domenica, Giugno 23, 2024

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Tirzepatide: l’ennesima promessa per perdere peso. I risultati di un trial clinico recentissimo

Le associazioni americane ed europee per il diabete concordano sul fatto che la riduzione del peso dal 5 al 15% è la chiave per la gestione del diabete di tipo 2  (T2D)e si traduce in benefici per la salute oltre il controllo glicemico. Infatti, una maggiore riduzione del peso corporeo (≥10%) migliora i fattori di rischio cardiometabolico, che possono anche portare alla remissione del diabete. In un precedente studio clinico, il trattamento con tirzepatide ha ridotto il peso corporeo fino al 20,9% dopo 72 settimane in persone obese che non soffrivano di T2D, oltre a migliorare altri esiti relativi alla salute in modo dose-dipendente. È un polipeptide insulinotropico glucosio-dipendente (GIP) e un agonista del recettore del peptide-1 (GLP-1) simile al glucagone, glucosio sinergizzato e omeostasi lipidica che regola il consumo di cibo e l’appetito. Pertanto, la FDA americana e l’EMA europea hanno approvato la tirzepatide per il trattamento del T2D negli adulti.

La molecola è anche in fase di sviluppo per la gestione cronica del peso. Tuttavia, gli studi su persone obese con T2D spesso hanno una minore riduzione del peso in risposta al trattamento con farmaci anti-obesità rispetto a quelli senza diabete. In un recente articolo pubblicato su The Lancet, i ricercatori hanno condotto uno studio clinico randomizzato di fase III in doppio cieco, controllato con placebo SURMOUNT-2 in sette paesi tra marzo 2021 e aprile 2023. Lo studio ha incluso adulti di età ≥18 anni con una massa corporea indice (BMI)≥ 27 kg/m2, con emoglobina glicata (HbA1c) di 7-10 e diabete di tipo 2. Lo studio mirava a valutare l’efficacia e la sicurezza di tirzepatide rispetto al placebo come trattamento per la gestione del peso. Nello specifico, hanno valutato il profilo di sicurezza e l’efficacia di 10 o 15 mg di tirzepatide per via sottocutanea o placebo per 72 settimane, se somministrati una volta alla settimana.

Di conseguenza, hanno progettato questa prova di 72 settimane e l’hanno condotta in 77 siti in India, Argentina, Giappone, Brasile, Russia, Stati Uniti e Taiwan. Tutti i partecipanti allo studio hanno ricevuto dieta, esercizio fisico o farmaci antiiperglicemici orali per la gestione del T2D tre mesi prima dello screening dello studio che è durato tre settimane. Questo studio aveva due endpoint coprimari; in primo luogo, i ricercatori hanno determinato la variazione % del peso corporeo dal basale alla settimana 72 e, in secondo luogo, hanno valutato la riduzione del peso rispetto al basale di almeno il 5% alla settimana 72. Nei partecipanti allo studio diabetici con un BMI≥ 27, tirzepatide 10 mg da 15 mg una volta alla settimana hanno ridotto il peso corporeo rispettivamente del 12,8% e del 14,7%, rispetto al 3,2% con il placebo. È incoraggiante che fino all’83% dei partecipanti abbia raggiunto una riduzione di peso clinicamente significativa ≥5%.

Inoltre, il 49% dei partecipanti trattati con tirzepatide ha raggiunto la normoglicemia e, cosa più importante, non ci sono stati casi di grave ipoglicemia tra coloro che hanno raggiunto questo target di HbA1c dopo il trattamento col farmaco. Inoltre, il trattamento con tirzepatide ha migliorato notevolmente i fattori di rischio cardio-metabolico dei partecipanti allo studio come la pressione arteriosa sistolica, i trigliceridi a digiuno e il colesterolo HDL o LDL. Questo studio ha prodotto un trattamento promettente per le persone obese con diabete di tipo 2.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Timothy G et al. Lancet 2023 Jun 26; in press.

Copur S et al. Eur J Intern Med. 2023; 113:1-5.

Jeon E et al. J Obes Metab Syndr. 2023 Jun 23.

le Roux CW et al. Diab Obes Metab. 2023 Jun 21.

Gao L et al. Nature Med. 2023; 29(6):1500-1510.

Pedersen S et al. Diab Obes Metab. 2023 May 29.

Latest

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Newsletter

Don't miss

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Gli acidi cheto-insaturi prodotti dal microbiota: i regolatori poco noti dell’immunità corporea

Il microbiota intestinale svolge un ruolo chiave nella digestione...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Scelte alimentari in base alla personalità: vincono profitto e convenienza o sostenibilità e coscienza?

Alimentazione. società e personalità I tratti della personalità, che sono misure di come un individuo pensa, sente e agisce, sono stati classificati in vari modi,...

Prozac e Zoloft: perchè ci stanno tanto prima di dare sollievo?

La depressione comporta un pesante onere sanitario globale. Secondo l'indagine sulla salute della comunità canadese del 2012, il 4,7% degli intervistati ha riferito sintomi...

Quando un oncogene non lavora come dovrebbe: il caso di c-Jun nel cancro della prostata

Uno studio internazionale condotto dagli scienziati della MedUni Vienna ha ora identificato una proteina che, nonostante la sua natura proto-oncogenica, potrebbe invece rallentare la...

Questo si chiuderà in 20 secondi