HomeATTUALITA' & SALUTEBypass gastrico: attenzione alla possibilità di aumentato rischio di fratture

Bypass gastrico: attenzione alla possibilità di aumentato rischio di fratture

Uno studio pubblicato nel Journal of Bone and Mineral Research mostra che il rischio di fratture aumenta di circa il 30% dopo un’operazione di bypass gastrico. È stato anche scoperto che le cadute aumentano dopo queste operazioni. Lo studio si basa sui record di 38.971 pazienti sottoposti a interventi di bypass gastrico, di cui 7.758 hanno avuto il diabete e 31.213 no. Coloro che avevano avuto l’operazione sono stati confrontati con un gruppo altrettanto ampio di individui che non erano stati operati e che avevano i dati di morbidità e di sfondo equivalenti. Indipendentemente dallo stato del diabete, coloro che erano stati operati avevano un aumento del rischio di fratture del 30%. Gli individui senza diabete avevano un aumentato rischio del 32% e quelli con diabete avevano un rischio aumentato del 26%. L’aumento del rischio si applica alle fratture in generale, ad eccezione della parte inferiore della gamba. Dopo l’intervento, le fratture della parte inferiore della gamba si sono verificate meno frequentemente. I risultati corrispondono bene a precedenti ricerche sul campo, ma lo studio attuale è statisticamente più forte a causa delle sue dimensioni.

I dati sono anche più equivalenti dal momento che i ricercatori si sono concentrati sul metodo dominante di chirurgia dell’obesità, bypass gastrico ed escludono altre forme. Con le operazioni di bypass gastrico, la maggior parte dello stomaco e parte dell’intestino tenue vengono rimossi. Il cibo va direttamente nell’intestino tenue anziché passare attraverso l’intero stomaco, il che aumenta la sensazione di essere sazi. La persona mangia meno e il consumo di nutrienti diminuisce portando alla perdita di peso. L’ipotesi più comune del meccanismo alla base dell’aumento della frattura dopo l’intervento chirurgico all’obesità è stata la perdita di peso e lo scheletro si indebolisce con il minor carico. Lo studio non ha mostrato una relazione tra il tasso di frattura e il grado di perdita di peso. Utilizzando modelli di parametri flessibili, il rischio di fratture sembra aumentare con il tempo. Anche il rischio di lesioni da caduta senza frattura è aumentato dopo bypass gastrico. Una maggiore perdita di peso o una scarsa integrazione di calcio e vitamina D dopo l’intervento chirurgico non erano associati ad un aumentato rischio di fratture.

In conclusione, la chirurgia di bypass gastrico è associata ad un aumentato rischio di frattura, che sembra aumentare con il tempo e non associato al grado di perdita di peso o di integrazione di calcio e vitamina D dopo l’intervento chirurgico. Un aumento del rischio di lesioni da caduta è stato osservato dopo l’intervento chirurgico, che potrebbe contribuire ad aumentare il rischio di fratture. La domanda sul perché le persone che hanno avuto operazioni cadono più spesso, con o senza fratture di conseguenza, non ha ancora una risposta chiara. Mattias Lorentzon, professore di geriatria all’Accademia Sahlgrenska, Università di Göteborg, Svezia, e Primario dell’Ospedale universitario, conclude: “Il bypass gastrico è un metodo consolidato che si è dimostrato efficace nel ridurre l’obesità, il diabete e la mortalità, così naturalmente il nostro i risultati non significano che si dovrebbe smettere di fornire questi tipi di operazioni. Il fatto che il rischio di fratture aumenta e sembra anche aumentare nel tempo significa che sarà importante seguire i pazienti, valutare il rischio di fratture e, quando richiesto, istituire misure per prevenire le fratture”.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Axelsson KF et al., Lorentzon M. J Bone Miner Res. 2018 Jul 16.

Fashandi AZ et al. Surg Endoscopy 2018 Jun; 32(6):2650-55.

Higgins SC, Papasavvas G. Arch Osteoporos. 2018 May 2;13(1):51.

Corbeels K et al., Van der Schueren B. Bone Rep. 2018; 8:57-63.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI

CHIUDI
CHIUDI