Arriva il nuovo farmaco anti-colesterolo: meglio delle statine ma forse l’anno prossimo

Le lipoproteine bassa densità ​​(LDL), spesso soprannominato colesterolo “cattivo”, è responsabile del trasporto del colesterolo nelle cellule. Un eccesso di LDL si accumula sulle pareti delle arterie, limitando il flusso di sangue al cuore, al cervello e al resto del corpo. Ciò può portare a una serie di gravi problemi di salute tra cui l’aterosclerosi, la cardiopatia coronarica, l’infarto, l’ictus e la malattia arteriosa periferica e può anche aumentare il rischio di coaguli di sangue in tutto il corpo. Le statine sono ordinariamente prescritte per aiutare a ridurre il colesterolo nei pazienti ad alto rischio di complicanze causate da colesterolo alto, compresi quelli con diabete, condizioni ereditarie e pazienti che hanno avuto un precedente infarto o ictus. Gli scienziati sanno che ridurre i livelli di colesterolo è fondamentale per ridurre il rischio di infarto e ictus, in particolare se le malattie cardiache sono già state stabilite. Un nuovo studio, pubblicato su The New England Journal of Medicine, è stato il più grande studio fino ad oggi per testare l’efficacia dell’acido bempedoico, che deve ancora essere approvato in Europa. Il farmaco orale impedisce la capacità del corpo di fabbricare colesterolo e potrebbe essere assunto in concomitanza con i trattamenti esistenti dei pazienti, oltre ad agire come trattamento per coloro che non sono in grado di assumere statine a causa di effetti collaterali avversi o interazioni con altri farmaci.

Sebbene l’acido bempedoico funzioni in modo simile alle statine bloccando un enzima che produce il colesterolo ATP-citrato liasi, vanta alcuni vantaggi rispetto alle statine comunemente utilizzate. Uno dei vantaggi principali dell’acido bempedoico è che non dovrebbe causare gli effetti collaterali muscolari segnalati da alcuni utilizzatori di statine, in quanto è assorbito dal fegato e deve essere convertito nella sua forma attiva tramite un enzima trovato solo nel fegato. Lo studio ha coinvolto 2230 pazienti, 1488 dei quali hanno assunto acido bempedoico e 742 un placebo. I pazienti provenivano da una serie di paesi, dal Regno Unito e dalla Germania alla Polonia, al Canada e agli Stati Uniti. Insieme a pazienti con intensità variabili di trattamenti per abbassare il colesterolo, sono stati inclusi anche pazienti con ipercolesterolemia familiare. L’ipercolesterolemia è una condizione ereditaria che determina un aumento dei livelli di colesterolo e un conseguente elevato rischio di malattie cardiovascolari e ictus. Durante lo studio della durata di 52 settimane, l’acido bempedoico aggiunto alla terapia con statine con tolleranza massima, non ha portato ad un’alta incidenza di effetti collaterali complessivi e ha abbassato il colesterolo LDL significativamente. Dopo tre mesi, l’acido bempedoico aveva ridotto i livelli di colesterolo LDL in media del 18% rispetto al gruppo placebo.

L’intensità dei piani di trattamento esistenti dei pazienti non ha influito sull’efficacia dell’acido bempedoico. Tuttavia, i tassi di incidenza di gotta all’interno del gruppo di test hanno visto un lieve aumento dovuto a livelli leggermente più alti di acido urico nel sangue. L’incidenza di gravi condizioni di salute non è stata riportata in nessuno dei due gruppi. Un secondo studio pubblicato dal New England Journal of Medicine ha utilizzato i dati di 654.783 persone per studiare gli effetti a lungo termine dell’acido bempedoico. Lo studio ha rintracciato i marcatori genetici per determinare i potenziali effetti dell’inibizione dell’enzima ATP-citratoliasi con acido bempedoico. È stato quindi confrontato con l’enzima che le statine solitamente inibiscono, la HMG-CoAR. Una volta convertito nella forma attiva, l’acido bempedoico non può lasciare il fegato, quindi non può entrare nei muscoli. Lo studio ha concluso che i suoi risultati implicano fortemente che l’inibizione della ATP-citratoliasi riduce i livelli plasmatici di colesterolo LDL nello stesso modo in cui l’inibizione dell’HMG-CoAR con una statina riduce i livelli di colesterolo LDL. L’acido bempedoico è stato considerato potenzialmente altrettanto sicuro ed efficace delle statine, e potrebbe anche evitare alcuni degli effetti collaterali negativi legati alla muscolatura sperimentati con le statine, poiché il nuovo farmaco agisce attraverso un diverso meccanismo di azione.

Esperion, la società farmaceutica statunitense che sta dietro al nuovo farmaco, sta lavorando per ottenere una licenza per vendere il farmaco sia in Europa che negli Stati Uniti nel 2019. Tuttavia, non c’è certezza che il farmaco sia disponibile per i pazienti in tutto il mondo entro questo lasso di tempo. Il professor Kausik Ray, autore principale, ha concluso: “Il nostro ultimo studio dimostra che l’acido bempedoico potrebbe essere un’ulteriore aggiunta all’arsenale dei trattamenti per abbassare il colesterolo disponibili per i pazienti. Quello che abbiamo è una nuova classe di farmaci che potrebbero essere somministrati a pazienti che stanno già assumendo statine e potrebbero aiutarli a ridurre ulteriormente i loro livelli di colesterolo e quindi a ridurre potenzialmente il rischio di infarti e ictus. Nel complesso, questi ultimi studi dimostrano che non solo il trattamento generalmente ben tollerato è paragonabile al placebo e potenzialmente sicuro per periodi più lunghi, ma che quando aggiunto al trattamento con statine ad alta intensità può aiutare a ridurre ulteriormente i livelli di colesterolo LDL”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Ray KK et al. N Engl J Med. 2019 Mar 14; 380(11):1022-1032. 

Ruscica M et al. Expert Opin Pharmacother. 2019 Feb 27:1-13. 

Wang X et al., Huang R. Kardiol Pol. 2019; 77(2):207-216. 

Ballantyne CM et al. Atherosclerosis 2018 Oct; 277:195-203. 

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1365 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it