venerdì, Luglio 12, 2024

SLEight of hand for autoimmune responses: a game of competence between interferon, cellular receptors and metabolites

Systemic lupus erythematosus (SLE) is the prototypical autoimmune disease...

Le tante facce dell’interferone: il responsabile del lupus, non importa se diretto o indotto dai virus

Il lupus eritematoso sistemico (LES) è il prototipo della...

L’ictus cerebrale ha un nuovo farmaco curativo: LK-2, nato da una collaborazione internazionale

L’ictus è una delle principali cause di morte e...

Yogurt e salute cardiovascolare: le prove vanno “in fermento”

L’ipertensione arteriosa è un importante fattore di rischio per le malattie cardiovascolari. Gli studi clinici hanno precedentemente dimostrato effetti benefici del consumo di latticini sulla salute cardiovascolare. Lo yogurt può essere indipendentemente correlato al rischio di malattie cardiovascolari. L’ipertensione colpisce circa un miliardo di persone in tutto il mondo, ma può anche essere una delle principali cause di problemi di salute cardiovascolare. Un maggiore consumo di latticini è stato associato ad effetti benefici sulle comorbidità correlate alla patologia cardiovascolare come l’ipertensione, il diabete di tipo 2 e l’insulino-resistenza. Un nuovo studio sull’American Journal of Hypertension, pubblicato dalla Oxford University Press, suggerisce che un maggiore consumo di yogurt è associato a un minor rischio di malattie cardiovascolari tra uomini e donne ipertesi. Per le analisi attuali, i partecipanti hanno incluso oltre 55.000 donne (di età compresa tra 30 e 55 anni) con pressione sanguigna elevata dallo studio sulla salute degli infermieri (Nurses Health Study) e 18.000 uomini (età 40-75) che hanno partecipato allo studio Health Professional Follow-Up Study. Nello studio sulla salute degli infermieri, i partecipanti sono stati invitati a compilare un questionario da 61 voci inviato nel 1980 per riferire il consumo alimentare abituale nell’anno precedente. I partecipanti hanno successivamente riferito di eventi intermedi diagnosticati dal medico inclusi infarto miocardico, ictus e rivascolarizzazione. È stato richiesto il permesso di accedere alle cartelle cliniche per confermare tutte le nuove diagnosi segnalate. Assunzioni più elevate di yogurt sono state associate a una riduzione del 30% del rischio di infarto miocardico, tra le donne del Nurses Health Study, e una riduzione del 19% negli uomini del follow-up degli operatori sanitari (Health Professional Follow-Up Study).

Ci sono stati 3.300 e 2.148 casi di malattia cardiovascolare totale (infarto del miocardio, ictus e rivascolarizzazione) nello studio sulla salute degli infermieri e nello studio di follow-up dei professionisti della salute, rispettivamente. Un maggior apporto di yogurt nelle donne era associato a un rischio inferiore del 16% di sottoporsi a rivascolarizzazione. In entrambi i gruppi, i partecipanti che hanno consumato più di due porzioni alla settimana di yogurt hanno avuto un rischio inferiore del 20% circa di malattia coronarica maggiore o di ictus durante il periodo di follow-up. Quando la rivascolarizzazione è stata aggiunta alla variabile di esito totale della malattia cardiovascolare, le stime del rischio sono state ridotte sia per gli uomini che per le donne, ma sono rimaste significative. L’assunzione di yogurt più alta in combinazione con una dieta complessiva salutare al cuore, è stata associata a una maggiore riduzione del rischio di malattie cardiovascolari tra uomini e donne ipertesi. “Abbiamo ipotizzato che l’assunzione di yogurt a lungo termine potrebbe ridurre il rischio di problemi cardiovascolari dal momento che alcuni piccoli studi precedenti avevano mostrato effetti benefici dei prodotti lattiero-caseari fermentati”, ha detto uno degli autori dello studio, il Dr. Justin Buendia. “Qui, abbiamo avuto una grande coorte di uomini e donne ipertesi, che sono stati seguiti fino a 30 anni. I nostri risultati forniscono nuove importanti prove che lo yogurt può portare benefici alla salute del cuore, da solo o come parte integrante di una dieta ricca di fibre frutta, verdura e cereali integrali”.

Uno studio di precedente di poco più di un mese fa, ha valutato come il consumo di yogurt magro possa contrastare i markers dell’infiammazione in donne obese e/o in pre-menopausa. Le donne in pre-menopausa sono state randomizzate a consumare 340 g di yogurt magro (yogurt non obeso (YN), yogurt obeso (YO)) o 324 g di budino di soia (controllo non obeso, controllo obeso (CO)) al giorno per 9 settimane (30 individui per gruppo). Campioni di sangue a digiuno sono stati analizzati per citochine (IL-6, TNF-α, proteina C-reattiva), 2-arachidonoil-glicerolo e anandamide (cannabinoidi endogeni), CD14 solubile (sCD14), lipopolisaccaride (LPS), proteina legante LPS (LBP), complesso core endotossina-IgM (IgM EndoCAb) e zonulina. Indice di massa corporea (BMI), circonferenza della vita e pressione sanguigna sono stati anche registrati. Dopo 9 settimane di consumo di yogurt, i gruppi Y e YN avevano livelli di TNF-α più bassi. Il consumo di yogurt ha aumentato il plasma IgM EndoCAb indipendentemente dallo stato di obesità. L’ingestione di yogurt ha aumentato il 2-arachidonoil-glicerolo plasmatico in YO ma non in YN. L’espressione dell’inibitore IkBα e del fattore di crescita di trasformazione β1 (TGF-beta) è aumentata rispetto a CO a 9 settimane. Altri markers sono rimasti invariati con la dieta. I gruppi CO e YO hanno guadagnato circa 0,9 kg nel peso corporeo, ed YO aveva una pressione arteriosa diastolica inferiore del 5% alla settimana 3.

Sembra che le prove a favore dello yogurt e dei suoi benefici effetti sulla salute, dunque, si stiano facendo finalmente strada.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, Medico specialista in Biochimica Clinica.

Letteratura specifica

Buendia JR et al. American Journal of Hypertension, Feb 2018.

Pei R et al. Br J Nutr. 2017 Dec; 118(12):1043-1051.

Fernandez MA et al. Adv Nutr. 2017 Nov 15; 8(6):812-829. 

Law M et al. Appl Physiol Nutr Metab. 2017 Nov; 42(11):1210-1216.

Donovan SM, Salas-Salvadó J. J Nutr. 2017 Jul; 147(7):1449S-1451S.

Latest

Newsletter

Don't miss

SLEight of hand for autoimmune responses: a game of competence between interferon, cellular receptors and metabolites

Systemic lupus erythematosus (SLE) is the prototypical autoimmune disease...

Le tante facce dell’interferone: il responsabile del lupus, non importa se diretto o indotto dai virus

Il lupus eritematoso sistemico (LES) è il prototipo della...

Co-STAR lymhocytes: the newly engineered weapon to find mutation-dependent cancer cells

T cell-based therapies are among the most promising approaches...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Fumo in gravidanza: la vitamina C protegge i polmoni del piccolo

La vitamina C può ridurre il danno arrecato ai polmoni nei bambini nati da madri che fumano durante la gravidanza, secondo uno studio randomizzato...

HIV: una semi-pandemia mai scomparsa che ha bisogno di maggiore consapevolezza

Nel 2017, sono state 3.443 le nuove diagnosi di infezione da HIV, 57-60 nuovi casi ogni milione di abitanti. Al momento sono circa 38...

Sclerosi multipla: addentro per capire come le infezioni sfociano nella ricaduta

Per la maggior parte di noi, l'influenza è solo l'influenza. Ne soffriamo per diversi giorni e alla fine ci riprendiamo. Ma per i pazienti...