Home RICERCA & SALUTE Lotta all'asma: il regolatore nucleare viene preso di mira

Lotta all’asma: il regolatore nucleare viene preso di mira

Un gruppo di ricercatori brasiliani è riuscito a prevenire l’asma allergico progredendo in modelli sperimentali aumentando la quantità di una proteina. Questo aumento, a sua volta, ha bloccato i linfociti T CD4+ responsabili della produzione di una citochina che innesca una cascata di eventi che determinano l’insorgenza e la progressione della malattia. Questa conoscenza di come la malattia può essere risolta in colture cellulari e animali costituirà una base per la ricerca e lo sviluppo di un farmaco per controllare l’espressione di questa proteina in modelli sperimentali e nell’uomo. Le persone con asma allergico o bronchiale sono farmaci attualmente prescritti come antistaminici, broncodilatatori e corticosteroidi, che inibiscono i sintomi della malattia ma inibiscono anche la risposta cellulare, incluso quello di un sottotipo di linfociti chiamato tipo Th2. I linfociti Th2 portano alla produzione di sostanze che causano i sintomi, quindi questa strategia di trattamento si rivolge solo a sintomi come rinorrea [naso che cola], dispnea e così via. Lo studio è stato condotto dai membri del Centro per la ricerca sulle malattie infiammatorie (CRID), un centro di ricerca finanziato dalla Fondazione di ricerca São Paulo – FAPESP.

Ciò che i ricercatori hanno scoperto è che, se altri linfociti T chiamati cellule Th9 vengono bloccati, la malattia sarà risolta in modo efficace e la produzione di sostanze che causano i sintomi si fermerà. Per ottenere questi risultati, il team ha condotto esperimenti con colture cellulari di topi e umani, nonché topi transgenici. Gli esperimenti hanno confermato che quando il gene Blimp-1 viene sovraespresso, aumenta la produzione della proteina codificata, che viene anche chiamata Blimp-1. Questa proteina lega il DNA e blocca l’azione dei linfociti che producono IL-9, una citochina che causa allergia infiammazione delle vie aeree. Per testare l’ipotesi che Blimp-1 abbia un ruolo importante nella risoluzione delle allergie, i ricercatori hanno creato topi transgenici con questo gene spento nei loro linfociti T. Poiché il gene ha altre funzioni, non può essere completamente silenziato, quindi hanno usato una tecnica chiamata knockout condizionale, per non farlo funzionare solo nelle cellule T. Successivamente, entrambi i topi transgenici con Blimp-1 eliminati nelle loro cellule T e topi di controllo sono stati sottoposti a una procedura che ha indotto un’allergia.

I ricercatori hanno iniettato dosi di ovalbumina e poi hanno introdotto la stessa sostanza nelle narici degli animali (instillazione intranasale), producendo infiammazione delle vie respiratorie a seguito di un’allergia alle proteine ​​del bianco d’uovo. Quando hanno analizzato le reazioni nei due gruppi di animali, hanno scoperto che i topi senza Blimp-1 subivano gli effetti dell’allergia molto più dei topi che avevano il gene attivo. Sebbene entrambi i gruppi sviluppassero l’allergia, gli animali senza Blimp-1 nelle loro cellule T avevano un’infiammazione polmonare molto più intensa rispetto agli animali di controllo. Avendo dimostrato il ruolo di Blimp-1 nell’infiammazione, i ricercatori hanno creato un metodo per sovraesprimere il gene per vedere se la quantità anormalmente grande di proteina prodotta inibirebbe la produzione della citochina IL-9. Hanno quindi raccolto campioni di globuli bianchi del sangue periferico umano, che sono ampiamente utilizzate nella ricerca immunologica. I campioni sono stati raccolti da individui sani e persone con asma allergico. Le cellule del sangue hanno ricevuto un virus innocuo o un virus che conteneva Blimp-1, che divenne parte del DNA delle cellule.

Nelle cellule di individui sia sani che asmatici, Blimp-1 ha prodotto grandi quantità di proteine ​​e ha inibito la produzione di Th9, che produce IL-9. Sebbene IL-9 fosse espressa nelle cellule sia da individui sani che asmatici, la sua espressione era più intensa in questi ultimi. Lo stesso risultato è stato osservato in un esperimento simile con cellule di topo. Sulla base di questi risultati, il gruppo ora progetta di sviluppare farmaci in grado di indurre l’espressione di Blimp-1 per controllare le cellule Th9 utilizzando altri modelli sperimentali, come i tumori. Nel caso di tumori come il melanoma, esperimenti preliminari che non sono ancora stati pubblicati dimostrano che quando l’espressione di Blimp-1 è ridotta, l’aumento risultante nelle cellule Th9 porta a una riduzione delle dimensioni del tumore. La scoperta più importante è una nuova funzione per un noto fattore di trascrizione, che ora si sa essere anche in grado di inibire la differenziazione delle cellule T che producono IL-9. Ciò apre la prospettiva della ricerca su diverse malattie in cui sono coinvolte le cellule Th9. Un farmaco antitumorale sviluppato su questa base inibirebbe quindi l’espressione di Blimp-1, mentre un farmaco per l’asma e le malattie autoimmuni aumenterebbe la sua presenza.

Lo studio è stato pubblicato sul Journal of Allergy and Clinical Immunology.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Ogawa C et al. Cell Rep. 2018 Oct 2; 25(1):19-28.

Finotto S. J Allergy Clin Immunol. 2018 Sep 5.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it

ARTICOLI PIU' LETTI