giovedì, Maggio 30, 2024

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Diabete: si studia come gli estrogeni collaborano con gli ormoni del pancreas

Si stima che circa 30,3 milioni di persone negli Stati Uniti – o circa il 9,4% della popolazione – vivano con il diabete, che è una condizione che fa aumentare i livelli di glucosio nel sangue. Il diabete di tipo 2 rappresenta circa il 90-95% di tutti i casi di diabete. Ricerche precedenti hanno suggerito che, dopo la menopausa, le donne potrebbero essere esposte a un maggior rischio di diabete di tipo 2. Questo è stato attribuito a cambiamenti ormonali, come una riduzione dei livelli di estrogeni. A seguito di tali studi, gli scienziati hanno studiato se la terapia sostitutiva con estrogeni potrebbe aiutare a prevenire il diabete di tipo 2 tra le donne in postmenopausa e molti studi hanno prodotto risultati positivi. Oltre al ruolo cruciale nello sviluppo e nella riproduzione sessuale, gli estrogeni prevengono l’insorgenza di adiposità viscerale, insulino-resistenza e intolleranza al glucosio sia negli uomini che nei modelli animali. Sostenendo gli effetti benefici degli estrogeni sull’omeostasi del glucosio, le donne in età riproduttiva presentano una maggiore sensibilità all’insulina rispetto agli uomini di età corrispondente. Inoltre, le terapie sostitutive a base di estrogeni riducono l’incidenza di T2D nelle donne in postmenopausa.

È importante sottolineare che le donne mostrano anche una percentuale di un ormone chiamato GLP-1 più alta del 20% rispetto agli uomini di età corrispondente, suggerendo che gli ormoni sessuali possono controllare il rilascio di GLP-1. Detto questo, i meccanismi esatti con cui gli estrogeni possono proteggere dal diabete di tipo 2 non sono stati chiariti – fino ad ora. In uno studio su topi e cellule umane in post-menopausa, i ricercatori hanno scoperto che gli estrogeni si rivolgono a specifiche cellule del pancreas e dell’intestino per aumentare la tolleranza al glucosio. Questo è associato a un minor rischio di diabete di tipo 2.  Il leader dello studio Jacques Philippe, che è un diabetologo che lavora attualmente presso Facoltà di Medicina dell’Università di Ginevra in Svizzera, e colleghi hanno recentemente riportato i loro risultati sulla rivista JCI Insight. Per il loro studio, Philippe e colleghi hanno somministrato estrogeni a topi in postmenopausa. Mentre studi precedenti si sono concentrati principalmente su come gli estrogeni colpiscono le cellule produttrici di insulina del pancreas, questo ultimo studio ha anche esaminato il modo in cui l’ormone influisce sulle cellule che producono glucagone, che è un ormone che aumenta il glucosio nel sangue.

“Infatti,” dice Philippe, “se il pancreas secerne l’insulina, esso secerne anche il glucagone, un ormone con l’effetto opposto: l’insulina cattura lo zucchero, mentre il glucagone lo rilascia. Il diabete è quindi dovuto a uno squilibrio tra questi due ormoni che controllano il livello di zucchero nel sangue”. Il nuovo studio ha rivelato che le cellule alfa del pancreas (che secernono il glucagone), sono altamente sensibili agli estrogeni; l’ormone gli fa rilasciare meno glucagone, ma più di GLP1. In particolare, GLP1 viene rilasciato anche dall’intestino dopo aver mangiato; incoraggia la secrezione di insulina, blocca la secrezione di glucagone e aumenta la sensazione di pienezza. Infatti, le cellule intestinali chiamate cellule L  sono molto simili alle cellule alfa pancreatiche e la cui funzione principale è precisamente quella di produrre GLP1. Il team ha anche osservato un forte aumento della produzione di GLP1 nelle cellule intestinali, dimostrando così il ruolo cruciale dell’intestino nel controllo dell’equilibrio dei carboidrati e l’influenza degli estrogeni sull’intero metabolismo in gioco. I ricercatori sono stati in grado di confermare i loro risultati nelle linee cellulari umane. La terapia ormonale sostitutiva è stata associata a una serie di rischi per la salute delle donne in postmenopausa, come per le malattie cardiovascolari.

Se il trattamento ormonale viene assunto più di 10 anni dopo la menopausa, il rischio cardiovascolare è effettivamente aumentato. Tuttavia, sottoporsi a terapia sostitutiva con estrogeni solo per pochi anni poco dopo la menopausa, non sembra aumentare il rischio cardiovascolare, ma potrebbe aiutare a ridurre il rischio di diabete di tipo 2.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Handgraaf S et al., Gosmain Y. JCI Insight 2018 Apr 5;3(7).

Petrenko V et al. Genes Dev. 2017 Feb 15;31(4):383-398.

Dusaulcy R et al. Endocrinology. 2016 Feb;157(2):536-47. 

 

Latest

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Newsletter

Don't miss

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

COVID-19: la comparsa di nuove varianti, la diffusione e l’efficacia dei vaccini

A più di un anno dall’inizio della pandemia della malattia da coronavirus (COVID-19), causata dal coronavirus SARS-CoV2, diversi paesi stanno iniziando a lanciare sforzi...

Bioterapia della sclerosi multipla: un integratore ricorda ai precursori nervosi come maturare di nuovo

Il fallimento di una robusta rimielinizzazione dopo la demielinizzazione infiammatoria nella sclerosi multipla porta a disabilità cronica e neurodegenerazione. La mielina isola i lunghi...

SERDegrons: gli anti-cancro mammario rivoluzionari

I ricercatori dello Stevens Institute of Technology e colleghi hanno progettato e sviluppato una nuova classe di molecole che utilizzano un meccanismo mai conosciuto...

Questo si chiuderà in 20 secondi