sabato, Luglio 20, 2024

Le allergie ai legumi: dai più comuni ai meno impiegati, cambiando i tempi cambiano anche le prospettive

Crescente popolarità degli alimenti a base vegetale I legumi sono...

Caffé in clinica: può essere utile per gestire o prevenire la policistosi ovarica? Uno studio di caso-controllo

Le donne con ovaio policistico (PCOS) spesso soffrono di...

Lipoproteins and cardiovascular risk: how to manage the situation with old and new opportunities

What are lipoproteins? Dietary lipids are digested within the gastrointestinal...

Ansia: la chimica è chiara, ma certe vie sono ancora nascoste

Quasi tutti sperimentano l’ansia in una delle sue forme. Nel corso del tempo, l’evoluzione ha affinato l’ansia come meccanismo di sopravvivenza; fa parte della nostra risposta “combatti o fuggi”. Il cuore pompa un po ‘più veloce e potrebbe esserci una sensazione di nausea mentre il corpo si prepara all’azione. Sebbene l’ansia sia una risposta naturale, può sfuggire a un controllo incontrollabile per alcune persone. Piuttosto che essere una forza protettiva che ci aiuta a navigare nella vita di tutti i giorni, diventa un peso che influisce sul benessere. Inoltre, essere più inclini all’ansia aumenta il rischio di sviluppare un disturbo d’ansia e depressione. I disturbi d’ansia sono comuni come la depressione, ma fino a tempi relativamente recenti hanno ricevuto molta meno attenzione. L’Associazione Americana Ansia e Depressione afferma che i disturbi d’ansia colpiscono quasi 1 adulto su 5 negli Stati Uniti ogni anno. Oltre alla salute mentale, l’ansia potrebbe anche avere effetti fisici; gli autori del nuovo studio scrivono che alti livelli di ansia sostenuti possono aumentare il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari.

A causa della sua crescente prevalenza, i meccanismi neurologici coinvolti stanno ricevendo maggiore attenzione. L’ultimo studio, che ora appare su The Journal of Neuroscience, indaga il ruolo del glutammato nell’ippocampo. Il glutammato è un amminoacido e il principale neurotrasmettitore eccitatorio nel cervello; mentre l’ippocampo è una regione coinvolta nel comportamento e nei fenomeni della memoria. Studi precedenti hanno anche concluso che altre due regioni del cervello lavorano con l’ippocampo per modulare l’ansia; chiamata area 25 e area 32, queste regioni fanno parte della corteccia prefrontale. Negli ultimi anni, gli studi hanno suggerito che il glutammato potrebbe essere coinvolto nell’ansia. Le riduzioni dell’attività del glutammato sembrano aumentare il comportamento ansioso e i livelli di glutammato all’interno dell’ippocampo – che è la parte del cervello principalmente coinvolta nella regolazione delle emozioni e della memoria – sembrano particolarmente importanti. Tuttavia, la comprensione da parte degli scienziati del ruolo del glutammato nell’ansia non è completamente definita e altri studi hanno prodotto risultati contraddittori.

Ad esempio, uno studio condotto su ratti non ansiosi ha rilevato che una riduzione dell’attività in alcuni sottotipi di recettori del glutammato nell’ippocampo ha effettivamente ridotto i livelli di ansia. Gli autori dell’ultimo studio hanno voluto esaminare il ruolo del glutammato in ansia in modo più dettagliato. Per ottenere un’immagine più chiara, hanno condotto una serie di esperimenti sulle bertucce. In primo luogo, il team ha testato i livelli di ansia di ogni animale quando è stato introdotto in un essere umano non familiare (uno dei loro conduttori che indossava una maschera). Come previsto, gli animali con i più alti livelli di ansia – o ansia ad alto tratto – avevano livelli significativamente più bassi di glutammato nel loro ippocampo. I dati hanno indicato che l’ansia ad alto tratto era correlata con i livelli di glutammato nell’ippocampo anteriore destro. Successivamente, hanno aumentato artificialmente il livello di glutammato nelle bertucce altamente ansiose. Hanno scoperto che una volta che i livelli di glutammato hanno raggiunto livelli normali, gli animali hanno risposto meno ansiosamente nei test psicologici. Questo secondo braccio della sperimentazione ha dato ai ricercatori la prova di una relazione causale.

Cioè, i primati ansiosi avevano naturalmente livelli più bassi di attività del glutammato, e quando il glutammato era aumentato negli ippocampi dei primati ansiosi, l’ansia era ridotta. Per ottenere maggiori informazioni sul ruolo delle aree cerebrali 25 e 32, il team ha effettuato ulteriori esperimenti. Bloccando l’attività in queste regioni, hanno scoperto che gli effetti ansiolitici dell’aumento del glutammato venivano aboliti quando l’area 25 era fuori uso. L’area di blocco 32, tuttavia, non ha fatto la differenza. Sebbene gli scienziati stiano ancora sfruttando il ruolo del glutammato nell’ansia, studi come questo ci avvicinano ad avere una piena comprensione. I ricercatori suggeriscono che il percorso 25 dell’area dell’ippocampo potrebbe essere un obiettivo interessante per i futuri interventi farmaceutici. Nel complesso, gli autori hanno concluso che questi risultati forniscono prove causali nei primati, che la minore funzione della via glutamatergica verso l’ippocampo regola l’ansia ad alto tratto endogeno, e il circuito area 25-ippocampo è un potenziale bersaglio terapeutico. Esistono già molte molecole sia attivatorie che inibitorie delle vie dei recettori del glutammato. Resta da esplorare quali tipi di recettori sono coinvolti e se è il caso di attivarli o ridurne la funzione se necessario.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Zeredo JL, Quah SKL et al., Clarke HF. J Neurosci. 2019 Feb 4. 

Peyrovian B et al. Prog Neuropsychopharm Biol Psych. 2019 Feb 6.                         

Wallis CU et al. Proc Natl Acad Sci USA. 2017; 114(20):4075-4084.

Latest

Le allergie ai legumi: dai più comuni ai meno impiegati, cambiando i tempi cambiano anche le prospettive

Crescente popolarità degli alimenti a base vegetale I legumi sono...

Lipoproteins and cardiovascular risk: how to manage the situation with old and new opportunities

What are lipoproteins? Dietary lipids are digested within the gastrointestinal...

Metodiche ecografiche per la diagnosi e la gestione temporale del tumore epatico

Il carcinoma epatocellulare (CEP) è un tumore maligno primario...

Newsletter

Don't miss

Le allergie ai legumi: dai più comuni ai meno impiegati, cambiando i tempi cambiano anche le prospettive

Crescente popolarità degli alimenti a base vegetale I legumi sono...

Lipoproteins and cardiovascular risk: how to manage the situation with old and new opportunities

What are lipoproteins? Dietary lipids are digested within the gastrointestinal...

Metodiche ecografiche per la diagnosi e la gestione temporale del tumore epatico

Il carcinoma epatocellulare (CEP) è un tumore maligno primario...

Acido folico nella biologia e nella pratica: per l’anemia, la riproduzione e non solo

L’acido folico è una vitamina del gruppo B che...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

AOH1996: il killer di nuova generazione per tutti i tumori?

Ieri i ricercatori di City of Hope, una delle più grandi organizzazioni di ricerca e cura del cancro negli Stati Uniti, hanno pubblicato un...

Colazione: i vantaggi del primo pasto del giorno

La colazione è stata etichettata come il pasto più importante della giornata, ma ci sono dati per sostenere questa affermazione? La colazione saltata è...

Artrite reumatoide: il rischio per certi tumori si abbassa, per altri si alza

Rispetto alla popolazione generale, sembra che le persone che vivono con l’artrite reumatoide sono a maggior rischio per vari tipi di cancro. I risultati...

Questo si chiuderà in 20 secondi