mercoledì, Febbraio 28, 2024

La proteina tau nel Parkinson: a differenza della sinucleina guiderebbe le alterazioni iniziali del movimento

Introduzione La malattia di Parkinson colpisce circa 10 milioni di...

Le proprietà alimentari del carciofo romano sulla salute umana riviste dalla scienza

Il carciofo (Cynara scolymus) è una pianta comunemente coltivata...

Gli effetti positivi della dieta Mediterranea sulla fertilità maschile

I’infertilità è un problema sanitario significativo, che colpisce circa...

Lorcaserina: per il peso, per il diabete e per la sua prevenzione

Più di 30 milioni di persone, ovvero il 9% della popolazione degli Stati Uniti, vivono con il diabete, spiegano i Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie (CDC). Complessivamente, riportano i CDC, più di 100 milioni di adulti statunitensi, o un terzo della popolazione adulta, ora hanno diabete o prediabete. Le attuali opzioni di trattamento comprendono farmaci orali come la metformina, varie forme di insulina e interventi come la chirurgia per la perdita di peso. Una nuova ricerca recentemente presentata alla riunione del 2018 dell’Associazione Europea per lo Studio del Diabete, tenutasi a Berlino, in Germania, costituisce una nuova aggiunta a questo arsenale di trattamento. È stato dimostrato che la lorcaserina per la perdita di peso riduce il rischio di complicanze del diabete, induce la remissione del diabete e riduce il rischio di sviluppare la condizione in uno studio clinico condotto da ricercatori del Brigham and Women’s Hospital (BWH) a Boston, MA. Gli scienziati di BWH del gruppo di studio Thrombolysis in Infarto miocardico (TIMI) hanno condotto lo studio e i risultati presentati sono stati tratti dallo studio clinico CAMELLIA-TIMI 61. Eisai Inc., la società che produce il farmaco, ha finanziato il processo. Il dott. Erin Bohula, specialista in medicina cardiovascolare BWH e ricercatore del personale del Gruppo di studio TIMI, ha co-diretto la ricerca insieme al dott. Benjamin Scirica, anche specialista in medicina cardiovascolare presso BWH e ricercatore senior per il gruppo di studio TIMI.

Lo studio CAMELLIA-TIMI 61 comprendeva 12.000 persone che erano in sovrappeso o obese ed erano a rischio di sviluppare malattie cardiovascolari. Inoltre, oltre la metà dei partecipanti aveva il diabete e un terzo aveva prediabete. La metà dei partecipanti è stata assegnata per ricevere il farmaco per la perdita di peso, mentre l’altra metà ha ricevuto il placebo. I ricercatori hanno monitorato i partecipanti per un periodo medio di oltre 3 anni. Il trial clinico ha rivelato quanto segue La lorcaserina ha ridotto il rischio di diabete del 19% tra coloro che avevano già avuto prediabete. Così, 172 persone su 2.015 che hanno assunto lorcaserina e hanno avuto prediabete hanno sviluppato diabete, mentre 204 persone su 1.976 che avevano un prediabete ma hanno assunto solo il placebo hanno sviluppato il diabete. Circa il 9,2% delle persone con prediabete che hanno assunto lorcaserina ha riportato i livelli di zucchero nel sangue alla normalità, rispetto al 7,6% nel gruppo placebo. Inoltre, il 7,1% delle persone che hanno avuto il diabete e ha assunto il farmaco ha avuto una significativa remissione nella loro iperglicemia, rispetto al 6% dei pazienti che hanno assunto il placebo. Il farmaco ha anche diminuito del 21% il rischio di complicazioni da diabete, come microalbuminuria, retinopatia diabetica e neuropatia diabetica. Tuttavia, gli autori dello studio riportano anche che la lorcaserina ha aumentato significativamente il numero di casi gravi di ipoglicemia tra le persone che stavano già assumendo insulina o altri trattamenti per il diabete noti per aumentare il rischio di ipoglicemia.

Recentemente hanno presentato risultati che dimostrano che l’uso di lorcaserina ha comportato una perdita di peso modesta ma sostenuta tra i pazienti obesi e in sovrappeso senza aumentare il rischio di infarto e ictus. In questo studio, il farmaco ha prodotto una perdita di peso di 4,2 chilogrammi, in media, rispetto a 1,4 chilogrammi nel gruppo placebo. La dott.ssa Erin Bohula e la dott.ssa Scirica spiegano e commentano positivamente i principali fatti dello studio: “Ora riportiamo che, una volta aggiunti agli interventi sullo stile di vita, la lorcaserina ha ridotto significativamente l’incidenza del diabete, aumentato il tasso di remissione del diabete e ridotto il rischio di diabete microvascolare. Complessivamente, questi risultati rafforzano l’idea che una perdita di peso modesta e duratura può migliorare la salute cardiometabolica e supporta il ruolo della lorcaserina come terapia aggiuntiva nella gestione cronica del peso e fornisce un altro strumento nell’armamentario, oltre alla dieta e all’esercizio fisico, per i pazienti sperando di raggiungere e mantenere la perdita di peso e, fortunatamente, come abbiamo visto, anche una perdita di peso relativamente modesta può migliorare il controllo del diabete in quelli con diabete e ridurre lo sviluppo del diabete nei soggetti a rischio. Questo studio randomizzato rigoroso e su larga scala, dimostra il potenziale per migliorare il controllo glicemico quando si aggiunge un agente di perdita di peso a un piano di trattamento”.

Data la prevalenza globale dell’obesità e la sua associazione con il diabete di tipo 2 e le complicanze, che possono causare la morte o ridurre notevolmente la qualità della vita, c’è bisogno di strategie terapeutiche che possono essere aggiunte alla modificazione dello stile di vita per prevenire e controllare il diabete.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Bohula EA, Scirica BM, Inzucchi SE et al. Lancet. 2018 Oct 3.

Bohula EA et al. N Engl J Med. 2018 Sep 20;379(12):1107-17.

Hurt RT et al. Diab Metab Syndr Obes. 2018 Sep 4;11:469-478.

Chao AM, Wadden TA, Pearl RL et al. Clin Obes. 2018 Sep 17.

Latest

La proteina tau nel Parkinson: a differenza della sinucleina guiderebbe le alterazioni iniziali del movimento

Introduzione La malattia di Parkinson colpisce circa 10 milioni di...

Le proprietà alimentari del carciofo romano sulla salute umana riviste dalla scienza

Il carciofo (Cynara scolymus) è una pianta comunemente coltivata...

Gli effetti positivi della dieta Mediterranea sulla fertilità maschile

I’infertilità è un problema sanitario significativo, che colpisce circa...

Niacin paradox on the heart shows off: catabolism reveals potential threats on cardiovascular risk

Cardiovascular disease (CVD) is a worldwide health problem, with...

Newsletter

Don't miss

La proteina tau nel Parkinson: a differenza della sinucleina guiderebbe le alterazioni iniziali del movimento

Introduzione La malattia di Parkinson colpisce circa 10 milioni di...

Le proprietà alimentari del carciofo romano sulla salute umana riviste dalla scienza

Il carciofo (Cynara scolymus) è una pianta comunemente coltivata...

Gli effetti positivi della dieta Mediterranea sulla fertilità maschile

I’infertilità è un problema sanitario significativo, che colpisce circa...

Niacin paradox on the heart shows off: catabolism reveals potential threats on cardiovascular risk

Cardiovascular disease (CVD) is a worldwide health problem, with...

Medicina rigenerativa per il rene: la possibilità che si apre capendo tutti gli stadi molecolari del danno

Come si forma il rene nell’embriogenesi? Il rene dei mammiferi,...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Cicatrici: la terapia sperimentale con anticorpi monoclonali

La fibrosi può essere scatenata da molti eventi come la chirurgia, il trauma, la malattia, ma a prescindere dalla causa, è caratterizzata dall'accumulo di...

Anacardi: nutrienti, senza colesterolo e buoni per vari aspetti della salute

Gli anacardi sono un tipo di noce con una consistenza morbida e un sapore dolce. Sono originari del Sud America, in particolare del Brasile,...

Cannabis endogena: i suoi metaboliti sopprimono il cancro?

Il nostro corpo ha un sistema antidolorifico "endogeno" che prende il nome dalla pianta di cannabis: il sistema di cannabinoidi endogeni, altrimenti noto come...