giovedì, Febbraio 22, 2024

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...

Autoimmune condition under training: how exercise impacts on most common clinical conditions

The global rise in autoimmune diseases, driven by environmental...

Come il sonno perduto condiziona negativamente l’affettività: il rischio nascosto della società di oggi

La perdita del sonno non si limita a renderci stanchi: può minare il nostro funzionamento emotivo, diminuire gli stati d’animo positivi e metterci a maggior rischio di sintomi di ansia, secondo uno studio pubblicato dall’American Psychological Association che sintetizza più di 50 anni di ricerca sulla privazione del sonno e sull’umore. Questa indagine ha analizzato i dati di 154 studi che abbracciano cinque decenni, con 5.715 partecipanti totali. In tutti questi studi, i ricercatori hanno interrotto il sonno dei partecipanti per una o più notti. In alcuni esperimenti, i partecipanti venivano tenuti svegli per un lungo periodo. In altri, veniva loro concesso un periodo di sonno più breve del normale, e in altri venivano periodicamente svegliati per tutta la notte. Ogni studio ha anche misurato almeno una variabile legata alle emozioni dopo la manipolazione del sonno, come l’umore auto-riferito dai partecipanti, la loro risposta agli stimoli emotivi e le valutazioni di depressione e ansia.

Nel complesso, i ricercatori hanno scoperto che tutti e tre i tipi di perdita di sonno hanno comportato un minor numero di emozioni positive come gioia, felicità e contentezza tra i partecipanti, nonché un aumento dei sintomi di ansia come un battito cardiaco accelerato e una maggiore preoccupazione. Ciò si verificava anche dopo brevi periodi di perdita di sonno, come stare alzati un’ora o due più tardi del solito o dopo aver perso solo poche ore di sonno. I ricercatori hanno anche scoperto che la perdita di sonno aumenta i sintomi di ansia e attenua l’eccitazione in risposta agli stimoli emotivi. I risultati relativi ai sintomi della depressione erano più piccoli e meno coerenti, così come quelli relativi alle emozioni negative come tristezza, preoccupazione e stress. Una limitazione dello studio è che la maggior parte dei partecipanti erano giovani adulti – l’età media era di 23 anni.

La ricerca futura dovrebbe includere un campione di età più diversificato per comprendere meglio come la privazione del sonno colpisce le persone di età diverse; o per scoprire perché alcune persone potrebbero essere più vulnerabili di altre agli effetti della perdita di sonno. C’è da considerare anche l’affettività positiva. La ricerca che si concentra esclusivamente sui livelli medi di affetto, tuttavia, trascura intrinsecamente altri aspetti preziosi delle esperienze affettive, come la variabilità affettiva. Spesso operazionalizzata come la deviazione standard degli affetti all’interno della persona nel corso del tempo, la variabilità affettiva cattura quanto l’esperienza affettiva della persona si discosta dal suo livello affettivo medio. Anche se i livelli medi di affetto di un individuo sono identici nell’arco di 2 giorni, la sua variabilità affettiva potrebbe differire.

L’individuo, invero, potrebbe aver sperimentato elevata variabilità affettiva un giorno, ma basse fluttuazioni affettive (bassa variabilità affettiva) il giorno successivo. Un crescente numero di ricerche suggerisce che sia la variabilità dell’affetto positivo che quello negativo, svolgono un ruolo importante nel benessere psicologico oltre i livelli medi. Nello specifico, è stato dimostrato che una maggiore variabilità dell’affetto positivo nell’arco di 2 settimane è associata a un peggiore benessere psicologico, una minore soddisfazione di vita e una maggiore ansia e depressione. Infatti, una maggiore sua variabilità anche nell’arco di un solo giorno, può essere associata a una minore soddisfazione di vita e felicità. Alcuni hanno suggerito che la variabilità di affettività negativa sia alla base del collegamento tra nevrosi e maggiore suscettibilità alla psicopatologia.

L’affetto potrebbe avere un impatto sul sonno attraverso la gestione dello stress e i percorsi di regolazione delle emozioni. Più specificamente, le esperienze di affettività positiva potrebbero consentire l’accumulo di risorse psicologiche per affrontare lo stress e le seccature della vita quotidiana, tamponando così l’effetto deleterio dei fattori di stress sui successivi comportamenti sanitari, come il sonno. A livelli medio-elevati di affettività positiva, una sua maggiore variabilità potrebbe quindi inibire l’accumulo di importanti riserve emotive necessarie per affrontare con successo, diminuendo la durata degli stati positivi. Le ridotte riserve emotive portano quindi a una minore capacità di tamponare gli impatti dello stress, portando apparentemente a implicazioni a valle per il sonno. Questo ragionamento può essere ulteriormente esteso alla variabilità dell’affettività negativa, in modo tale che periodi di un suo aumento siano associati a una ridotta abilità regolatoria.

Cara Palmer, PhD, autrice principale dello studio della Montana State University, ha commentato le implicazioni: “Nella nostra società in gran parte privata del sonno, quantificare gli effetti della perdita di sonno sulle emozioni è fondamentale per promuovere la salute psicologica. Questo studio rappresenta la sintesi più completa della ricerca sperimentale sul sonno e sulle emozioni fino ad oggi e fornisce prove evidenti del fatto che periodi di veglia prolungata, durata del sonno ridotta e risvegli notturni influenzano negativamente il funzionamento emotivo umano. La ricerca ha scoperto che oltre il 30% degli adulti e fino al 90% degli adolescenti non dormono abbastanza. Le implicazioni di questa ricerca per la salute individuale e pubblica sono considerevoli in una società in gran parte privata del sonno. Le industrie e i settori inclini alla perdita del sonno, come i sanitari, i piloti e autotrasportatori, dovrebbero sviluppare e adottare politiche che diano priorità al sonno per mitigare i rischi per le funzioni e il benessere diurni”.

  • ​A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Consigliati in questo sito

Melatonina: un regolatore maestro al di là del sonno Melatonina: un regolatore maestro al di là del sonno (25/10/2022)

Il danno del sonno perduto sulla salute: uno studio mette in allarme (13/12/2021)

Sul buon sonno in tempi di lockdown: due studi fanno il resoconto dei vantaggi per la salute (12/06/2020)

Alcolici e qualità del sonno: colpevoli anche quelli leggeri? (12/05/2018)

Qualità del sonno legata a pensieri negativi? Pare di si. (13/01/2018)

Pubblicazioni scientifiche

Palmer CA et al. Psychol Bull. 2023 Dec; in press.

Ng CM et al. BMC Pub Health. 2023; 23(1):1803.

Song J et al. Affect Sci. 2023 Jan 20; 4(2):385-393.

Narmandakh A et al. J Affect Dis Rep. 2021; 4:100134.

Leger KA et al. J Psychosom Res. 2019; 124:109758.

Jenkins BN et al. J Psychosom Res. 2018; 104:41.

Chan DKC et al. Int J Behav Med 2016; 23(4):438.

Latest

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...

Autoimmune condition under training: how exercise impacts on most common clinical conditions

The global rise in autoimmune diseases, driven by environmental...

Newsletter

Don't miss

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...

Autoimmune condition under training: how exercise impacts on most common clinical conditions

The global rise in autoimmune diseases, driven by environmental...

Prevenzione con l’avocado per la salute del cuore: il punto fatto dalle recensioni scientifiche più recenti

L’avocado nella prevenzione delle cardiopatie L’eccesso di peso e la...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Colesterolo buono o LDL: è davvero utile averne tanto? Gli interventi per alzarlo sono efficaci?

Un alto tasso di mortalità globale è associato a malattie cardiovascolari (CVD), in particolare ictus ischemico aterotrombotico e malattia coronarica. Pertanto, è necessario ridurre...

Gruppo sanguigno e rischio patologie (I): quanto incide sul diabete?

Dall’inizio del 1900, grazie al biologo e patologo austriaco Karl Landsteiner, conosciamo i 4 gruppi sanguigni umani: A, B, AB e 0. Ognuna di...

Restrizione calorica e polifenoli per la salute dei vasi sanguigni: al di là del “paradosso francese”

L'endotelio regola l'omeostasi vascolare fungendo da barriera e regolatore attivo. L'attivazione del sistema nervoso simpatico (SNS) da parte dei recettori alfa1 e beta2 regola...