martedì, Aprile 16, 2024

Sempre più spazio per la ketamina nel trattamento della depressione resistente: come fa a “resettare” i circuiti?

Background Le stime attuali indicano che oltre 300 milioni di...

Proteasome anchors to neuronal membranes to become a signaling platform: moonlightner or hidden deceiver?

Within the nervous system, the proteasome system (PROS) has...

Intelligenza Artificiale al servizio dell’oncologia (II): adesso è il turno dei tumori cerebrali

Introduzione I tumori al cervello, sebbene rari, rappresentano una sfida...

Arancia rossa: migliora l’infiammazione per sistemare il metabolismo

L’obesità è ben riconosciuta come uno dei principali problemi di salute pubblica in tutto il mondo e la sua diffusione è in aumento. I tassi di sovrappeso e/o obesità in Italia, come gli altri paesi occidentali, sono stimati rispettivamente al 32% e/o al 10%. L’obesità con accumulo di grasso nella zona addominale, specialmente nel comparto viscerale, può essere associata ad una più alta prevalenza di diabete mellito, ipertensione, dislipidemia e malattia coronarica rispetto all’obesità gluteo-femorale. Il meccanismo patogenetico specifico non è chiaro, anche se alcune evidenze suggeriscono che, come un grande organo endocrino e secretorio, il tessuto adiposo viscerale potrebbe svolgere un ruolo chiave in queste complicazioni metaboliche rilasciando diversi ormoni, citochine e altre sostanze vasoattive. Recentemente è stato dimostrato che prevenire alcuni disturbi metabolici associati all’obesità, come il diabete mellito, era possibile con la dieta e la modificazione dello stile di vita. In particolare, numerosi studi epidemiologici hanno confermato un’associazione inversa tra il consumo maggiore di frutta e verdura e l’insorgenza di malattie cardiovascolari, cancro e malattie cronico-degenerative. Frutta e verdura forniscono vitamine, minerali, fibre alimentari e contengono una combinazione unica e una quantità di composti chiamati nutraceutici o fitochimici con proprietà benefiche sorprendenti (nutrizionali e farmacologiche).

Assodato questo, una ricerca condotta dal Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’Analisi dell’Economia Agraria (CREA) di Acireale, Catania, ha studiato se un succo d’arancia commerciale ricco di antocianine potesse avere un effetto sul peso corporeo e sui parametri clinici legati all’obesità, compreso lo stato antiossidante, il profilo lipidico e i markers metabolici e infiammatori. 11 donne con un BMI medio di 34,4 ± 4,8 kg/m2 sono state arruolate in uno studio pilota. Durante un periodo di 12 settimane hanno ricevuto 500ml giornalieri (in due dosi da 250 ml) di succo commerciale d’arancia rossa  (SCAR). I parametri biochimici sono stati misurati al basale e alla fine dello studio. Un mese dopo la dieta, è stato eseguito un follow-up misurando le stesse variabili. Il consumo giornaliero di 500 ml di SCAR non ha avuto effetti significativi sul peso corporeo, mentre si è registrata una diminuzione del colesterolo totale e del colesterolo LDL. Il campione al basale era caratterizzato da sovrapproduzione di citochine infiammatorie, proteina C-reattiva, TNF-α e resistenza all’insulina e normale profilo lipidico. Gli unici due soggetti in sovrappeso hanno mostrato una diminuzione media del 34% di PCR e del 23% per il TNF-α, mentre, tra le donne con obesità, è stato riscontrato un loro aumento medio del 39% e del 5%, rispettivamente. Pertanto, il diverso grado di obesità implicava cambiamenti diversi nei markers dell’infiammazione. 

Questo studio non dimostra, come qualcun altro eseguito in precedenza, che l’arancia rossa fa perdere peso, ma di sicuro abbassa dei markers infiammatori che possono preludere al sovrappeso e/o all’obesità.

  • a cura del Dr, Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Lauro MR et al. Oxid Med Cell Longev. 2017;2017:2867630.

Ayoub HM et al. J Med Food. 2017 Dec; 20(12):1240-1249.

Fallico B et al. Food Chem. 2017 Jan 15; 215:67-75.

Balestra C et al. Nat Prod Res. 2016; 30(18):2101-106.

Latest

Newsletter

Don't miss

Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Overlapping coughing-sneezing-sicking: are viral lung infections going to need multiple check-points?

Respiratory viruses suppressed during the COVID-19-induced pandemic have started re-circulating globally with SARS-CoV-2 worldwide, with the suspension of non-pharmaceutical interventions. The USA Centre for...

Erboristeria e spezie nelle malattie reumatiche: a parte i farmaci, sono utili per sintomi o benessere?

Nonostante i progressi nel trattamento farmacologico della RD negli ultimi anni, la maggior parte dei pazienti non raggiunge la remissione completa con i trattamenti...

Acidi grassi contro l’osteoartrosi: ma sottoforma di copolimero per poterli dare come infiltrazione

L'osteoartrosi è una malattia articolare cronica che colpisce le anche, le ginocchia e le dita e la sua prevalenza aumenta con l'invecchiamento della popolazione....