giovedì, Maggio 30, 2024

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Prevenire l’Alzheimer con gli omega-3: il segreto dell’efficacia è raddoppiare la dose

I risultati di numerose ricerche di laboratorio e studi sulla popolazione supportano il potenziale preventivo degli acidi grassi omega-3, “grassi buoni” che si trovano in abbondanza nei pesci. Tuttavia, ad oggi la maggior parte degli studi che hanno valutato gli omega-3 per evitare o limitare il declino cognitivo nei partecipanti umani non ha mostrato benefici. Ora, un piccolo studio clinico dell’USC fornisce importanti indizi su questa discrepanza, nel primo studio sulla prevenzione dell’Alzheimer per confrontare i livelli di omega-3 nel sangue con quelli del sistema nervoso centrale. I risultati suggeriscono che possono essere necessarie dosi più elevate di integratori di omega-3 per fare la differenza, poiché i drammatici aumenti dei livelli ematici di omega-3 sono accompagnati da aumenti molto più piccoli all’interno del cervello. Tra i partecipanti che portano una specifica mutazione che aumenta il rischio di Alzheimer, l’assunzione di integratori ha aumentato i livelli di un acido grasso chiave molto meno rispetto a quelli senza la mutazione.

I ricercatori hanno reclutato 33 partecipanti che presentavano fattori di rischio per l ’Alzheimer ma che non presentavano deficit cognitivi; hanno poi lavorato per due anni per reclutare partecipanti per il processo. La barriera all’ingresso proveniva dall’unico metodo in grado di estrarre il liquido cerebrospinale: una puntura lombare, nota anche come prelievo spinale. È stato difficile trovare persone disposte a sottoporsi a quella procedura, che prevede un ago cavo che perfora la parte bassa della schiena, due volte. Tutti i partecipanti avevano una storia familiare della malattia, uno stile di vita sedentario e una dieta povera di pesci grassi. Quindici portavano una variante genetica chiamata APOE4, che è legata all’infiammazione nel cervello e aumenta il rischio di Alzheimer di un fattore di quattro o più; gli altri 18 erano non portatori. A caso, i partecipanti sono stati assegnati aun gruppo di trattamento o gruppo di controllo. Ai membri del gruppo di trattamento è stato chiesto di assumere integratori contenenti più di 2 grammi di un omega-3 chiamato acido docosaesaenoico (DHA) ogni giorno per sei mesi.

I membri del gruppo di controllo hanno preso posto ogni giorno nello stesso periodo. Ai partecipanti di entrambi i gruppi è stato anche chiesto di assumere quotidianamente vitamine del complesso B, che aiutano il corpo a elaborare gli omega-3. In effetti, alcuni enzimi che trasformano l’omega-3 hanno bisogno di vitamina B1, vitamina B6 e zinco. Il team ha raccolto campioni di plasma sanguigno e liquido cerebrospinale – un indicatore per stabilire se gli omega-3 hanno raggiunto il cervello – dai partecipanti all’inizio e di nuovo alla fine del periodo di studio. Gli scienziati hanno esaminato i livelli di due acidi grassi omega-3: DHA e acido eicosapentaenoico (EPA), un potente acido grasso antinfiammatorio. I ricercatori hanno scoperto che alla fine dei sei mesi, i partecipanti che assumevano integratori di omega-3 avevano il 200% in più di DHA nel sangue rispetto a quelli che avevano preso il placebo. Al contrario, il DHA trovato nel liquido cerebrospinale era solo il 28% più alto nel gruppo di trattamento rispetto al gruppo di controllo.

Questo risultato suggerisce che la misurazione dei livelli di omega-3 nel sangue potrebbe non indicare quanto sta raggiungendo il cervello. Il prof. Yassine e i suoi collaboratori riportano anche che, all’interno del gruppo di trattamento, quelli senza la mutazione APOE4 che gonfia il rischio hanno mostrato un aumento di EPA (omega-3 antinfiammatorio) nel loro liquido cerebrospinale tre volte maggiore di quanto visto in portatori del gene. In particolare, la dose di 2 grammi di DHA in questo studio ha superato di gran lunga ciò che è stato utilizzato nei principali studi clinici per testare il potere preventivo degli omega-3, che in genere somministrano 1 grammo o meno al giorno. I dati preliminari di questo studio erano abbastanza intriganti che gli scienziati erano in grado di attrarre finanziamenti per una sperimentazione più ampia per la quale è in corso il reclutamento. Dopo 320 partecipanti nell’arco di due anni, esaminerà se alte dosi di omega-3 possono rallentare il declino cognitivo nei portatori del gene APOE4.

Il Dott. Hussein Yassine, Professore associato di Medicina e Neurologia, Keck School of Medicine della USC, ritiene che la progressione da un piccolo studio a uno più grande sia un buon modello per lo sviluppo di terapie e prevenzione mirate al cervello. Crede che studi pilota come il suo siano così importanti come un passo verso studi molto più grandi e più complicati. La linea di fondo è, prima di intraprendere studi clinici molto costosi, è necessario mostrare la prova del concetto, che il farmaco sta entrando nel cervello e sta cambiando i biomarkers della malattia nella giusta direzione. Ed ha spiegato: “I trials clinici sono stati basati sul presupposto che gli omega-3 entrino nel cervello. Il nostro studio è stato progettato specificamente per rispondere a questa domanda. Usare una dose più bassa, ci si può aspettare un aumento inferiore al 10% degli omega-3 nel cervello, il che potrebbe non essere considerato significativo. Inoltre, i portatori di E4, nonostante abbiano la stessa dose, avevano meno omega-3 nel cervello. Questa scoperta suggerisce che l’EPA si sta consumando, si perde o non viene assorbito nel cervello con la stessa efficacia del gene E4”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Arellanes IC et al. EBioMedicine 2020 Jul 17:102883.

Yassine HN et al. Front Aging Neurosci. 2020; 12:150.

Tomaszewski N et al. J Alzheimers Dis. 2020; 74(3):975.

Yassine HN et al. Alzheimers Res Ther. 2017; 9(1):23.

Latest

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Newsletter

Don't miss

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Gli smartphones fra bambini ed adolescenti: come il loro uso/abuso si correla con la salute mentale ed il rapporto con i genitori

Con il rapido sviluppo sociale, i prodotti scientifici e tecnologici, tra cui gli smartphone sono i più popolari e convenienti, sono diventati una parte...

Epilessia: omega-3 ed estrogeni si fanno spalla per la salute del cervello

Gli scienziati apprezzano sempre più il ruolo dell'estrogeno nella salute del cervello. Ora per la prima volta, la produzione di estrogeni nel cervello è...

Hangovers and headache: a tale of receptors, mast(er) cells and “painful” neurochemical agreements

Alcohol addiction affects 283 million people globally. Crises such as terrorism, economic hardships and the coronavirus pandemic heighten alcohol intake and risky behaviors. Rehabilitation...

Questo si chiuderà in 20 secondi