giovedì, Febbraio 22, 2024

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...

Autoimmune condition under training: how exercise impacts on most common clinical conditions

The global rise in autoimmune diseases, driven by environmental...

Le basi dell’agopuntura, i suoi effetti e le azioni su alcuni organi e sistemi corporei

L’agopuntura è una tecnica tradizionale cinese che è stata utilizzata per millenni per trattare il dolore cronico e altri problemi di salute associati all’infiammazione, ma la base scientifica della tecnica rimane poco conosciuta. Negli ultimi decenni, l’agopuntura è stata sempre più abbracciata nella medicina occidentale come potenziale trattamento per l’infiammazione. In questa tecnica, gli agopunti sulla superficie del corpo vengono stimolati meccanicamente, attivando la segnalazione nervosa che influisce sulla funzione di altre parti del corpo, compresi gli organi. In uno studio del 2014, i ricercatori hanno riferito che l’elettro-agopuntura, una versione moderna dell’agopuntura tradizionale che utilizza la stimolazione elettrica, potrebbe ridurre la tempesta di citochine nei topi attivando l’asse vago-surrene, un percorso in cui il nervo vago segnala alle ghiandole surrenali di rilasciare dopamina.

In uno studio pubblicato nel 2020, questo stesso gruppo di ricerca ha scoperto che questo effetto dell’elettro-agopuntura era specifico della regione: era efficace se somministrato nella regione degli arti posteriori, ma non aveva effetto quando somministrato nella regione addominale. Il team ha ipotizzato che potrebbero esserci neuroni sensoriali unici nella regione degli arti posteriori responsabili di questa differenza di risposta. Oggi le più importanti società scientifiche (OMS, NIH, FDA) riconoscono all’agopuntura i seguenti effetti terapeutici: effetto antalgico-analgesico (1967), immunomodulatore (1975), regolazione neuroumorale (1979), antispastico (1980), vasomodulatore (1980) ed effetto ansiolitico e antidepressivo (1994). I primi studi riguardo l’effetto analgesico e antalgico dell’agopuntura risalgono agli anni Settanta, quando fu dimostrato come l’agopuntura inibisse le radici intermedie laterali del midollo.

Gli effetti dell’agopuntura sul dolore

Le vie coinvolte nell’effetto antalgico ed analgesico riguardano sia la via afferente che quella efferente. La via afferente origina dal punto di agopuntura tramite la stimolazione recettoriale e arriva al nucleo reticolare para-gigantocellulare e nel rafe magno; ulteriori studi dimostrano che la stimolazione degli agopunti sviluppa potenziali di azione anche nel nucleo grigio peri-acqueduttale (PAG). Qui la serotonina è uno dei mediatori principali e può svolgere azione modulatrice sulla soglia del dolore. La via principale originata dal PAG raggiunge l’ipofisi, che secerne le beta-endorfine, stimolando il nucleo arcuato posteriore. La via efferente invece termina sul midollo spinale, dove, tramite le sinapsi inibitorie un interneurone controlla la trasmissione del messaggio dolorifico al cervello.

Neuropeptidi quali le endorfine, le encefaline e le dinorfine sono i principali neuromediatori dell’analgesia da agopuntura. È stato dimostrato infatti, che l’agopuntura modula l’afferenza dolorifica tramite la produzione di oppioidi endogeni a tre livelli: spinale (con encefaline e dinorfine), mesencefalico (encefaline) e ipotalamico e ipofisario (beta-endorfine). Non a caso, è noto da tempo che l’analgesia da agopuntura viene antagonizzata dal naloxone (antagonista oppioide selettivo). Inoltre l’agopuntura possiede un effetto antispastico, innescando riflessi neurovegetativi che fanno rilassare sia la muscolatura scheletrica che viscerale. Può quindi essere utile in tutte le patologie muscolo-scheletriche caratterizzate da dolore (fibromialgia, contratture, ecc..) e nelle patologie dell’apparato digerente (gastrite nervosa, colon irritabile, ecc…).

L’influenza dell’agopuntura sul sistema immunitario

Effetto immunomodulante dell’agopuntura risulta noto fin dal 1975 quando fu dimostrato come l’impiego di due punti (I4 e ST36) fosse in grado di aumentare i linfociti T-helper e T-citotossici mentre altri punti non mostravano alcun effetto. L’agopuntura avrebbe anche un effetto anti allergico come è stato provato dall’incremento di ormone corticotropo (ACTH) endogeno dopo l’applicazione degli agopunti. Un numero eccessivo di macrofagi M2 può aumentare il reclutamento cellulare e la secrezione di muco e portare a un’iperreattività delle vie aereeLe prove hanno dimostrato che l’agopuntura ha azioni antinfiammatorie sottoregolando i macrofagi proinfiammatori M1 e sovraregolando i macrofagi antinfiammatori M2, nonché modulando la secrezione di citochine associate.

La polarizzazione dei macrofagi è controllata dalle vie interconnesse di fattori estrinseci, dal microambiente tissutale locale e dai sistemi neurale-endocrino-immunitari. È stato suggerito che la polarizzazione dei linfociti T e delle secrezioni di citochine, con conseguente modulazione del sistema nervoso autonomo e dell’asse ipotalamo-ipofisi-surrene, possano essere meccanismi a monte della polarizzazione dei macrofagi indotta dall’agopuntura. Altri studi hanno dimostrato che anche l’utilizzo della moxabustione (con artemisia) determina un ritorno alla normalità delle varie popolazioni linfocitarie in pazienti neoplastici immunodepressi sottoposti a radioterapia, mentre altri studi hanno dimostrato un incremento dei livelli di immunoglobuline e delle agglutinine circolanti.

E c’è anche una connessione neuro-immunologica per quanto riguarda gli effetti dell’agopuntura sul sistema respiratorio, come citato prima nel contesto dell’asma bronchiale. Ed è quello che anche i sistemi neurale ed endocrino partecipano alla polarizzazione dei macrofagi. Il recettore α7-nAChR è un recettore dell’acetilcolina espresso sui macrofagi tissutali. La sua attivazione può inibire la polarizzazione tipo M1 indotta da tossine batteriche (LPS) e promuovere quella di tipo M2. Il trattamento con glucocorticoidi può aumentare la percentuale di macrofagi M2 diminuendo quella degli M1; e l’equilibrio tra i due tende ad essere stabile nelle prime fasi del danno polmonare acuto e della sindrome da distress respiratorio acuto. Questo ha implicazioni anche per il trattamento dei danni polmonari indotti dal COVID-19.

Azione sul sistema nervoso ed ormonale

L’agopuntura inoltre presenta anche un effetto di regolazione neuroumorale. Negli anni settanta in Cina infatti si era verificato un aumento costante dei 17-chetosteroidi e dell’aldosterone nell’urina dopo il trattamento con agopuntura. L’agopuntura presenta infatti un importante ruolo in patologie diverse tra loro (stress, ansia disfunzioni tiroidee) ma accumunate da un sostanziale disequilibrio nel network ormonale circolante. L’effetto ansiolitico e antidepressivo è stato indagato sin dagli anni ’70, quando fu rilevato che l’agopuntura influenza il tracciato EEG, determinando un aumento del ritmo alfa. Alcuni studi hanno evidenziato che l’agopuntura è efficace nel trattamento della depressione cronica, mentre l’effetto rilassante dell’agopuntura è una conseguenza della sua capacità di alterare i potenziali elettrici cerebrali e il metabolismo di neurotrasmettitori come serotonina, noradrenalina, acetilcolina ed altri.

Nel 2021, Liu et al. hanno condotto una serie di esperimenti sui topi per indagare su questa ipotesi. In primo luogo, hanno identificato un piccolo sottoinsieme di neuroni sensoriali contrassegnati dall’espressione del recettore PROKR2C. Hanno determinato che questi neuroni erano da 3 a 4 volte più numerosi nel tessuto della fascia profonda dell’arto posteriore che nella fascia dell’addome. Quindi il team ha creato topi a cui mancavano questi neuroni sensoriali. Hanno scoperto che l’elettro-agopuntura nell’arto posteriore non attivava l’asse vago-surrene in questi topi. In un altro esperimento, il team ha utilizzato la stimolazione basata sulla luce per indirizzare direttamente questi neuroni sensoriali nella fascia profonda dell’arto posteriore. Questa stimolazione ha attivato l’asse vago-surrene in modo simile all’elettro-agopuntura.

Di base, l’attivazione di questi neuroni è sia necessaria che sufficiente per attivare questo asse vago-surrenale. In una serie di prove conclusive, gli scienziati hanno esplorato la distribuzione dei neuroni nell’arto posteriore. Hanno scoperto che ci sono molti più neuroni nei muscoli anteriori dell’arto posteriore che nei muscoli posteriori, con conseguente risposta più forte all’elettro-agopuntura nella regione anteriore. Sulla base di questa distribuzione delle fibre nervose, possiamo prevedere quasi con precisione dove la stimolazione elettrica sarà efficace e dove non sarà efficace. Insieme, questi risultati forniscono la prima spiegazione neuroanatomica concreta per la selettività e la specificità dei punti terapeutici: dicono i parametri dell’agopuntura, quindi dove andare, quanto in profondità andare, quanto dovrebbe essere forte l’intensità.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Liu S et al. Nature 2021 Oct; 598(7882):641-645.

Dou B et al. Front Neurosci. 2021 Aug; 15:695670.

Wang J, Lu S et al. Chinese Med. 2021; 16(1):56.

Wang S et al. Med Acupunct. 2017; 29(5):322-326. 

Kimura K et al. Acupunct Med. 2013; 31(1):74-80. 

Su TF, Zhang LH et al. Molecular Pain. 2011; 7:98.

Kim SK, Bae H. Auton Neurosci. 2010;157(1-2):38. 

Hsiu H et al. Physiol Meas. 2008; 29(12):1421-34. 

Kavoussi B et al. Integr Cancer Ther. 2007; 6(3):251.

Han JB et al. J Neuroimmunol. 2003; 140(1-2):159. 

Van Tulder MW et al. Spine. 1999; 24(11):1113-18.

Tang JL et al. Brit Med J. 1999; 319(7203):160-161.

Zhu YP et al. Pharm World Sci. 1995; 17(4):103-12.

Latest

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...

Autoimmune condition under training: how exercise impacts on most common clinical conditions

The global rise in autoimmune diseases, driven by environmental...

Newsletter

Don't miss

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...

Autoimmune condition under training: how exercise impacts on most common clinical conditions

The global rise in autoimmune diseases, driven by environmental...

Prevenzione con l’avocado per la salute del cuore: il punto fatto dalle recensioni scientifiche più recenti

L’avocado nella prevenzione delle cardiopatie L’eccesso di peso e la...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Trapianto di midollo: la semi-compatibilità va bene e si può renderla stabile

Raddoppiando la bassa quantità di radiazioni totali trasmesse ai pazienti sottoposti a trapianto di midollo osseo con cellule donatrici che sono solo "semi-abbinate", il...

Insufficienza renale cronica: la dieta mediterranea le fa bene

L'insufficienza renale cronica (IRC) è un grave problema clinico e sanitario, perché è associato ad un aumento del rischio di eventi cardiovascolari, ospedalizzazione e morte....

Chirurgia bariatrica negli adolescenti e rischio cardiologico futuro

Una consistente perdita di peso, il sesso femminile e la giovane età sono tutti fattori che farebbero prevedere un maggiore beneficio a livello di...