martedì, Maggio 28, 2024

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

In analogia all’emofilia: anche per le porpore immuni e -non, entra l’uso dell’enzima mancante ricombinante

Un team guidato da ricercatori del Massachusetts General Hospital,...

Probiotici: cambiano la composizione e le proprietà del latte materno

Il latte materno influisce sullo sviluppo del microbioma intestinale, insieme ad altri fattori materni e ambientali. Alla nascita l’infante transita da un ambiente materno, microbiota-scarso e altamente regolamentato, fino a diventare colonizzato dall’esperto microbiota. Con il parto vaginale, il microbiota infantile proviene principalmente dall’intestino, dalla vagina e dalla pelle della madre, mentre l’ambiente ospedaliero e la pelle della madre forniscono i primi microbi colonizzanti con parto cesareo. La colonizzazione batterica dell’intestino appena nato può contribuire allo sviluppo delle funzioni immunitarie neonatali o alla suscettibilità a disturbi immuno-mediati nella prima (e successiva) vita. Prove da studi sia animali che umani hanno riportato che la disbiosi intestinale precede lo sviluppo di atopia, eczema atopico e allergia / sensibilizzazione alimentare. Nell’ultimo anno, diversi studi hanno collegato l’importanza del microbioma intestinale e l’allergia alimentare. Gli zuccheri complessi trovati nel latte materno umano, a lungo ritenuto essere fisso nella loro composizione, possono cambiare nelle donne che stanno assumendo probiotici, secondo una nuova ricerca presso l’University of Rochester Medical Center (URMC).

Il ritrovamento, pubblicato in una lettera di ricerca in JAMA Pediatrics, ribalta ciò che gli scienziati hanno pensato degli oligosaccaridi del latte umano (HMO) e potrebbe portare a futuri studi su come i composti possano essere potenzialmente influenzati dalla dieta e da altri fattori. Sebbene le HMO siano indigeste per un neonato, vengono consumate da alcune specie nel microbioma e possono influenzare significativamente la sua composizione. Questi sono principalmente rappresentati da ceppi di Lactobacillus e Bifidobacterium, che sono responsabili di fermentazioni e della produzione  di molti metaboliti bioattivi. Fra questi I famosi acidi grassi a catena corta (SCFA) quali acetato, propionato, butirrato, isobutirrato e valerato. Sono altresì produttori di acido lattico durante la fermentazione del latte a yogurt; tutti loro esercitano numerose azioni biologiche sull’intestino. Ad esempio, acetato e butirrato sono fonti energetiche dirette per le cellule della mucosa intestinale. Lattato e butirrato agiscono anche tramite recettori di superficie, regolando l’assorbimento di nutrienti, le reazioni immunitarie locali e altri fenomeni più generali sulla salute dell’organismo.

Si pensava che le HMO fossero geneticamente determinate, quasi come il gruppo sanguigno; ma i dati di questo ultimo studio mostrano che le HMO possono essere manipolate da fattori esterni. Di conseguenza, gli scienziati hanno iniziato a concentrarsi sulle HMO come possibile motivo per cui i bambini che assumono il latte materno hanno meno probabilità di contrarre alcune infezioni virali e batteriche e altre gravi condizioni come l’enterocolite necrotizzante, insieme a malattie allergiche come l’allergia alimentare. Lo studio ha analizzato i dati di 81 donne incinte che erano state arruolate in uno studio di integrazione probiotica in Finlandia. I ricercatori hanno poi confrontato 20 diverse HMO nei due gruppi di donne, quelli che assumevano i probiotici e quelli che non lo erano. Con sorpresa, si è visto che la composizione percentuale degli HMOs di donne che avevano assunto probiotici era leggermente diversa. Gli zuccheri che costituiscono gli HMOs sono glucosio, galattosio, fucosio, acido sialico ed acetil-glucosammina. Mentre in condizioni standard, la disposizione di queste molecole e la loro percentuale in composizione è ben fissata, nelle donne in gravidanza che hanno assunto probiotici, la composizione % è risultata variata. Non si conosce ancora il meccanismo con cui questo fenomeno si verifica.

Dr. Antti Seppo, PhD, professore associato di ricerca di Allergia e Immunologia Pediatrica all’URMC, ha spiegato il significato dei risultati: “Abbiamo pensato che l’interazione tra HMO e microbioma fosse una strada a senso unico, con HMO che modellano le comunità microbiche fungendo da prebiotici. Qui abbiamo un primo esempio che suggerisce che i microbi della dieta materna, sotto forma di probiotici, modellano le composizioni HMO poiché gli HMOs possono essere collegate allo sviluppo di allergie alimentari in un bambino. Questo manipolando la composizione HMO in modo favorevole potrebbe aprire una nuova strada per la prevenzione delle allergie alimentari. Studi futuri potrebbero potenzialmente esaminare l’effetto di specifici tipi di probiotici e gruppi di alimenti su specifici HMO, consentendo la personalizzazione e l’applicazione clinica su misura per ottimizzare la composizione HMO in un modo specifico della malattia”.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Rajani PS et al. Front Pediatr. 2018 Aug 7; 6:218.

Seppo AE et al. J All Clin Immun. 2017; 139(2):708.

Victora CG, Bahl R et al. Lancet 2016; 387:475–90. 

Sakihara T et al. Asia Pac Allergy 2016; 6:207–12.

Azad MB et al. Clin Exp Allergy 2015; 45:632–43. 

Latest

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...

Newsletter

Don't miss

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...

L’emergenza internazionale della febbre dengue: e la corsa ai nuovi vaccini prosegue

La dengue è una malattia trasmessa da vettori attraverso...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Preventing by repurposing: from sleep sickness to diabetness, DMFO gets into the “sweet field”

Type 1 diabetes is an autoimmune disease that causes the body's immune system to attack and destroy insulin-producing beta cells in the pancreas. Traditional...

Frutta secca: a merenda meglio dello snack per tenere bassi gli zuccheri

Anche se revisioni sistematiche e meta-analisi di studi randomizzati e controllati su modelli alimentari che includono un basso indice glicemico, l'elevata assunzione di cereali...

Timo: l’unico organo del sistema immunitario a perdere per primo la sua giovinezza

Il timo è un organo linfoepiteliale centrale del sistema immunitario. La sua funzione principale è quella di fornire un microambiente unico in cui i...

Questo si chiuderà in 20 secondi