Home ALIMENTAZIONE & SALUTE Colazione a scuola: avendo più tempo la nutrizione la fanno tutti

Colazione a scuola: avendo più tempo la nutrizione la fanno tutti

Gli studenti della scuola primaria sono più propensi a mangiare una colazione nutrizionale quando hanno 10 minuti extra per farlo, secondo un nuovo studio condotto da ricercatori della Virginia Tech e della Georgia Southern University. Lo studio, che è il primo del suo genere ad analizzare i programmi di colazione scolastica, ha valutato il modo in cui gli studenti cambiano il consumo della colazione quando hanno il tempo di mangiare in una mensa scolastica. Lo studio ha anche confrontato i risultati di queste colazioni mensa con i risultati di una colazione in classe allo stesso gruppo di studenti. Utilizzando le stazioni di ponderazione alimentare sviluppate dalla co-autrice Karen Spears della Georgia Southern University, i ricercatori hanno raccolto informazioni sul numero di studenti che hanno mangiato una colazione a scuola, quanto hanno mangiato e il loro esatto apporto nutrizionale. “È di gran lunga la misurazione più sofisticata e accurata dell’assunzione della colazione scolastica mai fatta”, ha affermato Klaus Moeltner, professore di economia agricola e applicata presso il Virginia Tech College of Agriculture and Life Sciences. “Sappiamo esattamente quanto hanno consumato gli studenti e quanto tempo hanno dovuto consumarlo.”

I risultati, pubblicati di recente sull’American Journal of Agricultural Economics, hanno rivelato che il numero di colazioni consumate nelle scuole è aumentato del 20% quando agli studenti sono stati dati 10 minuti extra da mangiare nella caffetteria e un ulteriore 35-45% quando le colazioni sono state servite all’interno aule, portando il tasso globale del consumo della colazione vicino al 100%. La percentuale di studenti che vanno senza colazione perché, non hanno mangiato a casa e non hanno avuto il tempo di mangiare a scuola, va dal 4 allo 0% quando hanno 10 minuti in più da mangiare, quindi il segmento più vulnerabile è coperto. E mentre i risultati suggeriscono che più studenti consumano la colazione quando viene servita all’interno delle aule, i ricercatori riconoscono i costi aggiuntivi associati alle colazioni in classe. “Quando fai colazione in classe, devi servire tutti gli studenti gratuitamente, e i costi associati necessari per nutrire tutti gli studenti devono essere coperti da sussidi a basso reddito”, ha detto il dott. Moeltner. “Ma molte scuole non hanno una percentuale sufficiente di studenti sovvenzionati e quindi non possono permettersi di servire le colazioni in aula perché mancano i sussidi per compensare i costi”.

Pertanto, i risultati hanno implicazioni significative per le scuole che non possono permettersi le colazioni in classe, ma potrebbero concedere più tempo per le colazioni mensa. Lo studio ha inoltre fornito ulteriori informazioni sulle abitudini di consumo della colazione degli studenti. Gli studenti di terza e quarta elementare delle tre scuole della zona Reno che hanno partecipato allo studio hanno ricevuto dei braccialetti non appena sono arrivati ​​nel campus, che hanno monitorato il loro orario di arrivo nonché i dati sul consumo individuale e nutrizionale. Inoltre, gli studenti hanno completato un questionario giornaliero per ottenere ulteriori informazioni sul fatto che facessero colazione a casa, quanto fossero affamati all’arrivo a scuola, quale metodo di trasporto usavano per andare a scuola e se a loro piacesse il cibo offerto. L’analisi dei dati ha mostrato che il metodo di trasporto utilizzato per andare a scuola non ha avuto alcun impatto sul fatto che gli studenti facessero colazione o meno, e che gli studenti non mangiavano troppo a causa del tempo extra fornito. I risultati mostrano che non vi è alcun cambiamento nel consumo medio, il che è rassicurante; i bambini non stanno mangiando troppo a causa del tempo extra. Invece, stanno sostituendo – se erano soliti fare colazione a casa, ora lo mangiano a scuola.

Con i ricchi dati forniti dallo studio, i ricercatori possono esaminare molte domande sulla colazione della scuola. Per ora, i risultati sul consumo della colazione quando sono concessi più tempo sono chiari e i ricercatori consigliano alle istituzioni scolastiche e ai responsabili delle politiche di prendere in considerazione l’implementazione di ulteriore tempo per le colazioni scolastiche. I ricercatori ora analizzeranno i dati sui rifiuti della colazione raccolti durante lo studio, per pubblicare ulteriori ricerche sull’argomento.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Beck CE, Witt L et al., Eur J Anaesthesiol. 2018 Aug 7.

Khehra R et al. Br Dent J. 2018 Jul 27; 225(2):164-169.

Barr SI, Vatanparast H, Smith J. Nutrients 2018 Jul 27;10(8).

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it

ARTICOLI PIU' LETTI