giovedì, Febbraio 22, 2024

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...

Autoimmune condition under training: how exercise impacts on most common clinical conditions

The global rise in autoimmune diseases, driven by environmental...

I benefici sulla salute delle bevande fermentate: il caso di quelle a base di avena

Essendo uno degli alimenti di origine vegetale più rappresentativi, la bevanda all’avena, ricca di sostanze nutritive e funzionalità, ha dimostrato di essere un sostituto relativamente economico ed eccellente dei tradizionali latticini e di grande aiuto per alleviare l’intolleranza al lattosio e probabilmente le allergie. causato da quest’ultimo. Contiene una varietà di nutrienti tra cui proteine, grassi, composti fenolici, minerali, che fanno la differenza nella prevenzione delle malattie cardiovascolari, del cancro al colon, del diabete di tipo 2 e di molte altre malattie. Allo stesso tempo, l’avena è ricca di fibre alimentari; il componente principale è il β‑glucano, in grado di ridurre i livelli di colesterolo e di glucosio nel sangue postprandiale. Un altro ruolo importante del β‑glucano è che, sotto l’azione della fermentazione della flora intestinale, può formare acidi grassi a catena corta che proteggono la mucosa del colon, come propionato, il butirrato ed acetato.

Questi acidi grassi possono essere utilizzati come prebiotici per promuovere la crescita del microbiota benefico, supportare la salute immunitaria dell’ospite e regolare i disturbi del metabolismo lipidico (colesterolo e/o trigliceridi alti). La fermentazione è un metodo tradizionale di lavorazione degli alimenti che può migliorare il valore nutrizionale, il gusto e l’aroma degli alimenti e prolungarne la durata di conservazione. Tutti conoscono i principali alimenti fermentati quali yogurt, kefir, kombucha e le bevande Fervida. In condizioni specifiche, la fermentazione può moltiplicare un gran numero di microrganismi benefici, ridurre il contenuto di quelli dannosi e convertire le sostanze macromolecolari originali presenti negli alimenti in piccole molecole, il che favorisce maggiormente la digestione ed il loro assorbimento intestinale. La ricerca scientifica ha confermato che microrganismi presenti nel processo di fermentazione possono favorire la salute.

Attualmente, la fermentazione è stata utilizzata nel latte, nei succhi di frutta e verdura, nelle proteine vegetali, nei cereali, ecc. Fra questi ultimi, l’avena contiene grandi quantità di oligosaccaridi indigeribili, peptidi e amminoacidi essenziali per promuovere la crescita microbica, che può essere utilizzata come buona matrice di coltura per crescita microbica, riproduzione e mantenimento dell’attività biologica. Ferro, zinco, magnesio, calcio e proteine dell’avena possono combinarsi con l’acido fitico per formare fattori antinutrizionali, che non favoriscono l’assorbimento umano. La fermentazione microbica può ridurre indirettamente l’acido fitico e aumentare il contenuto di ferro, zinco e calcio biodisponibili. Negli studi esistenti sulle bevande di avena fermentata, i principali batteri coinvolti sono i fermenti lattici (Lactobacillus, Bifidobacterium, Streptococcus, Myxobacterium, ecc.), mentre i principali funghi sono lieviti e Candida, rinvenibili anche nel kefir.

Il Lactobacillus plantarum è uno dei lattobacilli più comunemente rinvenibili nelle bevande fermentate a base di avena: ha una buona proprietà proteolitica e risente positivamente della presenza del beta-glucano. Oltre a L. plantarum, è stato dimostrato che anche il Bifidobacterium lactis, il L. rhamnosus e lo Streptococcus thermophilus si adattano bene ai substrati dell’avena. Lo Streptococcus thermophilus deriva dai latticini ed è considerato un ingrediente “generalmente riconosciuto come sicuro” (GRAS) a causa della sua capacità di aumentare la viscosità dei latticini. Lo S. thermophilus è spesso abbinato al L. bulgaricus in alcuni importanti prodotti lattiero-caseari fermentati, tra cui yogurt e formaggio, conferendogli il suo gusto e la sua collosità unici. Quest’ultimo è tanto reclamizzato nei probiotici classici (soprattutto yogurt) per le sue riconosciute azioni di promozione della salute immunitaria e regolarizzazione del transito intestinale.

È stato dimostrato che anche altri batteri lattici come L. fermentum, L. paracasei, L. acidophilus, ecc. vengono utilizzati nelle bevande a base di avena fermentata. La scienza ha provato che questi ceppi hanno una buona adattabilità al substrato che si massimizza a 72 ore, con ottima capacità di digerire substrato organici ed azotati. Inoltre, il prodotto finale si arricchisce di capacità antiossidanti totali per liberazione dei polifenoli dalla matrice generale del cereale. Anche funghi come il S. cerevisae (lo stesso del pane), la Candida lypolitica, Candida rugosa ed il Kluyveromyces marxianus sono comunemente ritrovabili nei prodotti fermentati. Assieme ai batteri, contribuiscono alla creazione di quell’aroma e del profumo tipico del prodotto finito, che concorrono sicuramente all’accettabilità commerciale da parte dei consumatori. Gli studi sui potenziali effetti degli estratti di avena fermentati con ceppi di L. plantarum hanno dimostrato che il consumo di avena fermentata promuove significativi effetti antidiabetici e ipolipidemici.

Uno degli acidi più importanti rilasciati in modo significativo durante la fermentazione è il GABA, un amminoacido non proteico ampiamente distribuito negli animali, nelle piante e nei microrganismi. A parte essere un neurotrasmettitore del sistema nervoso, esso è anche un parziale modulatore endocrino. Inoltre, la promozione dell’attività antidiabetica è stata attribuita principalmente alla stimolazione della secrezione di insulina da parte delle cellule pancreatiche. La produzione di GABA da parte di L. plantarum aumentata in modo dipendente dal tempo durante la fermentazione. Questo aumento potrebbe spiegare l’effetto benefico degli estratti di avena fermentata nell’attenuare i livelli di glucosio nel sangue in vivo.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Consigliati in questo sito

Latte e latticini: le loro influenze sulla salute avvengono attraverso il microbiota intestinale? (03/05/2023)

Alimenti fermentati: viaggio tra informazione, verità, credenze e prove a sostegno (13/03/2023)

Prodotti fermentati: come prevengono i problemi alle coronarie nel tempo? (08/10/2021)

Kombucha: il nuovo probiotico ed elisìr della salute? (01/12/2018)

Yogurt e salute: la scienza concorda sui vantaggi (02/01/2018)

Yogurt e kefir: preventivi per ipertensione e diabete? Parla la scienza (15/09/2017)

Pubblicazioni scientifiche

Kumari M et al. J Appl Microbiol. 2022; 133:104–119.

Montemurro M, Pontonio E et al. Foods 2021; 10:316.

Schmidt M. Crit Rev Food Sci Nutr 2020; 62:3281-3300.

Jayachandran M et al. J Nutr Biochem. 2018; 61:101.

Latest

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...

Autoimmune condition under training: how exercise impacts on most common clinical conditions

The global rise in autoimmune diseases, driven by environmental...

Newsletter

Don't miss

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...

Autoimmune condition under training: how exercise impacts on most common clinical conditions

The global rise in autoimmune diseases, driven by environmental...

Prevenzione con l’avocado per la salute del cuore: il punto fatto dalle recensioni scientifiche più recenti

L’avocado nella prevenzione delle cardiopatie L’eccesso di peso e la...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Omega-3: se si è in salute meglio prenderli a tavola che con integratori

Omega-3: biologia e patologia Gli acidi grassi omega-3 sono acidi grassi polinsaturi con potenti effetti sul sistema immunitario principalmente attraverso la loro attività anti-infiammatoria. I...

SM: oltre ai progenitori, gli oligos adulti si potrebbero reclutare

Le cellule chiamate neuroni fanno funzionare il sistema nervoso centrale trasmettendo segnali elettrici lungo connessioni filiformi chiamate assoni. Gli assoni fanno il loro lavoro...

Il problema del rumore sul lavoro: cosa causa, come si evolve e cosa comporta sul lavoratore a danno fatto

Il rumore è definito come una sensazione sgradevole rappresentata da un miscuglio di suoni aventi caratteristiche fisiche diverse, a differenza del suono musicale che...