Ibuprofen: la nuova promessa (con riserve) per l’Alzheimer?

L’ibuprofene è un FANS, un tipo di farmaco con azione analgesica, che riduce la febbre e, a dosi più alte, ha effetti anti-infiammatori. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) include l’ibuprofene in un elenco delle esigenze mediche minime per un sistema sanitario di base noto come “Elenco dei farmaci essenziali”. Un farmaco non steroideo non è uno steroide. Gli steroidi hanno spesso effetti simili, ma l’uso a lungo termine può causare gravi effetti avversi. La maggior parte dei FANS non sono narcotici, quindi non causano insensibilità o stupore. L’ibuprofene, l’aspirina, il diclofenac, il ketoprofene e il naprossene sono tutti noti FANS, disponibili nelle farmacie. L’ibuprofene agisce bloccando la produzione di prostaglandine, sostanze che il corpo rilascia in risposta a malattie e lesioni. Le prostaglandine causano dolore e gonfiore o infiammazione. Vengono rilasciati nel cervello e possono anche causare febbre. Gli effetti antidolorifici dell’ibuprofene iniziano subito dopo l’assunzione di una dose. Gli effetti anti-infiammatori possono richiedere più tempo, a volte diverse settimane. L’ibuprofene è disponibile sotto forma di gel, spray, compresse o mousse e viene utilizzato per alleviare una varietà di sintomi. Questi includono: febbre, infiammazione, mal di testa, mal di denti, mal di schiena, artrite e dolori mestruali.

Giustamente per le proprietà antinfiammatorie, il dott. Patrick McGeer, che è il CEO della Aurin Biotech in Canada, ha condotto uno studio che descrive come l’ibuprofene potrebbe ridurre l’infiammazione causata dal peptide beta-amiloide. Il documento è stato recentemente pubblicato sul Journal of Alzheimer’s Disease. La malattia di Alzheimer è la forma più comune di demenza. La ricerca continua per le cause esatte dell’Alzheimer, ma il peptide beta-amiloide si crede abbia un ruolo nella malattia. Il beta-amiloide può aggregarsi e formare “placche” nel cervello, che interferiscono con la comunicazione delle cellule cerebrali, che può portare a perdita di memoria, cambiamenti comportamentali e molti altri sintomi caratteristici della malattia. In uno studio pubblicato l’anno scorso, il dott. McGeer e colleghi hanno già rivelato che il peptide beta-amiloide (A-beta 42) è presente anche nella saliva, e che i suoi livelli sono più alti negli adulti a maggior rischio di Alzheimer. Sulla base di questi risultati, il team suggerisce che un test della saliva potrebbe essere usato per prevedere il rischio della malattia di Alzheimer anni prima che insorgessero i sintomi.

“Quello che abbiamo imparato attraverso la nostra ricerca”, riferisce il Dr. McGeer, “è che le persone che sono a rischio di sviluppare l’Alzheimer mostrano gli stessi livelli elevati di Abeta 42 delle persone che già lo possiedono. Inoltre, mantengono quei livelli elevati per tutta la loro vita quindi, teoricamente, potrebbero essere testati in qualsiasi momento”. Nel loro studio, i ricercatori sostengono che l’ibuprofene potrebbe prevenire lo sviluppo dell’Alzheimer in persone con alti livelli di Abeta 42. Il dott. McGeer e il team indicano ricerche precedenti che hanno condotto, in cui hanno suggerito che Abeta 42 innesca una risposta infiammatoria. Questa risposta potrebbe essere ridotta dall’ibuprofene e altri FANS, affermano i ricercatori, che potrebbero fermare l’Alzheimer nelle sue tracce. Il team afferma che l’identificazione del rischio di Alzheimer attraverso un test della saliva offrirebbe alle persone l’opportunità di prevenire lo sviluppo dell’Alzheimer attraverso una dose giornaliera di ibuprofene. “Sapendo che la prevalenza della malattia di Alzheimer inizia a 65 anni”, spiega il Dr. McGeer, “raccomandiamo che le persone vengano testate 10 anni prima, all’età di 55 anni, quando l’inizio del morbo di Alzheimer di solito inizia”.

Egli saluta il test della saliva come una “vera svolta” perché “indica una direzione in cui la malattia di Alzheimer può essere eliminata”. Tuttavia, le affermazioni del Dr. McGeer sono state accolte con alcune critiche. Il dott. Doug Brown, responsabile della Politica e della Ricerca presso l’Alzheimer’s Society nel Regno Unito, ritiene che sia troppo presto per raccomandare l’ibuprofene quotidiano per la prevenzione dell’Alzheimer. “Gli studi sulla popolazione”, afferma, “che raccolgono grandi quantità di informazioni da cartelle cliniche di migliaia di persone, hanno sollevato l’idea che l’assunzione di ibuprofene e di altri antinfiammatori da banco potrebbe essere collegata a un minor rischio di demenza. Ma i risultati degli studi clinici con questi farmaci sono stati finora deludenti”. Il suggerimento dei ricercatori in questo articolo che l’assunzione di un farmaco antinfiammatorio giornaliero non appena un risultato positivo per il rischio di demenza è dimostrato da un test della saliva è prematuro, sulla base delle prove al momento. Inoltre, i rischi di uso a lungo termine di FANS, tra cui sanguinamento intestinale, danni allo stomaco e ai reni, riscuoterebbero il loro tributo.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2484 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it