Restrizione dietetica: va bene anche per la malattia intestinale

Digiuno ed

La malattia infiammatoria intestinale (IBD) colpisce circa 1,5 milioni di americani ed è associata a infiammazione acuta e cronica dell’intestino. Gli autori dello studio sostengono che uno studio clinico randomizzato che prevede l’uso di cicli dietetici a digiuno per trattare l’IBD è necessario per determinare la sicurezza e l’efficacia di questi trattamenti dietetici negli esseri umani e sta attualmente finalizzando un protocollo di sperimentazione clinica. Cosa succede se una dieta speciale può ridurre l’infiammazione e riparare l’intestino? I ricercatori dell’USC hanno dimostrato che una dieta ipocalorica a digiuno simile al digiuno ha il potenziale per fare proprio questo. Pubblicato nell’edizione del 5 marzo di Cell Reports, lo studio riporta i benefici per la salute dei cicli periodici della dieta per le persone con infiammazione e ha indicato che la dieta ha invertito la patologia IBD nei topi. I risultati hanno mostrato che la dieta che imita il digiuno ha causato una riduzione dell’infiammazione intestinale e un aumento delle cellule staminali intestinali in parte promuovendo l’espansione del microbiota intestinale benefico. Gli autori dello studio affermano che l’inversione della patologia IBD nei topi, insieme con i suoi effetti anti-infiammatori dimostrati in uno studio clinico sull’uomo, indicano che il regime ha il potenziale per mitigare l’IBD.

Combinando questi campi di ricerca usando la dieta che imita il digiuno, gli autori sono stati in grado di ridurre l’infiammazione e la patologia associata alle malattie intestinali. Il dott. Valter Longo, autore di uno studio e direttore dell’USC Longevity Institute presso la USC Leonard Davis School of Gerontology e professore di scienze biologiche presso l’USC Dornsife College of Letters, Arts and Sciences, ha dichiarato per le persone con una dieta povera, “una volta ogni tanto” la correzione è l’uso periodico di una dieta a basso contenuto calorico, a base di piante, che fa sì che le cellule agiscano come se il corpo stesse digiunando. Prove cliniche precedenti condotte dal Dr. Longo e colleghi hanno permesso ai partecipanti di consumare tra 750 e 1.100 calorie al giorno per un periodo di cinque giorni e contenevano specifiche proporzioni di proteine, grassi e carboidrati. I partecipanti hanno visto fattori di rischio ridotti per molte malattie potenzialmente letali. Nello studio, un gruppo di topi ha aderito a una dieta di imitazione del digiuno di quattro giorni consumando circa il 50% del proprio apporto calorico normale il primo giorno, e il 10% del normale apporto calorico dal secondo al quarto giorno. Un altro gruppo ha digiunato con una dieta solo acqua per 48 ore.

Lo studio ha dimostrato che due cicli di una dieta di imitazione del digiuno di quattro giorni seguita da una dieta normale sembravano essere sufficienti per mitigarne alcuni e invertire altre patologie o sintomi associati all’IBD. Al contrario, il digiuno di sola acqua si è abbreviato, indicando che alcuni nutrienti nella dieta che imita il digiuno contribuiscono alle modifiche microbiche e antinfiammatorie necessarie per massimizzare gli effetti del regime di digiuno. Il team di ricerca ha osservato l’attivazione di cellule staminali e uno sforzo rigenerativo nel colon e nell’intestino tenue, che sono aumentati significativamente in lunghezza solo in presenza di più cicli della dieta che imita il digiuno. Hanno concluso che il digiuno prepara il corpo al miglioramento, ma è la “ri-alimentazione” che fornisce l’opportunità di ricostruire cellule e tessuti. Negli studi attuali e precedenti, gli autori hanno dimostrato che nei pazienti con proteina C-reattiva elevata, un marker per l’infiammazione, i cicli di dieta che imitano il digiuno sono in grado di ridurlo e invertire l’aumento associato dei globuli bianchi. Insieme ai risultati nei topi, questi dati indicano che i cicli di dieta che imitano il digiuno hanno il potenziale per essere efficaci contro il morbo di Crohn e la rettocolite ulcerosa.

Il dott. Longo ha spiegato: “Questo studio per la prima volta combina due mondi di ricerca”, ha affermato. “Il primo riguarda ciò che dovresti mangiare ogni giorno, e molti studi indicano una dieta ricca di verdure, noci e olio d’oliva, il secondo è il digiuno e i suoi effetti sull’infiammazione, la rigenerazione e l’invecchiamento“. Il digiuno è difficile da rispettare. Sappiamo che la dieta che imita il digiuno è più sicura e più facile del digiuno solo per acqua, ma la grande sorpresa di questo studio è che se si sostituisce la dieta a digiuno, che include ingredienti pre-biotici, con acqua, non vediamo gli stessi benefici: abbiamo determinato che i componenti della dieta stanno contribuendo agli effetti benefici, non si tratta solo delle cellule del corpo umano, ma riguarda anche i batteri intestinali che sono influenzati sia dal digiuno che dalla dieta. Gli ingredienti nella dieta hanno spinto i microbi per aiutare il digiuno a massimizzare i benefici contro l’IBD. È davvero notevole, che negli ultimi 100 anni di ricerca sulla restrizione calorica, nessuno ha riconosciuto l’importanza della ri-alimentazione. La restrizione è come una demolizione dove si abbatte l’edificio. Ma devi ricostruirlo. Se non lo fai, non c’è beneficio. Ti rimane un lotto vuoto e cosa hai ottenuto?”

Il suo ragionamento non fa una piega, giusto?

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Rangan P et al., Longo VD. Cell Rep. 2019 Mar 5; 26(10):2704-2719.

Mattson MP, Longo VD, Harvie M. Ageing Res Rev. 2017; 39:46-58. 

Choi IY, Lee C, Longo VD. Mol Cell Endocrinol. 2017 Nov 5; 455:4-12.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1365 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it