Home RICERCA & SALUTE SLA: svelato il ruolo tossico degli astrociti sui motoneuroni

SLA: svelato il ruolo tossico degli astrociti sui motoneuroni

La sclerosi laterale amiotrofica (SLA) è una malattia neurodegenerativa che danneggia i motoneuroni nel cervello e nei midolli spinali. Non ci sono terapie efficaci per la SLA o sindromi simili, ma ci sono prove convincenti che le cellule gliali e immunitarie contribuiscono alla progressione di malattie neurodegenerative come la SLA. La risposta immunitaria adattativa è stata implicata nei processi patologici della SLA, ma rimane sconosciuta se anche la segnalazione immunitaria innata contribuisce alla progressione della SLA. Ora, il gruppo di ricerca guidato dal professor Koji Yamanaka presso l’Università di Nagoya ha rivelato che il deficit della proteina TRIF, che è essenziale per alcune cascate di segnalazione Toll-like (TLR), ha ridotto significativamente il tempo di sopravvivenza dei topi ALS. Per testare il ruolo della risposta immunitaria innata nel modello murino di SLA, i ricercatori si sono concentrati sui recettori Toll-like (TLRs), che sono importanti sensori per l’immunità innata.

La segnalazione TLR richiede TRIF e MyD88, due proteine adattatore critiche per la trasmissione dei suoi segnali (trasduzione). Okiru Komine, primo autore dello studio afferma: “Abbiamo scoperto che l’ablazione di TRIF riduce significativamente il tempo di sopravvivenza dei topi ALS. Anche se MyD88 è un adattatore cruciale per la maggior parte dei percorsi di segnalazione TLR, la carenza di MyD88 non ha avuto alcun impatto sul decorso della malattia. Inoltre, abbiamo scoperto che astrociti attivati ​​in modo anomalo venivano accumulati nelle lesioni dei topi ALS carenti di TRIF”. Gli astrociti, un tipo di cellule gliali, sono le cellule di supporto per la sopravvivenza e la funzione dei neuroni nel cervello, poichè secernono molti tipi di molecole neuroprotettive. Tuttavia, nella lesione della SLA, gli astrociti cambiano le loro forme e alcuni di essi sono attivati ​​in modo anormale (diventano positivi per markers come p62 e Mac2) per secernere molecole dannose ai neuroni.

Questi astrociti attivati ​​aberrante hanno una produzione esagerata di radicali liberi reattivi tossici (ROS). I ricercatori hanno scoperto che la segnalazione a partire da TRIF è in grado di eliminare questi astrociti attivati ​​aberrante tramite apoptosi, un programma di suicidio delle cellule. In assenza di TRIF, questi astrociti si sono accumulati. Inoltre, il numero di astrociti attivati aberranti era correlato negativamente con il tempo di sopravvivenza dei topi ALS, suggerendo che essi sono tossici per i motoneuroni. “Questi risultati hanno rivelato per la prima volta che la proteina TRIF è coinvolta nell’eliminazione di astrociti attivati ​​in modo anomalo, per mantenere il microambiente circostante dei motoneuroni nei topi ALS”, dice Yamanaka. “L’attuale studio rivela i nuovi ruoli dell’immunità innata nella SLA e fornisce un indizio per sviluppare un nuovo approccio terapeutico per proteggere i motoneuroni della SLA”.

  • a acura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Komine O et al., Yamanaka K. Cell Death Differ. 2018 Mar 22.

Malada-Edelstein Y et al. J Neuroinflammation. 2017; 14(1):33. 

Lee JY, Lee JD et al. J Neuroinflammation. 2015 May 13; 12:90. 

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com

ARTICOLI PIU' LETTI