giovedì, Maggio 30, 2024

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Vitamina D: come mantiene la salute generale del cervello

La vitamina D è nota per essere anti-proliferativa e ha effetti di pro-differenziazione, come dimostrato dall’aggiunta di 1,25-diidrossivitamina D3 a colture di linee cellulari normali e maligne. Inoltre, è stato dimostrato che la vitamina D regola una varietà di fattori neurotrofici, incluso il fattore di crescita nervosa (NGF), fornendo ulteriori prove della sua capacità di influenzare la proliferazione, differenziazione, sopravvivenza e crescita neuronale. La vitamina D svolge un ruolo importante nello sviluppo della proliferazione cellulare, della differenziazione e dell’apoptosi. Ad esempio, topi knockout 1α-idrossilasi che non hanno la capacità di rendere la forma attiva della vitamina D (1,25(OH)2D) hanno mostrato un aumento della proliferazione cellulare nel giro dentato dell’ippocampo, una riduzione della sopravvivenza dei neuroni neonati e aumento apoptosi nei topi adulti. La vitamina D è altamente pleotropico, in grado di regolare oltre 2.700 geni all’interno del genoma. Questo probabilmente include geni coinvolti nella neurotrasmissione del glutammato e del GABA e nella regolazione del calcio, oltre a fattori neurotrofici e geni coinvolti nella neuroprotezione, come la gamma-GTP (sintesi di GSH) e ossido nitrico sintasi inducibile (iNOS). Pertanto, la carenza di vitamina D può portare a una mancanza di neuroprotezione.

La ricerca dell’Università del Queensland potrebbe spiegare perché la vitamina D è vitale per la salute del cervello, e come la deficienza porta a disturbi come depressione e schizofrenia. Oltre un miliardo di persone in tutto il mondo sono affette da carenza di vitamina D, e vi è un legame ben stabilito tra carenza di vitamina D e alterata cognitività. Sfortunatamente, esattamente come la vitamina D influenza la struttura e la funzione del cervello non è ben compresa, quindi non è ancora chiaro perché la mancanza causa problemi. I livelli di vitamina D influenzano un tipo di connessioni nel cervello, chiamate reti peri-neuronali. Queste reti formano una rete forte e solidale attorno a certi neuroni, e così facendo stabilizzano i contatti che queste cellule producono con altri neuroni. I ricercatori hanno rimosso la vitamina D dalla dieta di un gruppo di topi adulti sani e, dopo 20 settimane, hanno riscontrato un significativo calo della loro capacità di ricordare e apprendere rispetto a un gruppo di controllo. Il gruppo carente di vitamina D aveva una marcata riduzione delle reti peri-neuronali nell’ippocampo, la regione del cervello cruciale per la formazione della memoria. C’è stata anche una drastica riduzione sia del numero sia della forza delle connessioni tra i neuroni in quella regione.

La vitamina D svolge un ruolo importante nel mantenere le reti peri-neuronali stabili e quando i livelli di vitamina D diminuiscono, questo “ponteggio” è più facilmente degradato dagli enzimi. Quando i neuroni dell’ippocampo perdono le loro reti peri-neuronali di supporto, hanno difficoltà a mantenere le connessioni e questo alla fine porta a una perdita della funzione cognitiva. Il professore associato Burne del Queensland Brain Institute ha affermato che l’ippocampo può essere maggiormente colpito dal deficit di vitamina D, perché è molto più attivo di altre regioni del cervello: “È come il canarino nella miniera di carbone: potrebbe fallire prima perché la sua alta richiesta di energia lo rende più sensibile all’esaurimento delle sostanze nutritive essenziali come la vitamina D. Il lato destro dell’ippocampo è stato più influenzato dalla carenza di vitamina D rispetto al lato sinistro. La perdita di funzione in questa area potrebbe essere un importante contributo ai segni distintivi di schizofrenia, tra cui gravi deficit di memoria e una percezione distorta della realtà. Il prossimo passo è testare questa nuova ipotesi sul legame tra carenza di vitamina D, reti peri-neuronali e cognitività. Siamo anche particolarmente entusiasti di aver scoperto che queste reti possono cambiare nei topi adulti. Spero che, dato che sono dinamici, c’è la possibilità di ricostruirli e questo potrebbe preparare il terreno per nuovi trattamenti”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Mayne PE, Burne THJ. Trends Neurosci. 2019 Feb 19.

Al-Amin M et al. Hum Brain Mapp. 2019; 40(2):394-406.

Yuan J et al. Int J Mol Med. 2018 Jan; 41(1):364-372. 

Kesby JP et al. Int J Dev Neurosci. 2017 Nov; 62:1-7. 

Latest

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Newsletter

Don't miss

Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Double-edge swords or unrecognized “factotums”? Reactive electrophiles turn off inflammation while enhancing aging

After activation, immune cells engage in metabolic remodeling to support the energy and biosynthetic demands for proliferation and effector functions. Notably, boosted glucose uptake...

Glifosato, il pesticida cancerogeno: prima no, dopo si?

Il glifosato è un erbicida popolare usato in tutto il mondo; è stato introdotto come erbicida nel 1974. L’impiego nel settore agricolo è salito,...

Interleukin (IL) seventeen (17): the streaked shapeshifter of immunity and its diseases

General knowledge on IL-17 IL-17 comprises IL-17A, IL-17B, IL-17C, IL-17D, IL-17E (IL-25), and IL-17F, all of which have related structures. IL-17A, also known as cytotoxic...

Questo si chiuderà in 20 secondi