Sonno e sovrappeso: gli adolescenti sono il bersaglio più facile

Sonno e sovrappeso: gli adolescenti sono il bersaglio più facile

I ricercatori del Children’s Hospital Colorado (Colorado per bambini) hanno identificato una connessione tra la salute del sonno in sovrappeso e quella degli adolescenti obesi e la loro sensibilità all’insulina. In quello che si ritiene essere il primo studio ad utilizzare una misurazione oggettiva del ritmo circadiano – melatonina salivare – per esaminare le associazioni di salute del sonno con la sensibilità all’insulina negli adolescenti, i ricercatori hanno scoperto che la durata del sonno più breve, l’ora di andare a letto nei giorni feriali e il ritmo circadiano successivo del sonno erano associato a ridotta sensibilità all’insulina in una coorte di adolescenti con sovrappeso / obesità durante l’anno scolastico. L’articolo correlato è stato recentemente pubblicato su The Journal of Pediatrics. Trentuno adolescenti tra i 14 e i 19 anni con un indice di massa corporea (BMI) nel 90° percentile o superiore per la loro età / sesso sono stati reclutati per lo studio dalla gestione del peso del Colorado di bambini e altre cliniche specializzate. I partecipanti indossavano un monitor per l’actigrafia, un dispositivo simile ad un orologio indossato al polso che misura la durata e il tempo del sonno, per una settimana. Dopo sette giorni, sono stati utilizzati i laboratori di digiuno e un test di tolleranza al glucosio orale di tre ore per misurare la sensibilità all’insulina dei partecipanti.

Sono anche rimasti durante la notte al Centro di Ricerca Clinica e Traslazionale del Colorado di Children e hanno fornito regolarmente campioni di saliva per misurare i livelli di melatonina, un marker del ritmo circadiano. I partecipanti erano in penombra durante la visita per evitare l’impatto dell’esposizione alla luce sulla melatonina. I risultati dello studio hanno mostrato che, confrontando i partecipanti che dormivano meno di 6,6 ore a notte con quelli che dormivano almeno 6 ore e mezzo a notte, i partecipanti con più sonno avevano una migliore sensibilità all’insulina. Quando si analizzano la melatonina e la sensibilità all’insulina, un migliore allineamento tra le misure dei ritmi circadiani e l’ora di andare a letto e il tempo di sonno effettivo è stato anche associato a una migliore sensibilità all’insulina. Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche per capire meglio la fisiologia alla base di queste osservazioni, lo studio indica il potenziale per il sonno e gli interventi circadiani o gli orari di inizio della giornata scolastica, come raccomandato dall’American Academy of Pediatrics, come possibile mezzo per migliorare la salute metabolica di questa popolazione.

La Dr.ssa. Stacey L. Simon, PhD, psicologa del sonno pediatrico presso il Breathing Institute di Children’s Colorado e autrice principale dello studio, ha spiegato: “Oltre il 33% degli adolescenti negli Stati Uniti è obeso e a rischio per condizioni di salute come il diabete tipo 2. L’insulino-resistenza è un fattore di rischio significativo per il diabete di tipo 2; e mentre la sensibilità all’insulina diminuisce di circa il 50% in tutti gli adolescenti durante la pubertà, oltre la metà degli adolescenti con sovrappeso/obesità dimostra un livello ancora maggiore di insulino-resistenza. rischio particolare per lo sviluppo di diabete di tipo 2 e condizioni di salute correlate. Sapendo che gli interventi tradizionali di gestione del peso in generale tendono ad essere meno efficaci per gli adolescenti, abbiamo cercato di guardare a misure di prevenzione e intervento alternative, incluso il modo in cui la salute del sonno potrebbe svolgere un ruolo. Non è facile approcciare il mondo dell’adolescenza, salando provvedimenti che possono comportare lo stravolgimento di abitudini consolidate. Rispetto a venti anni, si sono instaurati troppi cambiamenti comportamentali che mettono a rischio i delicati ritmi biologici dei bambini. La connessione tra sonno corto e ritardato e resistenza all’insulina è stata dimostrata negli adulti, dato che esistono pubblicazioni a riguardo; ma non è stata studiata estensivamente negli adolescenti”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Simon SL, Behn CD et al., Nadeau K. J Pediatr. 2018 Nov 19.

Kaar JL et al., Tovar A. Sleep Health. 2018 Oct; 4(5):442-447.

Byars KC, Simon SL. Behav Sleep Med. 2017; 15(3):175-179.

Byars KC, Simon SL et al. J Pediatr Psychol. 2017; 42:466-475.

Westerterp-Plantenga MS. Proc Nutr Soc. 2016; 75(4):431-439.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1561 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it