venerdì, Febbraio 23, 2024

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...

Cumino nero: la spezia che mostra potenzialità curative per le malattie cardiovascolari e cerebrali

Nigella sativa: distribuzione ed usi medicinali La Nigella sativa, comunemente...

Ritiro spirituale e benessere psicologico: i primi dati scientifici

Un nuovo studio fa luce sul motivo per cui le persone che frequentano ritiri spirituali riportano un maggiore benessere psicologico, dopo aver scoperto che tali ritiri possono aumentare i livelli di ormoni “positivi” nel cervello. I ricercatori della Thomas Jefferson University di Philadelphia, in Pennsylvania, hanno scoperto che gli individui che hanno partecipato a un ritiro spirituale per 7 giorni hanno sperimentato variazioni di dopamina e serotonina del cervello, il che aumenta la disponibilità di questi neurotrasmettitori. La dopamina aiuta a regolare il movimento e le risposte emotive, mentre la serotonina aiuta a controllare le emozioni e l’umore. Il co-autore Dr. Andrew Newberg, direttore della ricerca presso il Marcus Institute of Integrative Health della Thomas Jefferson University, e colleghi dicono che il loro studio fornisce informazioni sull’impatto emotivo delle pratiche spirituali: “Poiché la serotonina e la dopamina fanno parte dei sistemi di ricompensa e di emozioni del cervello, ci aiutano a capire perché queste pratiche si traducono in esperienze emotive potenti e positive”.

I ritiri spirituali possono essere definiti come un luogo in cui persone di diverse credenze spirituali devono impegnarsi in pratiche volte a rafforzare la loro fede e migliorare la loro salute e il loro benessere. Secondo i ricercatori, un numero crescente di persone sta visitando tali ritiri e gli studi hanno dimostrato che queste persone spesso riferiscono una riduzione di ansia, stress e altri benefici psicologici. Tuttavia, nessuno studio ha esplorato gli effetti neurofisiologici di questi programmi di ritiro. Il team ha cercato di colmare questa lacuna nella ricerca, arruolando 14 adulti cristiani di età compresa tra 24 e 76 anni. I soggetti erano tenuti a visitare un ritiro ignaziano per 7 giorni. Qui, i partecipanti si sono impegnati in esercizi spirituali ideati da Sant’Ignazio Loyola, il fondatore dei gesuiti. Ogni giorno, i partecipanti hanno partecipato a una messa mattutina. Per il resto della giornata, i soggetti impegnati nella contemplazione silenziosa, preghiera e riflessione. Hanno anche incontrato un direttore spirituale, che ha fornito indicazioni spirituali e informazioni sugli obiettivi del ritiro.

Prima e dopo aver visitato il ritiro, i partecipanti hanno subito la tomografia computerizzata a emissione di fotoni singoli DaTscan (SPECT), che ha permesso ai ricercatori di valutare la loro attività cerebrale. I soggetti hanno anche completato una serie di questionari che hanno valutato il loro benessere fisico e psicologico. Dopo il ritiro di 7 giorni, i partecipanti hanno dimostrato una riduzione del 5-8% nel legame del trasportatore della dopamina, nonché una riduzione del 6,5% nel legame al trasportatore della serotonina. I ricercatori dicono che queste diminuzioni possono portare a una maggiore disponibilità di dopamina e serotonina nel cervello, che possono avere effetti psicologici positivi.I partecipanti hanno anche riportato un aumento dell’auto-trascendenza dopo il ritiro di 7 giorni, che il team afferma correlato con riduzioni del legame con la dopamina. I soggetti hanno anche riportato miglioramenti in salute fisica, tensione e affaticamento. Ci sono stati cambiamenti significativi nei trasportatori di dopamina e serotonina dopo il ritiro di 7 giorni, che potrebbe aiutare i partecipanti principali per le esperienze spirituali che hanno riportato.

In studi futuri, i ricercatori desiderano individuare le pratiche specifiche nei ritiri spirituali responsabili delle modifiche al legame del trasportatore della serotonina e della dopamina. Vorrebbero anche determinare se i risultati variano a seconda del tipo di ritiro.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Palmer JA et al. Arch Gerontol Geriatr. 2018 Jan 31; 76:1-5

Newberg AB et al. J Physiol Paris. 2015 Dec;109(4-6):214-220

Bazzan AJ et al. Expert Rev Neurother. 2014 Apr; 14(4):411-23.

Choi J et al. Health Care Women Int. 2014;35(11-12):1315-36.

Latest

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...

Cumino nero: la spezia che mostra potenzialità curative per le malattie cardiovascolari e cerebrali

Nigella sativa: distribuzione ed usi medicinali La Nigella sativa, comunemente...

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

Newsletter

Don't miss

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...

Cumino nero: la spezia che mostra potenzialità curative per le malattie cardiovascolari e cerebrali

Nigella sativa: distribuzione ed usi medicinali La Nigella sativa, comunemente...

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Mangiare biologico abbassa davvero il rischio tumori? Viaggio tra credenze, cultura ed evoluzione dei fatti

Il cibo biologico è iniziato come prodotto di nicchia solo pochi decenni fa, ma ora è presente nella maggior parte dei negozi di alimentari...

Bariatric surgery: how does it shift cellular aging?

Obesity increases the risk of a number of serious conditions, not least, diabetes and cardiovascular problems. Being clinically obese also hastens the aging process,...

Demenza fronto-temporale: una terapia mirata verrà con l’aumento delle conoscenze

Gli scienziati riportano in un nuovo studio che imitando un processo naturale di cellule, hanno impedito la formazione di aggregati proteici associati alla sclerosi...