venerdì, Giugno 21, 2024

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Trigonellina: l’alcaloide che agisce come tale ma anche come precursore di coenzimi enzimatici anti-aging

La sarcopenia è il declino correlato all’età del muscolo scheletrico dovuto al deperimento delle miofibre, con conseguente ridotta contrazione delle fibre muscolari, diminuzione della mobilità e disabilità. Le manifestazioni cliniche della sarcopenia comprendono la riduzione della massa muscolare e, di conseguenza, la diminuzione della velocità e della forza dell’andatura. Gli studi hanno scoperto che la disfunzione mitocondriale ha il suo ruolo nello sviluppo della sarcopenia. I fenotipi dell’invecchiamento muscolare sono guidati da fattori quali una minore biogenesi mitocondriale, una diminuzione della respirazione cellulare, della produzione di ATP e variazioni nella dinamica mitocondriale. La ricerca recente si è concentrata sulla comprensione del ruolo di fattori sistemici come le citochine infiammatorie, gli aminoacidi circolanti e le fluttuazioni del metabolismo dei lipidi, delle vitamine e del glucosio nell’influenzare la funzione mitocondriale e avere un impatto sulla forza muscolare.

Il NAD+ è derivato dai precursori della vitamina B3 ed è un cofattore essenziale per il metabolismo dell’organismo e delle cellule. Nei mammiferi, il NAD+ può essere prodotto da precursori alimentari come la nicotinamide mononucleotide e la nicotinamide riboside attraverso la via della nicotinamide riboside chinasi, l’acido nicotinico o la niacina attraverso la via Preiss-Handler dipendente dalla nicotinamide fosforibosiltransferasi (NAMPRT), dal triptofano e dalla nicotinamide. Gli studi sui roditori hanno anche confermato i risultati degli studi sull’uomo secondo cui i muscoli scheletrici invecchiati mostrano una diminuzione dei livelli di NAD+. Bassi livelli di NAD+ sono stati identificati recentemente come uno dei segni distintivi dell’invecchiamento muscolare e della sarcopenia, insieme alla disfunzione mitocondriale. Tuttavia, non è noto se i livelli decrescenti di NAD+ siano collegati a marcatori molecolari circolanti che possono essere utilizzati come biomarkers clinici.

I risultati hanno mostrato che sebbene i metaboliti della vitamina B3 o qualsiasi altro metabolita analizzato nello studio non mostrassero alterazioni legate alla sarcopenia, gli individui con sarcopenia avevano bassi livelli di trigonellina, un alcaloide naturale prodotto da mammiferi e piante. L’indice di massa magra appendicolare, così come le misurazioni della velocità dell’andatura e della forza di presa, hanno mostrato una correlazione tra la massa muscolare e i livelli di trigonellina. Inoltre, è stato scoperto che i livelli sierici di trigonellina erano collegati ai livelli di NAD+ nei muscoli scheletrici. Gli studi di arricchimento del percorso dai tessuti dei roditori hanno anche indicato che numerose vie di segnalazione e metaboliche, come la via della fosforilazione ossidativa mitocondriale, erano positivamente associate ai livelli sierici di trigonellina. Questo alcaloide è presente anche nel caffè ed in alimenti come l’avena e la soia.

L’analisi dell’assunzione alimentare ha rilevato che il consumo di caffeina non era associato a cambiamenti nei livelli di trigonellina nel siero. Questo vuol dire che assumere caffè quantunque sia regolare o decaffeinato non influisce sui livelli interni di trigonellina. Tuttavia, ha indicato che l’assunzione di fibre e folati potrebbe, al contrario, influenzare i livelli circolanti; la ragione di ciò non è conosciuta. Anche i cambiamenti nell’assunzione di vitamina B3 non sembrano influenzare l’associazione tra forza muscolare e livelli di trigonellina. Questi risultati hanno suggerito che la trigonellina fosse un nuovo metabolita che potrebbe essere utilizzato come biomarker per valutare il metabolismo mitocondriale e la forza muscolare attraverso i livelli di NAD+. Sebbene i risultati non abbiano mostrato associazioni tra i segni distintivi della sarcopenia e il metaboloma della vitamina B3, bassi livelli di trigonellina sono risultati associati a una diminuzione dei livelli di NAD+, al declino della massa muscolare e alla disfunzione mitocondriale.

Tutte queste informazioni, tuttavia, potrebbero spiegare gli effetti farmacologici che si attribuiscono a questo alcaloide, che fra l’altro è uno dei costituenti maggiori del fieno greco, una pianta che ha applicazioni erboristiche come ipoglicemizzante, depurante interno, sedativo e utile di complemento nel trattamento dell’emicrania. La trigonellina ha anche attività ipolipidemizzante, neuroprotettiva, nootropica (di miglioramento della memoria), antibatterica, antivirale e antitumorale ed è stato dimostrato che riduce la neuropatia uditiva diabetica e l’aggregazione piastrinica. Agisce influenzando la rigenerazione delle cellule β pancreatiche, la secrezione di insulina, le attività degli enzimi legati al metabolismo del glucosio, l’estensione assonale e l’eccitabilità dei neuroni. Non farebbe meraviglia che le azioni dell’alcaloide fossero solo in parte mediate come tale, ma dipendessero anche dalla sua conversione a nicotinammide o NAD+.

  • A cura del. Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD; specialista in Biochimica Clinica.

Consigliati in questo sito

Invertire l’invecchiamento con molecole naturali: ed il bersaglio preferito restano i mitocondri cellulari (18/11/2023)

Alimentazione: comprendere il metabolismo vuol dire rallentare le malattie (15/02/2019)

Anti-aging: rughe e capelli grigi si abbattono curando i mitocondri (25/07/2018)

Fermare l’invecchiamento? Il bersaglio migliore sono i mitocondri, dice l’ultimo studio (07/05/2018)

Pubblicazioni scientifiche

Membrez M et al. Nature Metab. 2024; 6(3):433–447.

Liang Y, Dai X et al.Biochimie. 2023 Mar; 206:93-104.

Basse AL, Agerholm M et al. Mol Metab. 2021; 53:101271. 

Waltz TB et al. Curr Med Chem. 2018; 25(40):5588-5596.

Zhou J et al. Curr Med Chem. 2012; 19(21):3523-31.

Latest

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Newsletter

Don't miss

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Gli acidi cheto-insaturi prodotti dal microbiota: i regolatori poco noti dell’immunità corporea

Il microbiota intestinale svolge un ruolo chiave nella digestione...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Omega-3: se si è in salute meglio prenderli a tavola che con integratori

Omega-3: biologia e patologia Gli acidi grassi omega-3 sono acidi grassi polinsaturi con potenti effetti sul sistema immunitario principalmente attraverso la loro attività anti-infiammatoria. I...

ONC201: il primo farmaco epigenetico per quei dannati tumori cerebrali ancora letali

I gliomi diffusi della linea mediana, incluso il glioma pontino intrinseco diffuso (DIPG) con una mutazione chiamata H3K27M, sono tumori cerebrali particolarmente aggressivi, con...

Progesterone: il nuovo biofarmaco per molte condizioni neurologiche?

Le lesioni del sistema nervoso centrale e le malattie neurodegenerative mostrano un ampio spettro di processi fisiopatologici comuni, tra cui stress ossidativo, neuro-infiammazione, eccito-tossicità...

Questo si chiuderà in 20 secondi