sabato, Febbraio 24, 2024

Sostenibilità alimentare: la vinaccia come fonte di sostanze bioattive per produrre farmaci e alimenti funzionali

La vinaccia come risorsa rinnovabile La vinificazione è una delle...

IkB-zeta: the hidden in-plain-sight immune regulator for transcriptional moonlightning

Our immune system is remarkably powerful. It quickly assembles...

La salute mentale risente del sonno, ma riguardo ai ritmi circadiani? Quali sono le nuove possibilità di intervento?

I ritmi circadiani e la malattia mentale Un team internazionale...

Epilessia: omega-3 ed estrogeni si fanno spalla per la salute del cervello

Gli scienziati apprezzano sempre più il ruolo dell’estrogeno nella salute del cervello. Ora per la prima volta, la produzione di estrogeni nel cervello è stata direttamente collegata alla presenza di acido docosaesaenoico (DHA). Le ultime ricerche dell’Università di Hiroshima che collegano la sintesi di DHA alla produzione di estrogeni e, conseguentemente, la salute del cervello, supportano ulteriormente il vecchio detto che un apporto giornaliero di olio di pesce fa bene. L’acido grasso omega-3 DHA si trova in abbondanza negli oli di pesce ed è anche sintetizzato dall’acido alfa-linolenico, un acido grasso omega-3 che si trova in alcuni olii vegetali. Il ricercatore Yasuhiro Ishihara, del Laboratorio di Molecular Brain Science della HU, profondamente consapevole sia della crescente comprensione del ruolo degli estrogeni nella salute del cervello, sia della capacità del DHA di ridurre le crisi epilettiche, voleva determinare se esistesse un legame tra i due fenomeni. La sua ricerca, recentemente pubblicata su Scientific Reports e che coinvolge collaboratori provenienti dal Giappone e dagli Stati Uniti, ha studiato come tre gruppi di topi alimentati con diete a base di olio hanno reagito alle crisi indotte da un farmaco specifico.

Ad un gruppo è stata somministrata una dieta a base di olio di soia, un’altra a olio di semi di cotone e una terza a olio di semi di cotone in aggiunta agli integratori di DHA. Questi due oli usati sono stati scelti a causa delle differenti rese di DHA ottenute da loro, cioè il corpo produce più DHA dall’olio di semi di soia rispetto all’olio di semi di cotone. Il terzo gruppo era anche alimentato con olio di semi di cotone, ma anche in modo cruciale insieme agli integratori di DHA. Dopo 28 giorni su queste diete, i tre gruppi sono stati esposti a farmaci che inducono convulsioni (PTZ). Il gruppo alimentato con olio di soia impiegò più tempo ad esporre le crisi e, quando si presentarono, ebbe una durata inferiore a quelle alimentate con olio di semi di cotone. Tuttavia, i topi alimentati con olio di semi di cotone con supplementazione di DHA, hanno impiegato molto più tempo per i sequestri di prendere piede – dimostrando che il DHA di origine alimentare era un fattore chiave che contribuiva. Quando i ricercatori hanno esaminato il cervello di questi topi, hanno scoperto che i semi alimentati con olio di soia avevano oltre il doppio della concentrazione di estrogeni presenti come quelli alimentati esclusivamente con olio di semi di cotone. I topi nutriti con semi di cotone con integrazione di DHA avevano livelli ancora più alti dell’ormone, suggerendo che la produzione di estrogeni influisce sulle convulsioni e che questo è direttamente collegato alla presenza di DHA.

Al fine di dimostrare questo legame tra la concentrazione di estrogeni nel cervello e l’assunzione di acidi grassi omega-3 / sintesi di DHA, è stato condotto un secondo esperimento. Questa volta, un gruppo di topi è stato nuovamente nutrito con olio di semi di cotone e un altro gruppo su olio di semi di cotone con supplementazione di DHA. Inoltre, un terzo gruppo è stato alimentato con olio di semi di cotone con supplementi di DHA combinati con letrozolo, un farmaco che impedisce la sintesi di estrogeni. Quando sono state indotte crisi epilettiche questa volta, il gruppo esposto al letrozolo ha riscontrato attacchi molto più precoci rispetto a quelli alimentati con semi di cotone arricchiti con DHA, confermando così l’importanza degli estrogeni nella prevenzione delle crisi. DHA ha regolato l’espressione degli enzimi antiossidanti nella corteccia cerebrale. L’ossidazione nella corteccia cerebrale indotta da PTZ è stata significativamente attenuata dal DHA e il letrozolo ha completamente inibito questa azione soppressiva. Questa ricerca dell’Università di Hiroshima è la prima volta che gli estrogeni cerebrali, la cui sintesi è stata attivata da DHA di origine alimentare, hanno dimostrato di determinare la crisi di crisi. Si prevede che questi risultati contribuiranno allo sviluppo di farmaci per il trattamento dell’epilessia, oltre a favorire la comprensione della relazione tra l’assunzione di lipidi e la salute del cervello. A causa della mancanza di alti oli di pesce che producono DHA in molte diete occidentali, dovrebbe anche essere interessante per i dietisti influenzare lo sviluppo di futuri supplementi di potenziamento del cervello.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Choi JE, Park Y. J Nutr Biochem. 2017 ;49:101-109.

Ishihara Y et al. Sci Rep. 2017 Jul 24; 7(1):6268-76.

Ishihara Y et al., Yamazaki T. Steroids 2016;113:71. 

Bazan N et al. Mol Neurobiol. 2011 Oct; 44(2):216-22.

Latest

Sostenibilità alimentare: la vinaccia come fonte di sostanze bioattive per produrre farmaci e alimenti funzionali

La vinaccia come risorsa rinnovabile La vinificazione è una delle...

IkB-zeta: the hidden in-plain-sight immune regulator for transcriptional moonlightning

Our immune system is remarkably powerful. It quickly assembles...

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Newsletter

Don't miss

Sostenibilità alimentare: la vinaccia come fonte di sostanze bioattive per produrre farmaci e alimenti funzionali

La vinaccia come risorsa rinnovabile La vinificazione è una delle...

IkB-zeta: the hidden in-plain-sight immune regulator for transcriptional moonlightning

Our immune system is remarkably powerful. It quickly assembles...

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Glucosio: si altera con lo stress cronico e compromette la memoria

Lo stress cronico è un noto fattore di rischio per lo sviluppo di malattie psichiatriche, compresi i disturbi della depressione. Il cervello richiede una...

Diabete da gravidanza: quali opzioni alimentari sono disponibili e cosa ne pensa la scienza

Il diabete gestazionale (GDM) è l’iperglicemia che viene riconosciuta per la prima volta durante la gravidanza. Comprende diabete di tipo 2 non diagnosticato e...

Disturbo bipolare: che finalmente ci sia dietro anche un gene?

Un nuovo studio dei ricercatori del Picower Institute for Learning and Memory al MIT rileva che la proteina CPG2 è significativamente meno abbondante nel...