbidità e di sfondo equivalenti. Indipendentemente dallo stato del diabete, coloro che erano stati operati avevano un aumento del rischio di fratture del 30%. Gli individui senza diabete avevano un aumentato rischio del 32% e quelli con diabete avevano un rischio aumentato del 26%. L’aumento del rischio si applica alle fratture in generale, ad eccezione della parte inferiore della gamba. Dopo l’intervento, le fratture della parte inferiore della gamba si sono verificate meno frequentemente. I risultati corrispondono bene a precedenti ricerche sul campo, ma lo studio attuale è statisticamente più forte a causa delle sue dimensioni.

I dati sono anche più equivalenti dal momento che i ricercatori si sono concentrati sul metodo dominante di chirurgia dell’obesità, bypass gastrico ed escludono altre forme. Con le operazioni di bypass gastrico, la maggior parte dello stomaco e parte dell’intestino tenue vengono rimossi. Il cibo va direttamente nell’intestino tenue anziché passare attraverso l’intero stomaco, il che aumenta la sensazione di essere sazi. La persona mangia meno e il consumo di nutrienti diminuisce portando alla perdita di peso. L’ipotesi più comune del meccanismo alla base dell’aumento della frattura dopo l’intervento chirurgico all’obesità è stata la perdita di peso e lo scheletro si indebolisce con il minor carico. Lo studio non ha mostrato una relazione tra il tasso di frattura e il grado di perdita di peso. Utilizzando modelli di parametri flessibili, il rischio di fratture sembra aumentare con il tempo. Anche il rischio di lesioni da caduta senza frattura è aumentato dopo bypass gastrico. Una maggiore perdita di peso o una scarsa integrazione di calcio e vitamina D dopo l’intervento chirurgico non erano associati ad un aumentato rischio di fratture.

In conclusione, la chirurgia di bypass gastrico è associata ad un aumentato rischio di frattura, che sembra aumentare con il tempo e non associato al grado di perdita di peso o di integrazione di calcio e vitamina D dopo l’intervento chirurgico. Un aumento del rischio di lesioni da caduta è stato osservato dopo l’intervento chirurgico, che potrebbe contribuire ad aumentare il rischio di fratture. La domanda sul perché le persone che hanno avuto operazioni cadono più spesso, con o senza fratture di conseguenza, non ha ancora una risposta chiara. Mattias Lorentzon, professore di geriatria all’Accademia Sahlgrenska, Università di Göteborg, Svezia, e Primario dell’Ospedale universitario, conclude: “Il bypass gastrico è un metodo consolidato che si è dimostrato efficace nel ridurre l’obesità, il diabete e la mortalità, così naturalmente il nostro i risultati non significano che si dovrebbe smettere di fornire questi tipi di operazioni. Il fatto che il rischio di fratture aumenta e sembra anche aumentare nel tempo significa che sarà importante seguire i pazienti, valutare il rischio di fratture e, quando richiesto, istituire misure per prevenire le fratture”.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Axelsson KF et al., Lorentzon M. J Bone Miner Res. 2018 Jul 16.

Fashandi AZ et al. Surg Endoscopy 2018 Jun; 32(6):2650-55.

Higgins SC, Papasavvas G. Arch Osteoporos. 2018 May 2;13(1):51.

Corbeels K et al., Van der Schueren B. Bone Rep. 2018; 8:57-63.

Latest

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...

Newsletter

Don't miss

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...

L’emergenza internazionale della febbre dengue: e la corsa ai nuovi vaccini prosegue

La dengue è una malattia trasmessa da vettori attraverso...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

COVID-19: la comparsa di nuove varianti, la diffusione e l’efficacia dei vaccini

A più di un anno dall’inizio della pandemia della malattia da coronavirus (COVID-19), causata dal coronavirus SARS-CoV2, diversi paesi stanno iniziando a lanciare sforzi...

Parkinson e Crohn che condividono tratti genetici e metabolici comuni: finalmente verso una medicina personalizzata?

Prove emergenti suggeriscono un legame tra due disturbi apparentemente non correlati, la malattia infiammatoria intestinale (IBD) e la malattia di Parkinson (PAD), indicando fattori...

Ictus cerebrale: studio rivela come salvare la mielina danneggiata

L'uomo è l'unica specie con il cervello in cui il volume della materia bianca è più grande di quello della materia grigia. A causa...

Questo si chiuderà in 20 secondi